Mars Mission sta ispirando una crescente base di fan in Cina

PECHINO – Cui Tingting si è tinta i capelli di un rosso marziano quando l’astronave cinese ha raggiunto il pianeta conosciuto in cinese come Fire Star.

“Questa è una grande era per lo spazio, e il futuro dell’umanità sta nell’esplorazione dello spazio”, ha detto Cui, direttore della China Mars Association, la filiale locale di una rete di difesa globale. Mercoledì sera ha ospitato un internet party in attesa dell’annuncio che la sonda Tianwen-1, lanciata lo scorso luglio, entrerà nell’orbita di Marte.

Un video clip di partecipanti provenienti da tutta la Cina ha mostrato una replica del robot in roaming Tianwen-1 a casa di un membro della comunità. Qualcuno indossava una tuta spaziale fatta in casa; Un altro ha preso il controllo del suo cane robot.

“La Terra è il nostro pianeta natale … ma per me Marte è lo stesso”, ha detto Coy.

La Cina si sta innamorando dello spazio, ispirata dai piani ambiziosi del Partito Comunista al potere negli ultimi due decenni per lanciare gli esseri umani in orbita ed esplorare la luna e Marte.

I turisti affollano l’isola tropicale di Hainan per assistere all’esplosione del razzo. Altri visitano finte colonie marziane in luoghi desertici con cupole bianche, prese d’aria e tute spaziali. Il numero di programmi TV, libri e fan club a tema satellitare è in aumento.

L’account più popolare sullo spazio sul servizio di microblogging Sina Weibo simile a Twitter, “Our Space”, ha 1,25 milioni di follower.

Il programma spaziale ampliato coincide con la campagna del presidente Xi Jinping per promuovere un’immagine della Cina che ritorna al suo antico splendore come leader mondiale.

READ  L'atmosfera terrestre potrebbe generare un "uragano spaziale"

“È il simbolo della forza per la Cina”, ha detto Chen Qiofan, un autore di fantascienza del Guangdong i cui libri includono The Tides.

Il governo di Xi sta cercando di alimentare l’entusiasmo del pubblico con un piano d’azione quinquennale per sradicare l’alfabetizzazione scientifica. E include la promessa di sostenere lo sviluppo della fantascienza cinese.

A novembre, il governo della città di Pechino ha annunciato l’intenzione di costruire un’area di allestimento di fantascienza per attrarre talenti e creare “opere originali di fantascienza”.

Paragonandolo al Rinascimento, Chen ha detto: “Devi sfruttare il potere dei film, dei film e della fantascienza per trasmettere propaganda e questa idea: dobbiamo andarci”.

Questa storia d’amore si sta diffondendo anche in Giappone, India e altri paesi che inviano sensori attraverso il sistema solare, per entrare a far parte di un club di esploratori a lungo dominato da Washington e Mosca.

La corsa per esplorare Marte è così affollata che il Tianwen-1 non è nemmeno l’unico veicolo spaziale a raggiungere il pianeta questa settimana.

La sonda Amal, lanciata dagli Emirati Arabi Uniti, è entrata in orbita martedì.

A Dubai, la più grande città degli Emirati Arabi Uniti, il governo si aspettava immagini di due lune di Marte nel cielo. Il grattacielo Burj Khalifa a Dubai brillava di rosso di notte. Cartelloni pubblicitari raffiguranti Amal, una torre araba per la speranza, sulle autostrade di Dubai.

In India, una delle più grandi star del cinema del paese, Akshay Kumar, ha guidato un blockbuster nel 2019 chiamato “Mission Mangal”, basato sulla prima missione del paese su Marte.

L’editore del libro, Lavi Tidhar, ha detto che una nuova raccolta di racconti scritti in sei lingue chiamata “The Best of the World SF” incarna questa meraviglia globale.

READ  La missione della NASA ingrandirà con un asteroide prima di restituire un campione sulla Terra

Tidhar, cresciuto in un kibbutz, una municipalità collettiva in Israele, ha detto che Marte interpreta spesso nei film di fantascienza americani e britannici il ruolo di un’utopia vergine nell’amara realtà che vive la Terra, ma da nessun’altra parte. Nei suoi romanzi “Le sabbie di Marte” e “La stazione centrale”, l’Unione Sovietica, la Cina e Israele sbocciarono di nuovo nel tetro paesaggio di Marte.

“È noioso, fa caldo, è stretto. È un po ‘come crescere in un kibbutz – tranne che non puoi mai andartene”, ha detto.

Il primo libro di fantascienza della Cina, “La città dei gatti”, fu collocato nel 1933, su Marte.

Caricamento in corso…

Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…

Il genere è scomparso durante l’estrema rivoluzione culturale tra il 1966 e il 1976, quando la corsa allo spazio tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica ha ispirato gli studi cinematografici a rilasciare “2001: Odissea nello spazio” e “Solaris”.

La Cina riabbraccia altri mondi dell’immaginazione con l’enorme successo di “The Three Body Problem” di Liu Cixin, pubblicato per la prima volta come serie di riviste dal 2006 al 2010. Nel 2015, Liu è diventato il primo scrittore cinese a ricevere un premio Hugo, La scienza è medaglia più alta nella narrativa.

Il rivoluzionario film in stile hollywoodiano, The Wandering Earth, basato sul romanzo di Liu, ha incassato oltre 700 milioni di dollari in tutto il mondo nel 2019.

La Cina è diventata il terzo paese a lanciare un astronauta in orbita da sola nel 2003, quattro decenni dopo l’ex Unione Sovietica e gli Stati Uniti.

READ  Le zanzare modificate riducono i casi di dengue del 77% nello studio in Indonesia

Il suo primo laboratorio orbitale temporaneo è stato lanciato nel 2011 e il secondo nel 2016. I piani prevedono una stazione spaziale permanente dopo il 2022.

I funzionari spaziali hanno espresso la speranza per una missione lunare con equipaggio all’inizio di quest’anno, ma hanno detto che dipende dal budget e dalla tecnologia. Hanno spinto quell’obiettivo oltre il 2024.

Gli scrittori di fantascienza stanno già filmando le colonie cinesi su Marte.

Il romanzo di Hao Jingfang “Vagabonds”, pubblicato lo scorso anno, è ambientato tra una società marziana libera dalla povertà ma dal militantismo e una terra povera, affollata e inquinata. Howe è diventato il primo scrittore cinese a ricevere il Premio Hugo nel 2016.

Il libro di Luo Lingzuo del 2019, “A Land With No Frontiers”, immagina scienziati cinesi che alterano geneticamente le patate per crescere nel suolo ambrato di Marte. Il film del fisico Liu Yang “Orphans of the Red Planet”, sugli studenti delle scuole superiori su Marte che combattono alieni ostili, è stato trasformato in una serie TV.

“Dobbiamo andare nello spazio”, ha detto Chen, un autore di fantascienza del Guangdong. “Allora avremo un potere equivalente a quello degli Stati Uniti, e allora potremo diventare il gigante”.

Tsui, della Mars Society, sta già organizzando un’altra festa a maggio, quando il robot Tianwen-1 dovrebbe atterrare.

___

A questo rapporto hanno contribuito i ricercatori dell’Associated Press Caroline Chen a Pechino e Chen Si a Shanghai, gli autori Isabel Debre di Dubai, Emirati Arabi Uniti, e Krotika Pathi a Nuova Delhi.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x