Migliaia di gru uccise dall’influenza aviaria nel nord di Israele

Un’epidemia di influenza aviaria nel nord di Israele ha ucciso almeno 5.200 gru migratorie e costretto gli agricoltori a massacrare centinaia di migliaia di polli mentre le autorità cercano di contenere quello che dicono sia il peggior disastro della fauna selvatica nella storia del paese.

Uri Naveh, capo scienziato dell’Israel Parks and Nature Authority, ha affermato che la situazione non è ancora sotto controllo.

“Molti uccelli sono morti nel mezzo del corpo idrico, quindi è difficile tirarli fuori”. Ha detto lunedì.

Il ministro della Protezione ambientale, Tamar Zandberg, ha descritto la crisi come “il più grave danno alla fauna selvatica nella storia del Paese”.

“L’entità del danno rimane poco chiara”, ha scritto su Twitter.

Yaron Michaeli, un portavoce dell’Hola Lake Park, dove sono concentrati i residenti della gru, ha affermato che i lavoratori stanno rimuovendo le carcasse il più rapidamente possibile, temendo che possano infettare altri animali selvatici.

La portavoce del ministero dell’Agricoltura Dafna Jorsta ha affermato che mezzo milione di polli nella zona vengono macellati per prevenire la diffusione della malattia.

Michaeli ha detto che ogni anno circa 500.000 gru passano attraverso Israele nel loro viaggio verso l’Africa, e ne rimangono solo poche. Quest’anno, circa 30.000 gru sono rimaste in Israele per l’inverno.

Michaeli ha affermato di ritenere che le gru siano state infettate da uccelli più piccoli che erano stati in contatto con allevamenti in cui si è verificato un focolaio.

E i media israeliani hanno pubblicato immagini di lavoratori che indossavano tute protettive bianche da materiali pericolosi, raccogliendo carcasse di gru, dopo che la malattia è stata scoperta per la prima volta circa 10 giorni fa.

READ  Musk prende un duro colpo a Biden per non essersi congratulato con l'intera missione civile di SpaceX

Michaeli ha affermato che il bilancio delle vittime tra le gru sembra essersi stabilizzato negli ultimi giorni.

“Questo è un buon segno”, ha detto. “Forse stanno iniziando a superare questo. Si spera molto. “

L’ufficio del primo ministro Naftali Bennett ha affermato che i funzionari dei ministeri dell’agricoltura, dell’ambiente e della salute stanno monitorando la situazione. Ha aggiunto che non ci sono state informazioni immediate sugli infortuni tra le persone.

Il processo di pulizia sta andando più lentamente del previsto. “Stiamo cercando di vedere se ci sono altre soluzioni”, ha detto Naveh.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x