Nel bagliore ultravioletto, aurore su Marte avvistate da un orbiter degli Emirati

Una navicella spaziale intorno a Marte ha catturato la visione più chiara mai vista dell’aurora spaziale sul Pianeta Rosso.

Il Raggiungere la speranza degli Emirati, che ha raggiunto Marte all’inizio di febbraio, ha individuato il bagliore sparso dell’aurora boreale nel cielo notturno marziano. Le sorprendenti osservazioni potrebbero aiutare gli scienziati a comprendere meglio l’atmosfera marziana e come l’aurora boreale sul pianeta rosso differisca dagli spettacoli di luce simili visibili sulla Terra.

Il rover Hope degli Emirati Arabi Uniti ha catturato il bagliore ultravioletto dell’aurora sparsa sulla superficie di Marte.Missione degli Emirati Arabi Uniti per esplorare Marte

Aurora boreale Si verificano quando le particelle cariche provenienti dallo spazio interagiscono con gli atomi nell’atmosfera, attivandoli e facendoli brillare. Sulla Terra, questo svolge il ruolo delle luci del nord e del sud. Quando le particelle ad alta energia provenienti dal sole si scontrano con il campo magnetico del pianeta, energizzano gli atomi nell’atmosfera superiore per creare splendide visualizzazioni di luci verdi, viola, rosse e blu.

Ma su Marte l’aurora è diversa; Perché si crede che il Pianeta Rosso abbia perso il suo campo magnetico globale miliardi di anni fa, in un misterioso processo che ha strappato via l’atmosfera un tempo densa di Marte.

“Quello che stiamo vedendo invece sono campi magnetici che sono in qualche modo unici per Marte”, ha detto Justin Deegan, scienziato planetario dell’Università del Colorado e vice leader scientifico per la missione orbitante Hope. “È nato dai minerali nella crosta di Marte che si sono formati durante il primo sistema solare, quando pensavamo che Marte avesse un campo magnetico globale come la Terra”.

READ  La missione della NASA ingrandirà con un asteroide prima di restituire un campione sulla Terra

Degan ha aggiunto che i resti del campo magnetico di Marte sono principalmente confinati a questi minerali sparsi per il pianeta.

“Per questo motivo, le particelle cariche non sono dirette verso i poli nord e sud, come i luoghi in cui vediamo l’aurora boreale sulla Terra”, ha detto. “Su Marte, sono un po’ dappertutto.”

Questi tipi di schermi luminosi atmosferici, localizzati su specifiche regioni magnetiche, sono noti come aurore discrete.

Gli scienziati sono desiderosi di studiare l’aurora boreale su Marte perché non solo rivelano le caratteristiche dell’atmosfera del pianeta, ma possono risolvere altri misteri nel sistema solare.

“Risponde a queste domande generali su come i pianeti interagiscono con la loro stella”, ha detto Deegan. “In che modo l’energia del sole influenza l’atmosfera superiore dei pianeti?”

Mentre Marte e la Terra sono due mondi completamente diversi, ciò che sta accadendo sul Pianeta Rosso può spiegare le cose più vicine a casa.

“Ci sono stati momenti nel passato della Terra in cui il campo magnetico globale è stato reindirizzato o è diventato debole, quindi durante quei periodi di transizione, la Terra era più vicina a Venere o Marte”, ha detto Degan. “In questo senso, Marte può dirci cose sulla Terra che non possiamo davvero studiare al momento”.

L’aurora boreale separata è stata osservata tra la fine di aprile e l’inizio di maggio, quando gli scienziati con Missione degli Emirati Arabi Uniti per esplorare Marte Stavano testando gli strumenti a bordo della Hope Probe. L’orbiter, lanciato nello spazio nel luglio 2020, è progettato per studiare l’atmosfera di Marte.

Le aurore, catturate alla luce ultravioletta, sono state le prime grandi scoperte scientifiche della missione degli Emirati Arabi Uniti su Marte.

READ  Come riparare uno smartphone danneggiato dall'acqua

“L’intero team scientifico è euforico”, ha detto Degan. “È stato bello vivere un momento così meraviglioso ed è stato così gratificante vederlo così presto”.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x