Nessuna vacanza romana questa è per Jose

Mourinho inizia a sentire la pressione dopo un inizio promettente al suo ritorno in Italia. Riuscirà il manager 58enne, un tempo considerato il migliore al mondo, a riabilitare la sua reputazione danneggiata da sei anni in gran parte sterili? O il suo tempo con la Roma confermerà il sospetto di aver saltato la partita?

Quando Jose Mourinho è arrivato a Roma in estate – uno dei 12 cambi di allenatore della Serie A italiana che ha portato all’esilarante uscita dell’allenatore – i tifosi della Roma affamati di trofei hanno reagito all’appuntamento a sorpresa come se avessero ingaggiato un attaccante stellare.

Non importa che le azioni del portoghese siano diminuite dopo le delusioni al Manchester United e al Tottenham Hotspur. I ricordi dello storico triplete di Mourinho all’Inter di oltre un decennio fa significano che è ancora molto rispettato in Italia.

E le cose sono iniziate bene. Mourinho aveva portato la Roma a sei vittorie nelle sue sei partite iniziali in tutte le competizioni e sembrava che l’Italia sarebbe stata il luogo perfetto per rivitalizzare la sua carriera di allenatore e ripristinare la sua aura sbiadita.

Tuttavia, i risultati sono presto peggiorati, poiché i giallorossi sono scesi al settimo posto nella classifica di Serie A, in 13 partite con appena cinque vittorie. E torna una delle vecchie abitudini di Mourinho: guardava altrove quando cercava qualcuno da incolpare per la stagnazione della Roma.

Né gli arbitri né i giocatori sono sfuggiti alla sua ira, e dopo la sconfitta casalinga per 3-0 contro l’Inter all’inizio di questo mese – una faccenda unilaterale dall’inizio alla fine – Mourinho ha trovato un altro obiettivo. In una pungente conferenza stampa, anche per i suoi standard, ha preso di mira i giornalisti. “Il tuo lavoro è molto più facile del nostro lavoro, motivo per cui guadagniamo molto di più da te”, ha detto dopo aver rifiutato di rispondere alla prima domanda dei media.

La sua intervista televisiva non è stata meno irritabile poiché si è rifiutato di rispondere alle domande dei critici in studio, prima di dare una visione monologo del gioco, aggiungendo un’altra scusa per la sconfitta. “L’Inter è più forte di noi in circostanze normali”, ha detto a DAZN. In circostanze insolite, sono molto più forti di noi. La scorsa stagione aveva 29 punti di vantaggio sulla Roma. Oggi, tra infortuni e squalificati, è stato molto difficile”.

Con la sconfitta dell’Inter e l’umiliante sconfitta per 6-1 contro i norvegesi del Bodo/Glimt nella European Conference League di ottobre, l’umore della Roma ha cominciato a peggiorare. Ma la Roma ha tolto un po’ di pressione a Mourinho battendo per 2-0 in Serie A lo Spezia, a rischio retrocessione, lunedì.

Il 58enne era più di umore dopo la vittoria, prendendosi il merito di un aspetto della vittoria e la richiesta della sua squadra di più. “Ero contento del gol perché ieri abbiamo lavorato 25 minuti sui calci d’angolo”, ha detto Mourinho a Sky Sport Italia. “Sono contento anche del risultato ma non mi è piaciuto come abbiamo giocato. Nel primo tempo eravamo in controllo ma abbiamo perso tanti palloni facili. Lo Spezia ci ha rimesso in partita, quando non era difficile da chiudere”.

Ma nonostante la vittoria, la Roma è un po’ lontana dal vero obiettivo della Champions League, a otto punti dal Napoli, quarto in classifica. Mourinho e i suoi metodi continuano ad attirare scrutinio e critiche, dai minimi colpi di scena nei resoconti dei media (un tempo privati) alle critiche pungenti di ex giocatori, allenatori e scrittori di calcio.

La domanda che ognuno di loro sta cercando di affrontare è: come può un manager che ha messo il mondo ai suoi piedi, assicurandosi che tutti sappiano che sta soffrendo, subire un tale declino? Dopotutto, questo è un uomo con un tesoro di coppa gonfio, che include la Champions League con Inter e Porto, tre titoli di Premier League con il Chelsea, il titolo della Liga con il Real Madrid contro Pep Guardiola e Lionel Messi che supera il Barcellona.

Lo scrittore di football Jonathan Wilson, sul Guardian, ha descritto Mourinho come “forse l’ultimo degli allenatori di personaggi… il cui più grande talento era la sua capacità di ispirare un’autorità carismatica”, sostenendo che “i giovani giocatori non rispondono a lui nel modo in cui” un generazione più anziana.

Wilson ha inoltre affermato che il “ciclo della morte” di Mourinho – “una stagione su cui costruire, una stagione di successi, una stagione di accuse e crudeltà” – che è durato tre anni al massimo dei precedenti club di Mourinho è stato “[coming] Gira sempre più velocemente” nei club più recenti: dai 18 mesi al Tottenham alle appena 18 settimane alla Roma.

L’argomento avanzato da Wilson nell’articolo – il succo è che il gioco ha scavalcato Mourinho – non è nuovo. Diversi esperti hanno sottolineato che la filosofia del 58enne di rinunciare alla palla, specialmente nelle partite in trasferta contro le migliori squadre, era dovuta alla sua convinzione che la squadra della palla fosse più incline all’errore, il che lo ha reso un allenatore al di sotto della media. Calcio offensivo. Ciò ha contribuito anche alla riluttanza a pressare e controbattere l’avversario e recuperare la palla – aspetti essenziali del calcio moderno ai vertici.

Ironia della sorte, meno di due decenni fa, Mourinho era davvero un rivoluzionario. Fu tra i primi, e sicuramente il più vincente dell’epoca, manager a mettere in atto la tecnica del pattugliamento tattico, un metodo di allenamento che rifiuta l’idea tradizionale di lavorare isolatamente su ogni aspetto del gioco di un atleta.

Così Mourinho ha insegnato ai suoi giocatori a sviluppare la forma fisica, la consapevolezza del gioco e la conoscenza tattica allo stesso tempo – i suoi giocatori del Chelsea hanno parlato di come progettare una semplice routine difensiva (tre difensori contro quattro attaccanti in contropiede, ad esempio) per migliorare i partecipanti ‘ comprensione delle esigenze tattiche di Mourinho, ma comprendeva anche scatti ad alta intensità, salti, cambi di direzione e aspetti vitali dell’allenamento fisico.

Tuttavia, nel 2021, con tutti proattivi e passati a metodi più complessi di allenamento robotico come premere i grilletti, molti dei metodi di Mourinho sembrano essere obsoleti.

Quindi è stata una sorpresa quando è andato alla Roma, che voleva, secondo Mourinho, “un progetto sostenibile per il futuro”. Al suo meglio, ai tempi di “Special One”, era una garanzia di successo quasi istantaneo: una seconda stagione di premi, come spiega Wilson nella metafora del “Ciclo della morte”. Ma Mourinho non ha un track record di crescita sostenibile o di costruzione per il futuro. Quindi perché un club che “non vuole avere successo oggi” pensa di essere in forma non è chiaro.

Ciò che è chiaro, tuttavia, è che con i nuovi proprietari con cui lavorare, Mourinho avrà tempo per cambiare le cose alla Roma mentre cercano di rafforzare la squadra. Ma ha molto lavoro da fare e dovrà dimostrare di poter fare qualcosa con cui ha lottato in passato.

READ  Il legame speciale tra i membri della Hall of Fame Kobe Bryant e Tamika Catchings

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x