Migranti che cercano di entrare in Polonia, l’UE si prepara a imporre sanzioni alla Bielorussia

Varsavia ha dichiarato mercoledì che i migranti intrappolati in Bielorussia hanno tentato più volte di entrare in Polonia con la forza durante la notte, annunciando di aver rinforzato il confine mentre l’Unione europea si preparava a imporre sanzioni alla Bielorussia per la crisi.

I 27 ambasciatori dell’UE concorderanno mercoledì che il numero crescente di migranti che viaggiano in Bielorussia per raggiungere i confini dell’UE equivale a una “guerra ibrida” del presidente Alexander Lukashenko, una base legale per nuove sanzioni.

“Il signor Lukashenko … sfrutta le persone che chiedono asilo come ostaggi senza scrupoli a causa del suo cinico gioco di potere”, ha dichiarato su Twitter il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas.

Ha descritto le immagini del confine bielorusso, dove le persone sono bloccate in condizioni di congelamento con poco cibo e riparo, come “spaventose”, ma ha affermato che l’UE non può essere ricattata.

L’Unione europea accusa la Bielorussia di incoraggiare i migranti – dal Medio Oriente, dall’Afghanistan e dall’Africa – a cercare di attraversare illegalmente il confine in rappresaglia per le precedenti sanzioni imposte a Minsk per violazioni dei diritti umani.

Lukashenko ha negato di aver usato i migranti come armi e mercoledì ha ottenuto una nuova dimostrazione di sostegno dal suo più potente alleato, la Russia, che ha accusato l’Unione europea della crisi e ha inviato due bombardieri strategici a pattugliare lo spazio aereo bielorusso.

“È chiaro che una catastrofe umanitaria si sta profilando sullo sfondo della riluttanza degli europei a mostrare il loro impegno per i loro valori europei”, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov in una conferenza stampa.


Preoccupazioni per i diritti umani al confine tra Polonia e Bielorussia

Guarda | Bryer Stewart della CBC dà un’occhiata alle crescenti tensioni, alle preoccupazioni sui diritti umani e a ciò che gli immigrati affrontano quando le temperature scendono:

La crisi dei migranti si aggrava ai confini Polonia-Bielorussia

Funzionari polacchi ed europei accusano il governo bielorusso di indirizzare i migranti al confine come rappresaglia per le sanzioni, ma crescono le preoccupazioni per la sicurezza dei migranti dopo almeno 10 morti. 2:01

READ  Il famoso gruppo russo per i diritti umani Memorial rischia di perdere lo status legale

Mercoledì, la coordinatrice delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet ha invitato i paesi a risolvere l'”insopportabile” crisi dei migranti al confine tra Bielorussia e Polonia, affermando che secondo il diritto internazionale alle persone non dovrebbe essere impedito di chiedere asilo.

“Esorto i paesi interessati a prendere provvedimenti immediati per ridurre l’escalation e risolvere questa situazione intollerabile in linea con i loro obblighi

“Le forti risposte incentrate sulla sicurezza e politicamente cariche da entrambe le parti – anche attraverso un maggiore dispiegamento di truppe – e la retorica infiammatoria che accompagna non fanno che esacerbare le vulnerabilità e i rischi affrontati da migranti e rifugiati”, ha affermato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. .

Bachelet ha chiesto che agli operatori umanitari, agli avvocati e ai giornalisti sia consentito l’accesso immediato alle persone bloccate.

“Queste centinaia di uomini, donne e bambini non dovrebbero essere costretti a trascorrere un’altra notte al gelo senza un riparo adeguato, cibo, acqua e cure mediche”, ha detto..


Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha parlato al telefono con il presidente russo Vladimir Putin e ha esortato Mosca a fare pressione sulla Bielorussia sulla situazione al confine, ha detto un portavoce del governo tedesco. L’ufficio di Putin ha affermato di aver suggerito alla Merkel che i membri dell’UE discutessero della crisi direttamente con Minsk.

Migliaia di persone si sono radunate al confine questa settimana, dove recinzioni di filo spinato e soldati polacchi hanno ripetutamente impedito loro di entrare. Alcuni immigrati hanno usato tronchi, vanghe e altri strumenti nel tentativo di sfondare.

“Non è stata una notte tranquilla. In effetti, ci sono stati diversi tentativi di penetrare il confine polacco”, ha detto a PR1 il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak.

READ  Master training: il cane Biden riceve aiuto per adattarsi alla Casa Bianca

Un video dal confine ottenuto da Reuters ha mostrato neonati e bambini tra le persone bloccate lì.

“Ci sono molte famiglie qui con bambini tra i due ei quattro mesi. Non hanno mangiato nulla negli ultimi tre giorni”, ha detto a Reuters la persona che ha fornito il video.

I migranti si trovano sul lato bielorusso del confine con la Polonia, vicino al villaggio di Koznica. (CBC)

Le guardie di frontiera polacche hanno segnalato 599 tentativi di attraversare illegalmente il confine martedì, con nove persone arrestate e 48 restituite. Plaszak ha affermato che la forza dei soldati polacchi di stanza al confine è aumentata da 12.000 a 15.000.

Dopo mezzanotte, due gruppi di immigrati sono stati respinti. Una portavoce ha detto a Reuters che una delle circa 200 persone era vicino alla città di Bialowieza e un’altra delle circa due dozzine è stata respinta vicino a Dubece Sirkeuen.

La vicina Lituania, che ha seguito la Polonia nell’imporre lo stato di emergenza al confine martedì, ha detto che 281 migranti sono stati respinti quel giorno, il numero più alto da agosto, quando sono iniziati i respingimenti.

L’Unione europea accusa Lukashenko di aver usato tattiche “stile gangster” durante lo stallo al confine durato mesi in cui almeno sette migranti sono stati uccisi. Tre diplomatici dell’UE hanno detto a Reuters che le nuove sanzioni dell’UE colpiranno circa 30 persone ed entità, incluso il ministro degli Esteri bielorusso.

Il governo di Lukashenko incolpa l’Europa e gli Stati Uniti per la difficile situazione delle persone bloccate al confine.

Sanzioni alla Bielorussia

La crisi è scoppiata dopo che l’Unione Europea, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno imposto sanzioni alla Bielorussia per la sua violenta repressione delle proteste di piazza di massa scatenate dalla controversa vittoria elettorale di Lukashenko nel 2020.

Lukashenko si è rivolto alla Russia, un alleato tradizionale, per ottenere supporto e finanziamenti per superare le proteste. La crisi dei migranti ha dato a Mosca l’opportunità di raddoppiare il suo sostegno alla Bielorussia, un paese che vede come un cuscinetto strategico contro la NATO, e criticare l’Unione Europea.

Peskov ha accusato l’Unione europea di aver tentato di “strangolare” la Bielorussia.

La Polonia nega le accuse dei gruppi umanitari di violare il diritto internazionale di asilo rimandando i migranti in Bielorussia invece di accettare le loro domande di protezione. Varsavia afferma che le sue azioni sono legali.

Alcuni migranti si sono lamentati di essere stati ripetutamente spinti avanti e indietro dalle guardie di frontiera polacche e bielorusse, mettendoli a rischio di esposizione e senza cibo e acqua.

“Ieri abbiamo aiutato a mettere in sicurezza ed evacuare un gruppo di migranti”, ha detto Michal Swietokrzyski, 30 anni, membro del gruppo di soccorso della Croce Rossa polacca di Ostrowiec Swietokrzyski.

“C’erano 16 persone, per lo più bambini. Non avevano bisogno di cure mediche, anche se abbiamo donato vestiti caldi, coperte e del cibo”, ha detto a Reuters.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x