Nations League: l’Irlanda del Nord può terminare una serie senza vittorie e confrontarsi con San Marino?

Quattordici partite giocate. Dieci sconfitte, quattro pareggi, zero vittorie.

Non importa come la guardi, la storia dell’Irlanda del Nord con la Società delle Nazioni è stata a dir poco triste.

In effetti, gli uomini di Ian Baraklough sono così poveri che sono solo una delle tre squadre che devono ancora vincere una partita nella competizione. Gli altri due? Islanda, Fetch, San Marino.

L’Irlanda del Nord ha altri due tentativi per assicurarsi la prima vittoria a settembre contro Kosovo e Grecia, ma perché la Nations League è stata così negativa?

Come siamo arrivati ​​qui?

È diventato molto chiaro, molto rapidamente, che l’Irlanda del Nord e la Società delle Nazioni non erano destinate a esistere.

Tutto è iniziato pieno di speranza e ottimismo sotto Michael O’Neill nel settembre 2018, pochi mesi dopo che l’Irlanda del Nord ha deciso di prendere un controverso rigore lontano dalla prospettiva di raggiungere la Coppa del Mondo.

Tuttavia, O’Neill non ha potuto ripetere la magia e l’Irlanda del Nord ha perso tutte e quattro le partite contro Bosnia ed Erzegovina e Austria.

Il fatto che la Società delle Nazioni sia stata rinnovata dopo la campagna inaugurale ha salvato l’Irlanda del Nord dall’immediato declino.

Baraklough ha preso il posto di O’Neill diretto allo Stoke City all’inizio della nuova stagione, e ha seguito un promettente pareggio in Romania con una sconfitta per 5-1 sulla Norvegia e un’altra in Austria.

Le cose non andranno molto meglio. Le strette sconfitte contro la Norvegia, con Stewart Dallas che ha segnato un autogol, hanno riassunto la fortuna di NI nella competizione e l’Austria ha continuato la gara.

L’ultimo pareggio in casa contro la Romania non ha risparmiato la retrocessione del Baraklough in Sea Ochs League.

4 giugno incubo

Quattro tappi alla fine di una stagione dura ed estenuante non sono certo la tazza di tè di nessuno.

Tuttavia, la campagna della Nations League 2022-23 è iniziata con un quartetto di testate ed è diventata rapidamente più cupa di quanto inizialmente temuto.

Quattro partite contro squadre classificate più in basso nel mondo sembravano un’occasione perfetta per affermare che una prima vittoria era fuori portata, ma non è andata così.

La Grecia ha eliminato Windsor Park con tutti e tre i punti nella partita di apertura prima di un triste pareggio a Cipro, classificata al 105 ° posto nel mondo.

Il peggio è arrivato in Kosovo, quando l’Irlanda del Nord ha perso 3-2 contro una squadra classificata al 107° posto nel mondo, il che sarebbe stato una sconfitta imbarazzante sul rimbalzo se non fosse stato per il pareggio nel finale di Jonny Evans in casa contro Cipro.

Perché era così povera?

È difficile dire perché l’Irlanda del Nord è solo una delle tre squadre che non hanno ancora vinto una partita della Nations League, ma in alcune partite ci sono evidenti valori anomali.

La pesante sconfitta contro la Norvegia, ispirata a Erling Haaland, è avvenuta in un parco di Windsor senz’anima senza l’Armata Verde e Bianca, che spesso trascinava la squadra attraverso le partite con la loro passione e il loro rumore. Solo 600 erano presenti per sconfiggere l’Austria.

Gli ultimi quattro colpi di testa di giugno sono arrivati ​​​​poche settimane dopo la fine di una lunga stagione, il che potrebbe aiutare a spiegare le prestazioni poco brillanti. Tuttavia, era lo stesso per tutti i paesi e l’Irlanda del Nord non meritava di vincere nessuna delle partite.

Baraclough ha utilizzato la campagna per portare a lato i giovani giocatori, tra cui Conor Bradley, Shea Charles e Paddy Lane. Ciò è dimostrato dal fatto che finora ha utilizzato 37 giocatori nelle sue 10 partite della Nations League.

Ma, come hanno già chiarito con fischi dopo la partita di Cipro in casa un certo numero di verde militare e bianco, le scuse non saranno tollerate se la gara continua.

L'Irlanda del Nord ha perso 3-2 a giugno in trasferta contro il Kosovo, che si è classificato al 107° posto nel mondo
L’Irlanda del Nord ha perso 3-2 a giugno in trasferta contro il Kosovo, che si è classificato al 107° posto nel mondo

Due ultime possibilità

Quindi, eccoci con quelle che possono essere descritte solo come combinazioni imperdibili.

In primo luogo, sabato è il Kosovo a Windsor Park e l’Irlanda del Nord cercherà vendetta da quel punto basso di giugno contro l’Armata Verde e Bianca.

La campagna si chiude con la trasferta più dura contro la Grecia, e se la partita va senza vittorie, la partita di retrocessione diventa una possibilità concreta.

E si qualificano per le ultime due partite, le altre squadre in fondo alla classifica in altri campionati sono Lituania, Bielorussia e Gibilterra. Tutto questo può essere vinto, ovviamente, ma più aspetti, maggiore è la paura di un altro atterraggio.

Riuscirà l’Irlanda del Nord a porre fine alla sua permanenza in Nations League ed eludere il confronto con San Marino, o giocherà più regolarmente con un’altra retrocessione? Solo il tempo lo dimostrerà.

READ  Lasciati abbagliare trasmettendo l'International Women's Champions Cup

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x