Manitoba Corporation aiuta ad atterrare su Marte con una telecamera ad alta velocità

È grande quanto una pagnotta. Ma una telecamera rigida e ad alta velocità creata da una società di Mendoza, la MAN, ha svolto un ruolo chiave nell’atterraggio del Persevering Rover della NASA su Marte la scorsa settimana.

“Puoi investirlo, può cadere e puoi lanciarlo dalla tua finestra. Ecco quanto sono potenti”, ha detto Mark Wahoski, presidente della società canadese Photonic Labs, della fotocamera utilizzata per il mega atterraggio del 18 febbraio .

Secondo il suo sito web, la sua azienda, con sede nel Manitoba sud-occidentale – con una popolazione di circa 2.500 abitanti – produce telecamere ad alta velocità per i mercati industriale, scientifico e militare.

Ci sono voluti anni per progettare la Perseverance Camera in modo che potesse resistere alla forza gravitazionale del pianeta e catturare immagini abbastanza velocemente, ha detto Wahoski alla conduttrice della CBC Marjorie Dohos. Suora Radio Venerdì.

“È davvero difficile capire quanto sia veloce”, ha detto. “Vanno ovunque dal normale, 30 fotogrammi al secondo, come la fotocamera di un telefono cellulare, fino a 250.000 fotogrammi al secondo.”

E il test necessario per assicurarsi che sia rilevante per la missione prima che venga inviato nello spazio è altrettanto complicato.

Una delle simulazioni prevedeva l’invio di una slitta di metallo con motori a razzo fissati su di essa sotto un letto ferroviario di cinque miglia in California, ha detto Wahoski.

L’ultimo ha visto un elicottero che volava con un paracadute, legato alla stessa slitta a razzo, a migliaia di piedi in aria prima di mandare la slitta lungo la pista.

“In uno dei test, hanno deciso che dovevano indurire questa parte particolare”, ha detto Wahoski. “Quindi senza quei test, la sonda probabilmente non sarebbe in grado di farlo”.

READ  La Casa Bianca lancia una strategia di protezione planetaria

Ha detto che il rapporto di Manitoba con la NASA risale a quasi 15 anni fa, ma gran parte del lavoro svolto all’epoca era nascosto nel segreto.

“Molti di loro di cui non puoi parlare … fai i test, fai il supporto e passi al progetto successivo”, ha detto.

Tuttavia, Wahoski ha affermato che l’interesse per l’atterraggio perseverante del rover è stato uno sviluppo entusiasmante.

Questa immagine fornita dalla NASA mostra la prima immagine a colori inviata dal rover Perseverance Mars dopo l’atterraggio il 18 febbraio. (NASA / JPL-Caltech / Associated Press)

Una volta che l’atterraggio è finalmente avvenuto, ha detto che aveva una parola per descrivere come si sentiva: fresco.

“Dovevamo solo meditare e dire, ‘Oh ji, sì, abbiamo fatto qualcosa di simile. “

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x