Meloni avvia la riforma del sistema fiscale bizantino in Italia

Meloni avvia la riforma del sistema fiscale bizantino in Italia

(Bloomberg) – Il primo ministro Giorgia Meloni ha avviato una revisione del sistema fiscale bizantino del paese, che includerà una riduzione del numero di scaglioni di imposta sul reddito.

Il ministero delle Finanze ha dichiarato giovedì in una dichiarazione che le modifiche mirano a “semplificare e ridurre il carico fiscale e favorire gli investimenti e l’occupazione”.

La riforma fiscale, la prima in quasi 50 anni, era una delle promesse elettorali della Meloni in campagna elettorale. La bozza di schema approvata dal governo italiano necessita ancora del via libera del Parlamento e poi dell’attuazione da parte del ministero delle Finanze.

I cambiamenti, che possono richiedere almeno due anni per entrare in vigore, sono stati accolti con scetticismo dai sindacati che affermano che la riforma andrà a vantaggio dei redditi più alti e danneggerà i lavoratori a basso reddito.

Il numero di scaglioni di imposta sul reddito sarà ridotto a tre da quattro in una spinta per semplificare un sistema notoriamente complesso. Secondo la dichiarazione, le aziende che assumono nuovi dipendenti a tempo indeterminato pagheranno meno tasse.

Il governo afferma che i cambiamenti renderanno il sistema più gestibile e semplificheranno la lotta all’evasione fiscale, che è costata all’Italia circa 90 miliardi di euro (95,3 miliardi di dollari) nel 2020, secondo gli ultimi dati del Tesoro.

Questo non è un compito da poco in un paese con più di 600 definizioni delle cosiddette “spese fiscali”, che consentono alle aziende di detrarre vari costi dai loro pagamenti fiscali complessivi. La riforma della Meloni mira anche a rivedere questo sistema.

Separatamente, il governo ha anche accettato di riorganizzare il Ministero delle finanze con la creazione di un dipartimento separato per gestire le proprietà delle società governative e le attività strategiche. Nelle prossime settimane il ministero proporrà candidati alla guida di alcune delle più grandi aziende italiane, tra cui Eni SpA ed Enel SpA.

READ  L'Italia sfrutta la UEFA Nations League come un'opportunità per ripartire

© 2023 Bloomberg LP

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x