Nelle immagini: i residenti delle città di confine libanesi tornano alle loro case nel mezzo di una tregua a Gaza | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Nelle immagini: i residenti delle città di confine libanesi tornano alle loro case nel mezzo di una tregua a Gaza |  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Sabato, mentre una calma inquieta si è stabilita sul confine meridionale del Libano, il secondo giorno di un cessate il fuoco di quattro giorni tra Hamas e Israele, la vita è tornata nei villaggi che erano stati svuotati dei loro residenti, almeno per un breve periodo.

I negozi chiusi hanno riaperto, le auto circolavano per le strade e, in una città di confine, una famiglia durante un picnic ha posato per delle foto davanti a grandi lettere dai colori vivaci che dicevano: “IO SONO [HEART] “Adissa” – il nome della città

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, circa 55.500 libanesi sono stati sfollati a causa degli scontri tra il gruppo armato libanese Hezbollah e le forze israeliane dall’inizio della guerra a Gaza.

I combattimenti hanno ucciso più di 100 persone in Libano, tra cui più di una dozzina di civili – tre dei quali giornalisti – e 12 persone da parte israeliana, tra cui quattro civili.

Sebbene il Libano e Hezbollah non fossero ufficialmente parti della tregua tra Israele e Hamas, questa cessazione ha portato alla sospensione dello scambio quotidiano di missili, proiettili di artiglieria e attacchi aerei. Alcuni libanesi hanno colto l’occasione per ispezionare le loro case danneggiate o per ritirare i loro averi.

Abdullah Qutaish, preside di una scuola in pensione, e sua moglie Sabah, sono fuggiti dalla loro casa nel villaggio di Houla – che si trova direttamente di fronte a una posizione militare israeliana oltre il confine – il secondo giorno di scontri. Andarono a stare con la figlia nel nord, lasciando il loro uliveto alle spalle all’inizio della stagione del raccolto.

READ  4 uomini associati ai Proud Boys sono stati accusati di un complotto per attaccare il Campidoglio degli Stati Uniti

Venerdì tornarono a casa e in un frutteto dove le olive non raccolte stavano essiccando sui rami.

Sabah ha detto: “Abbiamo perso la stagione, ma stiamo bene… e questa è la cosa più importante”.

“Se Dio vuole, resteremo a casa nostra se la situazione resta così”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x