― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldNetanyahu afferma che la guerra continuerà anche se si raggiungerà un accordo...

Netanyahu afferma che la guerra continuerà anche se si raggiungerà un accordo di cessate il fuoco con Hamas Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Il primo ministro israeliano ha ribadito che non accetterà alcun accordo che chieda la fine della guerra in corso da otto mesi.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato di essere aperto a un accordo “parziale” che faciliterebbe il ritorno di alcuni dei prigionieri ancora detenuti a Gaza, anche se non di tutti.

Ma ha ribadito che non accetterà alcun accordo che porrebbe fine alla guerra israeliana a Gaza, nonostante le precedenti affermazioni statunitensi secondo cui la proposta israeliana sarebbe servita come via per porre fine all’offensiva.

“L’obiettivo è restituire le persone rapite e sradicare il regime di Hamas a Gaza”, ha detto domenica in un’intervista ai media israeliani Channel 14.

Decine di migliaia di israeliani si sono costantemente mobilitati contro Netanyahu e il suo governo, chiedendo elezioni anticipate e un accordo per la restituzione dei prigionieri.

La gente partecipa a una manifestazione contro il governo Netanyahu e chiede il rilascio dei prigionieri a Gaza, a Tel Aviv, in Israele [Eloisa Lopez/Reuters]

Il mese scorso, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato una proposta di cessate il fuoco, che prevederebbe una cessazione dei combattimenti per sei settimane e il rilascio di alcuni prigionieri israeliani a Gaza e di prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane. Questi scambi consentirebbero negoziati per un cessate il fuoco permanente.

Mentre i funzionari statunitensi insistevano affinché Israele redigesse la proposta, molti funzionari israeliani, compreso Netanyahu, hanno promesso di continuare a combattere finché Hamas non sarà eliminato, e si sono rifiutati di appoggiarla pienamente pubblicamente.

Netanyahu ha anche detto a Channel 14 che l’“intensa” offensiva militare israeliana nella città di Rafah, nel sud di Gaza, è quasi terminata.

Ha aggiunto: “La fase intensa della lotta contro Hamas sta per finire”. “Ciò non significa che la guerra sta per finire, ma che la guerra nella sua fase intensa sta per finire a Rafah”.

READ  Attivisti serbi anti-minerario bloccano le strade per protestare contro le nuove leggi

“amministrazione civile”

Nella sua prima intervista con un media israeliano dall’inizio della guerra a Gaza, Netanyahu ha respinto ancora una volta l’idea che l’Autorità Palestinese, con sede nella Cisgiordania occupata, gestisca Gaza invece di Hamas.

“Vogliamo anche istituire un’amministrazione civile, se possibile con i palestinesi locali e magari con il sostegno esterno dei paesi della regione, per gestire le forniture umanitarie e successivamente gli affari civili nella Striscia”, ha affermato.

“In definitiva, ci sono due cose che devono accadere: dobbiamo disarmare su base continuativa [Israeli military] E l’istituzione di un’amministrazione civile”.

La Striscia di Gaza soffre di una guerra in corso da più di otto mesi da quando l’attacco guidato da Hamas contro Israele ha ucciso 1.139 persone, e decine sono ancora detenute a Gaza.

Secondo il Ministero della Sanità dei Territori Palestinesi, da allora l’assalto militare israeliano a Gaza ha ucciso almeno 37.598 persone.

Le forze si stanno dirigendo verso il Libano

Netanyahu ha affermato che presto le forze saranno schierate al confine settentrionale con il Libano, ma “per scopi difensivi”.

Ha aggiunto: “Dopo la fine della fase intensiva, avremo la possibilità di spostare parte delle forze verso nord. Lo faremo innanzitutto per scopi difensivi [evacuated] “I residenti sono nelle loro case”, ha detto Netanyahu a Canale 14.

Se possiamo, lo faremo diplomaticamente. In caso contrario, lo faremo in un altro modo. Ma parteciperemo [the residents] “A casa”, disse.

Decine di migliaia di civili sono stati sfollati dal nord di Israele e dal sud del Libano, che sono stati testimoni quasi quotidiani di scontri a fuoco tra le forze israeliane e i combattenti libanesi di Hezbollah dall’inizio della guerra a Gaza.

READ  Gli Stati Uniti affermano che le forze di Wagner non sono più rilevanti in Ucraina