Matt Damon cerca di annullare una storia di diffamazione anti-gay, ma il danno è fatto

Ci sono alcune benedizioni sociali che dovresti sapere quando compiono 50 anni, e pensi che una di queste sia non usare l’insulto omofobico “f*g”. Nel caso dell’attore e provocatore accidentale Matt Damon, ti sbaglieresti.

in un Un’intervista al Sunday Times pubblicata questo fine settimanaDamon sembrava rivelare che solo pochi mesi fa ha smesso di usare la calunnia, dopo che sua figlia lo ha fatto sedere e ha spiegato perché non l’avrebbe fatto. Ma da lunedì pomeriggio, Damon si è tirato indietro dall’accettare la sua Una lunga dichiarazione di Variety Riprende e chiarisce l’aneddoto in questione:

Ho spiegato che questa parola è stata usata in modo coerente e casuale ed è stata anche una linea di dialogo in un film Lee di recente nel 2003; A sua volta, ha espresso senza dubbio che ci sarebbe stato un tempo in cui aveva usato questa parola senza pensare. Con mia ammirazione e orgoglio, è stata molto esplicita su quanto questa parola possa essere dolorosa per qualcuno nella comunità LGBTQ+, non importa quanto possa essere culturalmente normalizzata. Non solo andavo d’accordo con lei, ma ero entusiasta della sua passione, dei suoi valori e del suo desiderio di giustizia sociale. . . .

Ho imparato che eliminare il pregiudizio richiede un movimento attivo verso la giustizia piuttosto che trovare conforto passivo nell’immaginarmi come “il bravo ragazzo”. Dato che l’ostilità aperta contro la comunità LGBTQ+ rimane rara, capisco perché la mia affermazione ha portato molti a pensare il peggio.

Questo è un po’ diverso dall’intervista di Damon con il Sunday Times, in cui ha detto: “Ho fatto uno scherzo, mesi fa, e ho ricevuto una lettera da mia figlia. Ho lasciato il tavolo. Ho detto: ‘Dai, è uno scherzo. !'” Lo dico in Bloccato su di te! Sono andato nella sua stanza e ho scritto un lungo e bellissimo articolo su quanto sia pericolosa questa parola, e ho detto: “Ho ritirato la parola ‘f-slur’!” Ho capito.

READ  La data di uscita di Hot Wheels Unleashed è fissata per settembre su console e computer

Il Sunday Times osserva nel suo profilo che Damon ha condiviso questa storia “come parte di una più ampia conversazione sui cambiamenti nella mascolinità moderna”. Ma se Damon di recente ha pensato che imparare a insultare fosse sbagliato perché l’uomo di mezza età era qualcosa di cui vantarsi, aveva qualcos’altro in arrivo.

La pubblicazione dell’intervista è stata seguita quasi immediatamente da un’ondata di reazioni e sospetti sui social media e, nonostante l’ultima dichiarazione di Damon, molti hanno continuato a mettere in discussione il trattamento dell’identità LGBTQ e della rappresentazione dei media da parte dell’attore in passato come estensione dell’intervista. Il riferimento di Damon al suo film “Stuck in You” che usa f-slur come “scherzo” sembra particolarmente significativo.

Adrienne Lawrence, analista legale ed educatrice, ha twittato dei commenti di Damon: “Se Matt Damon usa insulti anti-gay a tavola nel 2021, non puoi dirmi che non usa insulti razziali neanche. Scommetto.” Damon ha già affrontato un contraccolpo per Pratiche di casting criticate per promuovere la diversità nel 2015.

“Ho avuto la salsa ranch nel mio frigorifero per più tempo di quanto Matt Damon non abbia usato insulti anti-gay e in qualche modo pensa di meritare il merito per uno sforzo così enorme”, ha scritto il rappresentante del Michigan Lori Pohotsky in tweet.

L’attivista LGBTQ Charlotte Clemmer ha scritto in un tweet che la grande rivelazione di Damon è ‘Più di 10 anni fa un po’ di cose.’

“Voglio sapere quale parola Matt Damon ha sostituito con la parola”, il comico Billy Eichner cinguettare.

Alcuni ipotizzano che nel raccontare la storia del suo viaggio per lasciar andare gli insulti anti-gay, Damon potrebbe non essersi reso conto di quanto sia offensivo questo metodoO quanto controversa sarebbe stata la sua storia. Finora, il suo tentativo di controllare i danni attraverso il backtracking ha fatto ben poco per sedare il contraccolpo.

READ  Chi sta entrando San Marino in Eurovision 2020? Incontra il tuo Sunhet

L’intervista di Damon con il Sunday Times faceva parte di una serie di apparizioni sulla stampa che promuovevano il suo ultimo film, “Stillwater”, basato sulla vera storia di Amanda Knox, una donna americana ingiustamente accusata e imprigionata per il suo omicidio. compagno di stanza mentre studiava all’estero in Italia. Da allora, Knox ha criticato il film per aver approfittato del suo trauma, distorcendolo e prendendo in giro la sua storia.

In un modo o nell’altro, il tour promozionale di Damon per Stillwater sta funzionando, perché se non gli abbiamo prestato attenzione prima della scorsa settimana, lo siamo sicuramente ora.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x