Muore a 90 anni Monica Vitti, la “regina del cinema italiano”.





L’attrice italiana Monica Vitti ha ricevuto un Golden Globe Award per la sua carriera appena ricevuto durante una cerimonia ai Cinecitta Cinema Studios di Roma, il 24 giugno 2000. (AP Photo/Marco Ravagli, File)

ROMA (AP) — È morta Monica Vitti, la poliedrica star del cinema de “L’Avventura” di Michelangelo Antonioni e di altri film sull’alienazione italiana degli anni ’60, e poi una delle principali attrice comica. Lei aveva 90 anni.

La sua morte è stata annunciata mercoledì su Twitter da un ex ministro della Cultura, Walter Veltroni, che ha affermato di essere stato invitato a comunicare la sua morte dal marito, il fotografo Roberto Russo.

“Addio alla regina del cinema italiano”, ha scritto in una nota l’attuale ministro della Cultura, Dario Franceschini.

Vitti era stata fuori dai riflettori per anni, vivendo tranquillamente a Roma con il marito. Secondo quanto riferito, soffriva di una forma di demenza.

Nei suoi giorni glamour negli anni ’60, era nota soprattutto per i suoi ruoli da protagonista in “L’Avventura”, “La Notte”, “Eclisse” (“Eclipse”) e “Deserto rosso”, tutti film diretti da Antonioni, il suo amante a quel tempo. I due erano bersagli costanti dei paparazzi.

“L’Avventura” ha conquistato la sua attenzione internazionale e gli elogi per il suo ruolo di donna fredda e gelida che va alla deriva in una relazione con l’amante della sua ragazza scomparsa. In “Deserto rosso”, l’ultimo del ciclo, interpreta una donna che soffre di una nevrosi profonda e inafferrabile mentre lotta per affrontare un mondo industriale trasformato.

I capelli biondi e gli occhi azzurri di Vitti la distinguono dalle classiche star del cinema mediterraneo come la bionda Sophia Loren.

Lo stesso Antonioni ha reso omaggio alla sua performance in una proiezione speciale al Museum of Modern Art di New York nel 1999 in occasione del completamento di un progetto di restauro del cinema italiano.

“La protagonista, Giuliana, attraversa una profonda crisi personale a causa della sua incapacità di adattamento”, ha detto, in un commento letto dalla moglie, Enrica.

Dopo la fine della relazione di Vitti con Antonioni, non hanno più lavorato insieme fino al 1980. A quel punto, ha cambiato bruscamente attenzione e ha iniziato a fare commedie, lavorando con i migliori registi e alcuni dei principali attori italiani, tra cui Alberto Sordi, un tragicomico. , in film i cui personaggi spesso personificavano i punti di forza e le debolezze degli italiani.

Sebbene molti dei film non abbiano ottenuto distribuzione o consensi internazionali, le sue interpretazioni sono state accolte con successo a casa.

Nel 1970, Vitti ha recitato con Marcello Mastroianni nella commedia romantica di Ettore Scola “Dramma della gelosia” (“Il triangolo della pizza”). Nel 1974 ha vinto l’equivalente di un Oscar italiano, un David di Donatello, come migliore attrice in “Polvere di Stelle” di Sordi, uno dei cinque premi di questo tipo nella sua carriera.

Ha recitato in “Le Fantome de la liberte” di Luis Bunuel (“Il fantasma della libertà”) nel 1974, un trattamento surreale delle ipocrisie della classe media, considerato il suo ultimo film importante.

La sua versatilità l’ha distinta dalle altre attrici del suo periodo.

In una scena memorabile in “Amore mio aiutami” (“Aiutami, amore mio”), lei e Sordi si rotolano sulla sabbia scambiandosi schiaffi e pugni. In uno dei suoi unici due film in lingua inglese, si è trovata in una parodia di spionaggio con Terence Stamp e Dirk Bogarde nel 1966 “Modesty Blaise”.

Vitti nasce come Maria Luisa Ceciarelli a Roma nel 1931. Da adolescente è apparsa in produzioni teatrali amatoriali, poi ha studiato come attore all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Roma. Il suo primo ruolo cinematografico è stato in “Ridere Ridere Ridere” di Scola nel 1954. Il suo ultimo film è stato “Scandalo Segreto” nel 1989, che ha scritto, diretto e interpretato.

La sua vita solitaria ha portato a molte speculazioni sullo stato della sua salute. Nel 1988, Le Monde riferì di essere morta per un’overdose di barbiturici. Era molto popolare in Francia e i suoi fan erano indignati.

Qui l’ultima apparizione pubblica è stata nel 2002 per la prima di “Notre Dame de Paris”.

Nel 1995 la Mostra del Cinema di Venezia le ha conferito il Leone d’Oro alla carriera.

Il Premier italiano Mario Draghi ha ricordato Vitti come “un’attrice di grande ironia e talento straordinario, che ha conquistato generazioni di italiani con il suo spirito, la sua bravura e la sua bellezza. Ha portato prestigio al cinema italiano in tutto il mondo”.

READ  Incontra l'architetto saudita che condivide la bellezza degli edifici

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x