Migliaia di sikh assistono a una parata in Italia prima del referendum del Khalistan

Migliaia di sikh da tutta l’Unione Europea si sono riuniti nella città italiana di Brescia per partecipare alla tappa dell’Unione Europea del Khalistan World Referendum. Murtaza Ali Shah
  • Migliaia di sikh da tutta l’Unione Europea si radunano nella città italiana di Brescia.
  • La votazione sul referendum del Khalistan si terrà domenica.
  • I sikh hanno partecipato alla storica parata del Nagarkirtan per celebrare la festa di Vaisakhi e rivendicare lo stato indipendente del Khalistan.

Migliaia di sikh da tutta l’Unione Europea si sono riuniti nella città italiana di Brescia per partecipare alla fase dell’Unione Europea del referendum globale del Khalistan sulla secessione del Punjab dall’India.

Il gruppo internazionale Sikhs For Justice (SFJ) sta organizzando il movimento referendario del Khalistan e ha guidato migliaia di sikh nel Regno Unito, a Ginevra e ora in Italia.

Le votazioni del Khalistan Referendum si svolgeranno domenica al Brixia Forum, Via Cabrera, 5 25125 Brescia (BS) ma i sikh hanno preso parte alla storica parata del Nagarkirtan per celebrare il festival Vaisakhi e rivendicare l’indipendenza dello stato del Khalistan per milioni di sikh .

Sikhs For Justice ha affermato che l’Italia ospita oltre 200.000 sikh che sono una parte vitale della società italiana ed è per questo che questa città è stata scelta per la marcia e il referendum.

Gurpatwant Singh Pannun, procuratore legale (NY) di SFJ, ha affermato che l’entusiastica partecipazione dei sikh alla parata di Nagarkirtan ha dimostrato il desiderio e le richieste dei sikh di staccarsi dall’occupazione indiana per vivere nella terra libera del Khalistan, dove i sikh sceglierebbero di vivere secondo gli insegnamenti dei loro guru.

Il Dr. Bakhshish Singh Sandhu, Presidente del Consiglio del Khalistan a Washington, DC ha dichiarato: “In base al diritto internazionale e alla Carta delle Nazioni Unite, i sikh hanno un chiaro argomento a favore del diritto all’autodeterminazione sulla base del fatto che hanno un carattere distinto e identità religiosa separata, lingua e lingua che è stata genocida dall’India dal 1984.

READ  Paolo Garbessi guida un turbine di studenti di giurisprudenza per salvare il rugby italiano in rapida ascesa

Sotto il primo ministro Modi, la persecuzione dei sikh per il loro sostegno alla campagna referendaria del Khalistan è aumentata poiché centinaia di persone sono state accusate, detenute e torturate in base alle leggi sulla sedizione dell’era coloniale.

“Il referendum del Khalistan è una campagna legale e democratica perché l’uso del suffragio è il modo più legittimo e pacifico per accertare la volontà del popolo su una questione politica”, ha affermato Dubinjit Singh, coordinatore di Sikhs For Justice UK. Secondo la Carta delle Nazioni Unite e la Dichiarazione universale dei diritti umani, i sikh hanno il diritto di esprimere la loro volontà attraverso un referendum sulla questione della continua associazione del Punjab con l’India e il futuro.

Le radici del movimento sikh in Khalistan risalgono all’azione militare indiana del giugno 1984 – Operazione Blue Star – contro il tempio dorato sikh di Amritsar, in cui migliaia di pellegrini sikh furono uccisi dalle forze di sicurezza, portando all’assassinio di allora- Il Primo Ministro Indira. Gandhi il 31 ottobre è stato seguito da violenze genocide contro i sikh in tutta l’India.

In vista della fase italiana del referendum sul Khalistan, le votazioni sono iniziate il 31 ottobre da Londra, nel Regno Unito, quando migliaia di sikh britannici si sono schierati per votare mentre il governo indiano ha tentato senza successo di bloccare l’evento e diffondere varie notizie false per dissuadere gli elettori sikh dal partecipare alla conferenza . Referendum.

Il primo referendum non governativo in assoluto sulla questione “se il Punjab governato dall’India sia uno stato indipendente” si svolge sotto gli auspici della Commissione Referendum Indipendente del Punjab (RPC) composta dai rinnovati esperti mondiali di Paesi non allineati sull’indipendenza referendum.

READ  I fallimenti di grandi partite mantengono Deepak Bonya lontano dallo status di superstar - Notizie sportive, Firstpost

La missione della commissione è garantire trasparenza, legalità e rispetto delle migliori pratiche durante le procedure di voto e di votazione del referendum del Khalistan.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x