Necrologio – Soloshana Viswanathan – San Marino Tribune

Soloshana Viswanathan

Soloshana Viswanathan è deceduta, l’ultima volta a Pasadena, il 20 febbraio 2021, a Los Angeles. Anormalmente composte da sé, modeste e istintivamente attente ai bisogni degli altri, generazioni della famiglia allargata di Soloshana e molti amici onorano la sua mente contemplativa, i saggi consigli e il buon senso dell’umorismo.
Nato il 25 novembre 1932 da Rukmini Amal e dal dottor K. . Decenni dopo, quando i suoi fratelli si radunarono da città sparse in India e in tutto il mondo, raccontarono sempre l’audace viaggio della famiglia che si estendeva per 2.700 miglia dalla Birmania alla loro casa ancestrale a Tiruchirapally, nel sud dell’India, nei giorni precedenti alla seconda guerra mondiale.
Il dottor Rangaswamy Iyer guidò la traversata in mezzo a conflitti armati da parte di ribelli locali, unità invasori e forze coloniali mentre ciascuno cercava di rivendicare l’allora colonia britannica. I suoi fratelli maggiori hanno forgiato una serie e una fiducia totale nel loro audace padre, arguto e arguto che ha viaggiato per più di 650 miglia da Taungoo a Rangoon (Yangon) a Calcutta. (Calcutta) prima di imbarcarsi su un piroscafo nel Golfo del Bengala diretto all’India meridionale. Anni dopo, Soloshana ha detto che la capacità di recupero dei suoi genitori mentre si prendono cura dei loro figli in modo sicuro attraverso le zone di guerra le ha fornito lezioni profonde sulla gestione degli inevitabili pasti di dolore e afflizione. La bibliotecaria e amante dei libri ricorderà le sue quattro figlie – in modo simile alla grande poesia di Kipling – essendo assertiva, leale, fiduciosa nel suo giudizio, preservando la sua dignità e avendo fede.
Era il profondo impegno di Soloshana per la sua famiglia. Nel 1954, sposò Muthuswami Viswanathan, un ingegnere civile e avvocato che lodò un magistrato di Los Angeles ed ex giudice della Corte Superiore di Los Angeles e della Corte Municipale di Pasadena a cui rimase dedicata fino alla sua morte nel 2016. Metà degli anni ’60 con speranza e visione per un nuovo futuro e non conosce nessuno. Anni dopo, mentre contemplava la storia americana, si rese conto della pura forza di volontà che lei e donne come lei avevano convocato per crescere le loro famiglie in una nuova terra. Diceva spesso: “Sono stata una pioniera”. In effetti, è stato il primo nella comunità degli indiani d’America a Los Angeles ad aprire la sua casa a “Golu”, e oggi è una celebrazione annuale ampiamente praticata che mostra un gran numero di figurine di argilla che illustrano scene di testi indù. Fu anche il primo nella regione a erigere un “utsafum”, o commemorazione, per le opere del grande compositore carnatico del XVIII secolo Thiagaraga.

READ  Coronavirus: verso il Natale con aree blindate e ristoranti chiusi - Politica
Soloshana Viswanathan

Per tutta la vita, Soloshana ha difeso il potere dell’educazione. Buone abitudini di studio e viaggi settimanali alla biblioteca pubblica locale erano un must per la famiglia Viswanathan. Con il suo incoraggiamento, le sue figlie hanno conseguito lauree e più lauree e hanno condotto carriere professionali in settori diversi come ingegneria, affari pubblici, diritto tributario e gestione della tecnologia.
Quando il suo figlio più piccolo è entrato all’asilo, anche Soloshana è andata in classe e ha completato ulteriori diplomi, questa volta in storia e scienze bibliotecarie. Era una delle pochissime donne indiano-americane della sua generazione a proseguire gli studi universitari mentre cresceva una famiglia. E lo ha fatto con affidabile efficienza, apparecchiando la tavola prima delle lezioni mattutine con spuntini dopo la scuola, sempre fatti in casa. Soloshana ha realizzato un altro sogno ambito quando ha presentato domanda ed è stata selezionata come bibliotecaria presso l’Università di Tulsa. John Marshall College of Law; University of Illinois (facoltà di medicina), dove ha anche completato corsi di specializzazione per ottenere un master in biblioteconomia; E la Occidental University. È riconosciuta per le sue capacità nella produzione di indicizzazione originale di libri in lingua straniera per testi medici specializzati.
Dopo trent’anni di servizio, Soloshana va in pensione con la passione di perfezionare i suoi hobby a lungo accarezzati. Da bambina, ha imparato a lavorare all’uncinetto, a lavorare a maglia, a cucire e a decodificare le sue complesse istruzioni nei libri ad ago. Fino ai suoi ultimi giorni, Soloshana ha continuato a creare pile di pezzi lavorati all’uncinetto.
Soloshana era ampiamente ammirata per le sue eccezionali capacità culinarie. Ogni figlia sapeva che la conoscenza enciclopedica di ricette e tecniche di sua madre poteva correggere qualsiasi crisi in cucina. Mentre ognuna aveva il numero della madre nella funzione “preferiti” del telefono, Soloshana continuava a chiamare i numeri di telefono delle figlie a casa, sul cellulare o al lavoro a memoria. Le riflessioni di Soloshana con il suo abbraccio andavano dalle accorte osservazioni sulle ultime elezioni presidenziali statunitensi alla sua profonda comprensione della teoria della musica classica indiana. Per anni, ha studiato la multi-strung vina nel sud dell’India, sotto la direzione della famosa musicista carnatica Gita Bennett.
A metà degli ottant’anni, Soloshana entrò in un negozio di computer locale, comprò un laptop e completò diversi capitoli della sua autobiografia. Alla fine, ha parlato con entusiasmo dei suoi numerosi progetti, compresi i viaggi internazionali, che ha seguito con fermezza verso la fine degli anni ottanta attraverso le città del sud dell’India in viaggi in auto che richiedono giorni per salutare i suoi parenti. Aveva anche altri hobby, inclusa l’organizzazione di una vasta gamma di libri della prima edizione che asciugò usando il preciso radar del cacciatore di tesori.
Era naturalmente curiosa di molti argomenti e apprendeva per tutta la vita. Le sue convinzioni fondamentali sono onorate dai suoi figli e nipoti che esprimono la loro profonda gratitudine a Soloshana per la sua dignità e comportamento morale. Le sue figlie hanno anche notato che Soloshana è devota alla sua famiglia; La sua gioia nel creare case belle, ben funzionanti e nutrienti; Il piacere e la fiducia che ho acquisito leggendo appassionatamente e ampiamente è visto nelle loro case. Soloshana ha lasciato le sue quattro figlie: Renuka (Balakrishnan) di Upland e le sue tre figlie San Marino, Usha (Sekhar), Srilata (David) e Subhadra (Jerry). Soloshana porta profondamente nel suo cuore i suoi nipoti: Sarah Kukela, Jaganathan e Janaki. Sulochana ha lasciato anche il suo amato fratello minore RR Krishnan e la sorella Sakunthala.

READ  Le migliori offerte di Cyber ​​Monday MediaWorld: iPhone, Samsung, TV e altro ancora

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x