Max Mosley: il padrino della Formula 1 che ha cambiato le corse

Max Mosley, morto di cancro all’età di 81 anni, ha vissuto una vita molto vivace. Il figlio del leader della Federazione britannica dei fascisti, Sir Oswald Mosley, era la mente dello sport delle corse ad alto numero di ottani e lo fece causa con successo. notizie dal mondo Dopo che sono state fatte accuse feroci su di lui.

Il suo fascino e la sua mente legale si combinano con le capacità di negoziazione di strada di Bernie Ecclestone per formare una partnership. Come capi della Formula 1, hanno trasformato lo sport in un gigante commerciale, hanno implementato migliori standard di sicurezza in pista e hanno aiutato Mosley a liberarsi dal suo background familiare.

Max Rufus Mosley è nato a Londra nell’aprile 1940, sette mesi dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale. In poche settimane, il governo britannico aveva tenuto suo padre, un ex parlamentare conservatore e laburista che era stato disilluso dalla politica mainstream, nella prigione di Holloway, e sua madre, Diana, che è la terza delle sei famigerate sorelle di Metford, a Holloway per il loro fascismo visualizzazioni. Le camicie BUF nere sono bandite.

Quando i suoi genitori alla fine si trasferirono all’estero, Max è cresciuto in Irlanda e ha frequentato scuole in Francia e Germania prima di iscriversi a Millfield, nel Somerset.

Si è laureato in fisica a Christ Church, Oxford, dove era segretario della Student Union, dove ha incontrato Jan Taylor, che ha sposato nel 1960, un anno prima della laurea. Mentre era lì, ha anche assistito per la prima volta alle corse automobilistiche, sul vicino circuito di Silverstone.

READ  Harvey Barnes coglie l'occasione per sfruttare ancora una volta il familiare problema dell'Aston Villa

Successivamente, ha studiato legge al Gray’s Inn, Londra – allo stesso tempo ha prestato servizio nel Reggimento paracadutisti dell’esercito regionale (1961-1964) e faceva il giro delle voci per il movimento sindacale di estrema destra di suo padre. Ha conseguito l’abilitazione alla professione di avvocato nel 1964 e ha lavorato come specialista in diritto dei brevetti e dei marchi.

Moseley insegnava legge la sera per risparmiare abbastanza soldi per iniziare da solo le auto da corsa. Ha partecipato a più di 40 gare nel 1966 e nel 1967 e ne ha vinte 12.

L’anno successivo, ha co-fondato il London Racing Team, con Chris Lambert, per competere nel campionato europeo di Formula 2 appena lanciato. Tragicamente, nel giro di pochi mesi, Lambert morì in un incidente automobilistico.

Moseley ha partecipato alle indagini di Levson a Londra nel 2012

(GT)

Moseley si è poi trasferito al team di Formula 2 di Frank Williams prima di ritirarsi nel 1969 – dopo due incidenti con la sua Lotus – per formare March Engineering con altri tre per la produzione di auto da corsa. Si prese cura del lato commerciale e legale dell’attività e Jackie Stewart divenne il pilota più famoso, ma il successo iniziale della società in Formula 1 svanì.

Nel 1977, Mosley vendette le sue azioni e divenne un consulente legale della Foca (Federation Internationale de), che aveva fondato con Bernie Ecclestone tre anni prima per rappresentare le squadre di corse britanniche nelle trattative con l’organo di governo della F1, la FIA (Federation Internationale de ). l’Automobile).

La coppia ha trascorso gli anni successivi a lottare per i diritti televisivi e commerciali. Le squadre hanno minacciato di formare i propri campionati separati prima che la Visa (FIA) – un sottocomitato indipendente incaricato dalla FIA di supervisionare gli sport motoristici – accettasse l’accordo Concorde del 1981.

Moseley con i suoi genitori, Diana e Sir Oswald, nel 1962

(GT)

Ciò ha aperto opportunità commerciali, tra cui una maggiore sponsorizzazione, e ha aperto la strada a Ecclestone – che gestiva la sua nuova attività sui diritti televisivi di Formula Uno – e Mosley a diventare il padrino di questo sport.

L’ascesa di Moseley fu rapida. È diventato presidente del Comitato dei produttori per Visa in successione nel 1986, Visa stessa nel 1991 e International Automobile Federation nel 1993. La sua unica delusione durante quel periodo è stata che le sue ambizioni politiche sono state vanificate dalla sua incapacità di essere selezionato come candidato conservatore nelle elezioni del 1983. Alla fine degli anni ’90, è stato donatore del governo laburista guidato da Tony Blair.

Oltre ai miglioramenti commerciali nel motorsport, la sua modernizzazione e ristrutturazione ha incluso una maggiore sicurezza sulla scia della morte di Ayrton Senna nel Gran Premio di San Marino del 1994.

Le potenze del motore sono state ridotte, sono state introdotte nuove salvaguardie per il guidatore, è stata adottata una politica a emissioni zero e sono stati effettuati investimenti significativi in ​​luoghi del Gran Premio appositamente costruiti, come Shanghai.

Non molto popolare tra i team di Formula 1 è stata la sua estensione di 100 anni dei diritti televisivi a Ecclestone Enterprises per soli $ 360 milioni.

Nel 2008, dopo notizie dal mondo Moseley è stata fotografata con cinque prostitute in quella che ha descritto come una “orgia nazista malata” in uniforme militare tedesca e pigiama in stile campo di concentramento. Moseley è riuscita a intentare una causa contro il giornale per violazione della privacy, e un giudice della Corte Suprema ha stabilito che c’era nessun elemento nazista.

Ha detto alla corte: “Per tutta la vita, ho bloccato i miei antenati, i miei genitori, e l’ultima cosa che voglio fare in un contesto sessuale è un promemoria”.

Dopo le dimissioni da presidente della FIA l’anno successivo, Moseley ha sostenuto il gruppo di lobbying Hacked Off e ha pagato le spese del tribunale ad alcuni ricorrenti che sostengono che i loro telefoni siano stati violati in precedenza. notizie dal mondo.

La sua biografia, Formula Uno e oltre, Pubblicato nel 2015.

La moglie e il figlio di Moseley, Patrick, sopravvivono. Il loro altro figlio, Alexander, è morto per overdose di droga nel 2009.

Max Mosley, avvocato e direttore esecutivo delle corse automobilistiche, nato il 13 aprile 1940, è deceduto il 23 maggio 2021

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x