Messaggio: Le turbolenze politiche in Italia non devono trasformarsi in una crisi economica

Ho seguito con grande interesse la copertura del Financial Times sulle dimissioni del Primo Ministro Draghi e le implicazioni che ciò potrebbe avere per il governo e l’economia italiani (“Mario Draghi si dimette dopo la disintegrazione della coalizione italiana”, FT.com, 21 luglio).

Sotto la guida di Draghi, l’economia italiana ha fatto grandi passi avanti. La stabilità politica del governo di unità nazionale ha aiutato il paese a controllare la riforma ea fornire un piano per la ripresa economica.

Il Piano nazionale per la ripresa e la resilienza (NRRP) ha fornito un pacchetto completo di riforme e investimenti ed è già in corso la prima tranche di finanziamento di NextGenerationEU (NGEU) per investire in settori strategici, iniziative di inclusione sociale e creazione di posti di lavoro. Nonostante il piano sia ancora ai primi giorni di attuazione, ha già dato un importante contributo alla ripresa dell’Italia, con una crescita del PIL del 6,6 per cento lo scorso anno. UniCredit continua a impegnarsi per il NRRP, sostenendo famiglie e imprese, contribuendo a un’economia stabile ed efficiente e garantendo la solidità finanziaria a lungo termine dell’Italia.

La crescita è al centro della strategia di riduzione del debito dell’Italia. Sebbene sostenere questa crescita con stimoli temporanei possa aumentare il disavanzo di bilancio a breve termine, ciò è stato fatto entro i confini di una politica fiscale prudente, consentendo investimenti vitali per garantire l’attuazione delle riforme strutturali.

Tuttavia, il successo di questa strategia dipende in gran parte dalla capacità del governo di distribuire efficacemente i fondi NGEU. Per continuare a prelevare questi fondi, dobbiamo rispettare il calendario e le tappe fondamentali per la riforma stabilite nel programma nazionale di misura e risposta.

READ  Cresce il collegamento Italian Motor City! - CBS Detroit

Mentre ci sarà inevitabilmente incertezza politica a seguito dell’uscita di Draghi, qualsiasi rallentamento negli sforzi per attuare il NRRP sarà a scapito del popolo italiano e dell’economia europea.

Questa può essere una crisi politica, ma non dobbiamo permettere che si trasformi in una crisi economica. Non possiamo permettere che l’attuale instabilità e l’ulteriore divisione politica facciano naufragare piani importanti o annullino il buon lavoro svolto finora. La nuova amministrazione deve andare avanti, non indietreggiare, e invito tutti i leader politici a concentrarsi su ciò che è nell’interesse nazionale.

Pietro Carlo Padoan
Presidente del Gruppo UniCredit ed ex Ministro dell’Economia e delle Finanze italiano
Milano, Italia

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x