― Advertisement ―

spot_img

Come i lavoratori indiani cadono nella trappola della moderna schiavitù nelle aziende agricole italiane

Un gran numero di indiani, provenienti principalmente dal Punjab, raggiungono illegalmente le fattorie italiane dove sono costretti a lavorare come schiavi dai loro datori...
HomeEconomyMeloni afferma che il pacchetto di aiuti dell'UE è in viaggio verso...

Meloni afferma che il pacchetto di aiuti dell’UE è in viaggio verso la Tunisia

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha dichiarato venerdì che i leader di Italia, Paesi Bassi e Commissione europea dovrebbero annunciare un pacchetto di aiuti dell’UE quando visiteranno la Tunisia domenica.

La visita arriva mentre i paesi donatori stanno spingendo il presidente Kais Saied ad accettare le riforme necessarie per finalizzare un prestito dal Fondo monetario internazionale che, a sua volta, sbloccherebbe ulteriori fondi sotto forma di aiuti bilaterali. Meloni ha incontrato Saeed all’inizio di questa settimana. Tuttavia, Saied non ha mostrato alcun segno di volersi muovere, e con il tempo che sta per salvare le finanze tunisine, i donatori affermano che il governo non ha fatto nuove proposte per un accordo alternativo con il Fondo monetario internazionale.

Il governo sta già lottando per finanziare alcune importazioni chiave, portando a carenze, e le agenzie di rating del credito hanno avvertito la Tunisia che potrebbe andare in default sul debito sovrano. Le riserve FX questa settimana sono scese a 91 giorni dai 123 giorni di un anno fa. I governi europei temono che le finanze dello Stato tunisino possano crollare, portando a una nuova ondata migratoria attraverso il Mediterraneo.

Meloni viaggerà domenica con il suo omologo olandese Mark Rutte e il commissario europeo Ursula von der Leyen. “Mi sembra che si stiano facendo passi avanti importanti”, ha detto Meloni. Un alto funzionario tunisino ha affermato che qualsiasi aiuto finanziario dall’Europa sarebbe un gesto gradito e “potrebbe incoraggiare la Tunisia a fare di più sulla questione della migrazione”.

Il governo tunisino ha negoziato un accordo preliminare con il Fondo monetario internazionale in ottobre per un prestito di 1,9 miliardi di dollari a sostegno di riforme che includono il taglio dei sussidi e del salario del settore pubblico e la ristrutturazione delle imprese statali. Said ha pubblicamente respinto quelle proposte dal suo governo, descrivendole come a rischio di disordini sociali e come “accendere un fiammifero accanto a esplosivi ad alto potenziale”.

READ  L'Europa si muove per proteggere l'economia da possibili sanzioni russe

Invece, ha proposto di aumentare le tasse per i tunisini più ricchi, ma qualsiasi nuovo accordo basato su questo principio dovrebbe essere negoziato con il Fondo monetario internazionale, un processo che potrebbe richiedere mesi. L’alto funzionario ha affermato che la posizione di Saeed “è improbabile che cambi molto”, in particolare la sua opposizione ai tagli ai sussidi.

I donatori hanno chiarito che non sono disposti a fornire sostegno al bilancio a lungo termine alla Tunisia senza un accordo con il Fondo monetario internazionale che li rassicuri che la Tunisia potrebbe eventualmente essere in grado di pagare i suoi debiti. Tuttavia, hanno dato alla Tunisia piccole somme per aiutarla ad acquistare cibo e carburante.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è stata generata automaticamente da un feed sindacato.)