Muti: L’anno della pandemia mette a tacere la cultura, lasciando il mondo sbalordito

RAVINA, Italia – Il maestro della stagione musicale italiana Ricardo Muti ha riaperto uno dopo l’altro nella sua città natale, Ravenna – e se tutto va bene potrebbe essere l’ultimo round – di chiusura della pandemia.

Con un deliberato cenno del capo e un gesto del club, il 79enne direttore d’orchestra ha posto fine a quello che era stato un inaspettatamente lungo silenzio nei teatri italiani, facendo arrabbiare un pubblico camuffato e socialmente distante con le prime esibizioni dal vivo dell’Orchestra Filarmonica di Vienna da allora. autunno – due concerti serali di Mendelssohn, Schumann e Brahms.

I concerti hanno lanciato un tour italiano di tre tappe dell’Orchestra Musicale di Vienna per celebrare i 50 anni di relazioni con il direttore, e sono serviti da preludio al Ravenna Summer Festival, che quest’anno segna il 700 ° anniversario della morte di Dante.

“La passione è prima di tutto rinascita, che è una parola positiva, ma significa che qualcosa è morto prima. Quindi, nel contesto della positività, c’è il rimpianto di aver perso qualcosa”. “Abbiamo perso, per un anno, la possibilità di mancare qualcosa. “La vita nel pieno senso della parola.”

“Questo fatto, in quasi tutte le parti del mondo, i teatri sono rimasti vuoti e l’orchestra è stata trasformata in silenzio, qualcosa che non si era mai visto prima”.

Durante quest’anno, Muti non è stato in grado di tornare alla Chicago Symphony Orchestra, dove ha ricoperto la carica di direttore musicale per un decennio. La sua ultima esibizione europea, il tradizionale concerto di Capodanno a Vienna, è stata un trionfo ma è stata eseguita in una sala da concerto vuota. Nelle sue osservazioni conclusive, ha esortato i governi a finanziare la cultura, come il balsamo per la salute mentale che ha subito durante i blocchi della pandemia. “La musica aiuta”, ha detto.

READ  Gara semifinale tra Stati Uniti e Italia Streaming online, programma, coordinamento e altro - Daily Movie

Poco più di un anno fa, Muti ha riaperto la stagione musicale europea dopo la brutale chiusura della primavera 2020 in Italia con un concerto all’aperto dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini da lui fondata. Quindi, la speranza era che i festival musicali estivi fluissero senza intoppi nel calendario delle feste autunnali e che la vita culturale riprendesse. L’altezza del virus autunnale e le sue varianti sono destinate a questo percorso. I musicisti di tutto il mondo sono stati privati ​​del gioco del pubblico, per non parlare del reddito, e il pubblico è stato privato del comfort fornito da un’esibizione dal vivo.

Al-Muti ha definito l’esperienza dell’anno scorso “un’esperienza globale innaturale” che ha sbalordito il mondo.

“Se teniamo veramente conto di come viviamo, diventeremo tutti pazzi. Cerca di mantenere l’illusione di vivere una vita normale. È l’unico modo per arrivare alla fine di questo percorso assurdo.”

Muti ricade nella vita di una festa. Sta effettuando il tanto ridotto tour per il 50 ° anniversario con la Filarmonica di Vienna lunedì a Firenze e martedì alla Scala di Milano, prima di tornare a Ravenna per prepararsi per un’apparizione all’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e per mostrare il suo primo brano musicale scritto per celebrare l’anniversario di Dante basato sull’inno della commedia Divine Purgatory. È uno dei tre, insieme a Inferno e Paradise, commissionati per il festival di quest’anno.

La prima mondiale del musical armeno Tigran Mansourian si terrà nella capitale armena, Yerevan, il 4 luglio, come parte della serie di concerti “Paths of Friendship” nel suo 25 ° anno in città che si stanno riprendendo dalla guerra, dall’odio e dal conflitto. Si ripeterà a Ravenna per celebrare il 700 ° anniversario della morte di Dante a settembre.

READ  3 ricette italiane originali direttamente dal negozio

Muti ha in programma di tornare a Chicago in autunno.

Il Ravenna Festival, fondato 30 anni fa dalla moglie di Motti, Christina Mazavilani Muti, ha riaperto il 2 giugno con un ambizioso programma di 120 spettacoli di musica, danza e teatro fino al 31 luglio, nonostante l’incertezza sul ritmo della riapertura e della rinascita del turismo . In modo ottimale, il programma prevede l’orario degli spettacoli delle 21:30, sebbene il coprifuoco delle 22:00 continui in tutto il paese.

“È un ritorno alla speranza”, ha detto il direttore generale Antonio de Rosa. “Vogliamo ridare dignità al pubblico con la possibilità di ascoltare direttamente”.

Con il suo regime quotidiano di test antivirus, l’Orchestra Musicale di Vienna ha suonato senza maschera, a una distanza di almeno 1 metro. Il pubblico si è diffuso sui quattro livelli di terrazze e ogni altra fila di posti a sedere è stata rimossa, con le regole del governo che limitano i posti nel teatro da 800 posti a 250 persone.

Tra una esibizione e l’altra, i membri dell’orchestra in tournée nella loro uniforme grigia a strisce da palcoscenico per vedere la tomba di Dante dall’altra parte della strada, o per sedersi in un caffè all’aperto vicino al Teatro Alighieri, dal nome del famoso poeta morto a Ravenna il 13 settembre , 1321.

“Ricominciare a fare musica significa ricominciare a vivere. Ricominciare a vivere significa ricominciare a riunirsi”. A meno che non potesse accadere per un anno, è stata una vera tragedia.

Moti ha fatto appello al Ministro della Cultura italiano per finanziare più orchestre, incoraggiato dall’impegno che ha visto lavorare in città come Torino e Palermo in questo anno epidemiologico in gran parte legato all’Italia, dopo decenni trascorsi per lo più all’estero se non con la sua orchestra giovanile. “La loro risposta è stata eccellente”, ha detto, “mi dà speranza”.

READ  Poliziotti italiani fuori servizio trovano una statua saccheggiata in un negozio belga

Caricamento in corso…

Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…

Ha notato che Tokyo, dove Moti ha trascorso alcune settimane con l’Accademia Italiana dell’Opera, ha 17 orchestre. In Italia, culla dell’opera lirica, ce ne sono meno di 30.

Ha detto che la vita culturale è essenziale per riprendersi dall’anno dell’epidemia, soprattutto per i giovani i cui contatti sociali erano notevolmente limitati in un’età critica.

“Qual è il loro futuro? Riusciranno a superare questo trauma? Possono superare questo trauma solo attraverso la fiducia nella vita, che deriva soprattutto dalla socializzazione, dalla convivenza e dalla condivisione della cultura”, ha detto Al Muti. “L’ho già detto e lo ripeto. Sembra ancora che la cultura non sia in cima alla lista delle priorità, ma quasi in fondo”.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x