N.B. i lavoratori degli insediamenti si preparano all’arrivo di centinaia di rifugiati afgani

Le agenzie di insediamento nel New Brunswick hanno già contattato le loro basi di volontariato e si stanno preparando per l’arrivo dei rifugiati afghani, forse questo inverno.

Lunedì, il leader liberale Justin Trudeau ha affermato che il governo sta espandendo il suo programma di reinsediamento afghano e si è impegnato a reinsediare altri 20.000 “nelle prossime settimane”.

I talebani hanno preso il controllo di Kabul domenica con la forza. Le persone continuano a fuggire dal Paese, gli aeroporti sono sovraffollati e, in un caso orribile, si aggrappano all’esterno di un aereo mentre decolla.

Akram Bensalah, direttore esecutivo della New Brunswick Refugee Clinic, ha detto che si aspetta che arrivino nel New Brunswick dai 400 ai 600 rifugiati dall’Afghanistan, sulla base dell’esperienza della provincia con i rifugiati siriani diversi anni fa.

Nel 2015, Trudeau ha promesso di portare circa 20.000 rifugiati siriani in Canada. Centinaia di loro si stabilirono nel New Brunswick, che a quel tempo riceveva il maggior numero di rifugiati siriani pro capite.

Bensalah ha affermato che nessuno sa con certezza quanti rifugiati si stabiliranno in ogni provincia, poiché questa decisione è stata presa da Immigration, Refugees and Citizenship Canada.

Ma di fronte a quella che ha descritto come una “crisi umanitaria”, le agenzie locali si stanno preparando per molti.

“Penso che ora siamo più preparati – ha detto -. Abbiamo avuto l’esperienza e la competenza di un intero settore, in particolare dei fornitori di servizi di liquidazione”.

“So per certo che un enorme database di volontari è già allertato e pronto a rimboccarsi le maniche e contribuire”.

Informazioni mattutine – Moncton18:05Il New Brunswick si prepara al possibile arrivo di centinaia di profughi afgani

Akram Bensalah è un membro del Canadian Refugee Council e direttore esecutivo della New Brunswick Refugee Clinic. Elizabeth Juna è la direttrice delle comunicazioni comunitarie per la Multicultural Association of Greater Moncton (MAGMA). Ben Bouchard è il coordinatore degli insediamenti al MAGMA. 18:05

READ  Dozzine sono state trattate dopo una fuoriuscita di sostanze chimiche in un parco acquatico del Texas Texas

Problemi abitativi, lezioni apprese

Ben Salah è preoccupato per la disponibilità di alloggi permanenti.

Ha detto che molti nuovi arrivati ​​siriani hanno avuto difficoltà a trovare alloggi a prezzi accessibili, soprattutto nel primo anno in cui stavano ancora ricevendo assistenza governativa e non potevano permettersi un alloggio per le loro famiglie solitamente numerose di cinque o sei persone.

Ben Salah ha affermato che la struttura familiare media degli afghani è simile a quella del resto del Medio Oriente.

“Questa si è rivelata una sfida storica”, ha detto.

Centinaia di persone si radunano fuori dall’aeroporto internazionale di Kabul, in Afghanistan, martedì 17 agosto 2021. I talebani hanno dichiarato un'”amnistia” in tutto l’Afghanistan e hanno esortato le donne a unirsi al loro governo martedì, cercando di convincere i residenti preoccupati che erano cambiati dopo una giornata di caos mortale che ha travolto l’aeroporto principale, mentre folle disperate cercavano di fuggire dal paese. (The Associated Press)

Il coordinatore degli insediamenti Ben Bouchard della Multicultural Federation of Greater Moncton sta esaminando le opzioni abitative.

Ritiene che potrebbe essere necessario l’aiuto delle contee e dei governi municipali, ad esempio rendendo i sussidi per la casa più attraenti per i proprietari o rendendo le aree rurali più accessibili ampliando le linee di autobus.

“Queste sono cose che possono fare molto”, ha detto Bouchard.

Parlando con i giornalisti mercoledì, il primo ministro Blaine Higgs ha detto che gli era stato detto che fino a 800 rifugiati afgani potrebbero sbarcare nel New Brunswick, ma ha detto di non conoscere il numero finale.

“Speriamo di trovare tutti i dettagli su questo la prossima settimana o giù di lì e poi inizieremo da lì”, ha detto Higgs.

“Ma dovremo soddisfare le esigenze abitative… come abbiamo fatto prima con i rifugiati”.

Servono più volontari

Elizabeth Juna, direttore delle relazioni con la comunità dell’associazione, ha affermato che la Greater Moncton Area Multicultural Association non è ancora pronta ad accettare donazioni, ma presto pubblicherà un invito per mobili e altri articoli per la casa.

Juna ha detto che l’attuale base di volontari sta già progredendo, ma sono necessari più volontari, specialmente persone in grado di tradurre Dari, Pashto e Farsi e che vorrebbero collaborare con una nuova famiglia.

“È una persona nella comunità – un volto con cui sapranno di lavorare tutto il tempo. Significa molto”, ha detto.

Ben Salah ha affermato che la comunità afghana nella provincia è molto piccola e quindi incapace di fornire molto sostegno.

Ma ha detto che ci sono molti altri volontari disposti a fare il possibile per accogliere e aiutare i rifugiati afghani a stabilirsi.

“Da questo punto di vista, i rifugiati afghani saranno sicuramente ben accuditi quando atterreranno”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x