Ministro dell’immigrazione sull’obiettivo del reinsediamento afghano

Seguendo la modesta aspettativa che Ci vorranno fino a due anni Prima che il Canada possa mantenere la sua promessa di portare 40.000 rifugiati afgani in Canada, il ministro dell’immigrazione Sean Fraser ha affermato che la volontà politica non è la ragione del ritardo.

Parlando con CTV National News, Fraser ha affermato che il governo rimane fedele alla sua promessa, ma osserva che deve affrontare sfide uniche in Afghanistan e in altri paesi in cui i rifugiati sono fuggiti.

Ecco cosa ha detto Fraser riguardo agli sforzi per reinsediare 40.000 rifugiati afgani:

CTV National News: C’è un urgente bisogno di far uscire le persone dall’Afghanistan e il Canada ha promesso di aiutare coloro che hanno servito con il Canada, quelli a rischio. Perchè ci mette tanto?

Congelatore: È importante pensare al fatto che ci sono persone in movimento in questo momento. Finora abbiamo circa 4.700 persone reinsediate in Canada. Proprio la scorsa settimana, abbiamo visto il primo volo charter per rifugiati sponsorizzato da privati ​​arrivare in Canada all’aeroporto di Pearson. Entro la fine di questa settimana arriveranno altre 520 persone e mi aspetto che in futuro vedrai un ritmo più regolare di arrivi.

Per le persone del paese oggi, ricordiamo a noi stessi che abbiamo a che fare con un’area catturata dai talebani, un’entità terroristica elencata nella legge canadese. Non sono dell’umore per fare alcun favore al governo canadese, e se lo fossero, non credo che sarebbero bravi a farlo.

CTV National News: sono rimasti indietro? Parli di sfide apparentemente insormontabili e di sentirsi lasciati indietro in Afghanistan da coloro che sono rimasti indietro.

READ  Putin firma un decreto che dà alla Russia il potere di porre fine alle esportazioni e agli accordi in risposta alle sanzioni occidentali

Congelatore: Sono molto ottimista. Ma l’enormità del compito non ho trascurato. Queste sono le persone che vogliamo aiutare. Posso dirvi che se fosse una questione di volontà politica, questi ragazzi sarebbero qui ieri. Il collo di bottiglia in realtà non è la capacità di elaborazione interna del governo del Canada, o fattori situazionali e ambientali sul campo in Afghanistan, o la capacità dei partner nella regione, o altri tipi di sfide logistiche lungo il percorso.

CTV National News: Quarantamila persone in due anni non sono come essere messe fuori pericolo ora che le loro vite dipendono da questo. Cosa dici a queste persone?

Congelatore: Abbiamo a che fare con il trasloco in una zona di guerra dove non abbiamo una presenza. Una volta che avremo informazioni specifiche che possiamo condividere sui passaggi che l’individuo potrebbe intraprendere nel processo, lo comunicheremo con loro. Nel frattempo, continueremo a lavorare per vedere questi arrivi aumentare il loro ritmo e sistemare più persone nelle nostre comunità il prima possibile. Abbiamo preso un impegno e onoreremo tale impegno, qualunque cosa serva. C’è un numero enorme di persone che hanno dato una buona vita alle forze canadesi durante il nostro tempo in Afghanistan. C’è un numero molto elevato di persone che si sono impegnate pubblicamente per il reinsediamento in Canada. Il Canada è un paese che non si tira indietro rispetto alle sue promesse.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x