Netflix sale nella lista italiana con il titolo The Leopard Series

Netflix venerdì ha ufficialmente aperto la sua base italiana a Roma, al Un elegante edificio neoclassico vicino alla famosa Via Veneto, ha annunciato un ampio elenco di originali che è una testimonianza di ciò che il co-CEO Reed Hastings ha definito “il business in crescita dell’Italia”.

“L’ampiezza e la diversità del nostro menu di prodotti italiani rappresenta perfettamente le nostre ambizioni”, ha affermato Hastings, salito sul podio al termine della presentazione. Hastings ha colto l’occasione per sottolineare quanto fosse entusiasta del fatto che “La mano di Dio” di Paolo Sorrentino di Netflix abbia vinto i primi premi in Italia ai David di Donatello, i migliori premi cinematografici del paese, all’inizio di questa settimana.

In cima alla nuova lista italiana di Netflix c’è una serie all’avanguardia in lingua inglese adattata da “Il Gattopardo”, un classico romanzo siciliano di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. È un arazzo storico con elementi paragonabili a “Downton Abbey” o “The Crown” e chiare aspirazioni a creare un’impronta globale.

“Il romanzo ha alcuni fili narrativi che coinvolgono la famiglia e l’azione che sono inesplorati e di grande attualità”, ha detto Eleonora Andreta, meglio conosciuta come Tini, a capo dell’unità delle serie originali italiane di Netflix.

Il regista britannico Tom Shankland, i cui crediti includono la serie Netflix True Crime “The Serpent”, sarà il regista principale di quella che viene descritta come una versione moderna della saga siciliana, nota soprattutto per essere stata trasformata in un film (nella foto) di Luchino Visconti e con Claudia Cardinale, Alain Delon e Bert Lancaster. Il film è stato insignito della Palma d’Oro nel 1963 al Festival di Cannes.

READ  Lo scommettitore ha vinto $ 123.000 in 20 partite

Due timonieri italiani, i cui nomi rimangono confidenziali, condivideranno con Shankland i compiti di regia dello show.

Parlando correntemente l’italiano, Shankland ha detto “Il Gattopardo” e la Sicilia ha giocato un ruolo così importante nella sua infanzia che suo padre, che era un professore di italiano nel Regno Unito, ha apprezzato il romanzo e ha portato la famiglia a visitare l’isola dove era stato assegnato.

Ha descritto la voce del romanziere Lampedusa come “molto moderna, piena di ironia, sensualità e psicologia”, aggiungendo: “Vogliamo dare uno sguardo moderno a questa storia del passato”.

“Come tutti i classici, The Leopard parla in modi diversi a generazioni diverse”, ha osservato Shankland.

Sta parlando di quest’uomo patriarcale [a 19th-century Sicilian nobleman, the Prince of Salina, caught in the midst of civil war and revolution] Ma ci sono anche alcuni personaggi femminili molto complessi e vogliamo ritrarre il loro punto di vista e le lotte che sono molto rilevanti oggi”, ha aggiunto il regista.

“Abbiamo l’opportunità di fare uno spettacolo che sarà sia per il pubblico italiano che internazionale, perché i temi sono universali”, ha sottolineato Shankland.

La serie basata su The Leopard è scritta da Richard Warlow, che in precedenza aveva lavorato con Shankland in The Serpent. L’espansione italiana Billboard Productions sta producendo lo spettacolo insieme a Moonage Pictures, una società britannica guidata dai produttori di “Peaky Blinders”.

Pubblicato postumo nel 1958, “Tiger” racconta i cambiamenti nella vita e nella società della Sicilia durante l’Unità d’Italia nel XIX secolo noto come Risorgimento. Il romanzo è diventato il romanzo più venduto nella letteratura italiana moderna del suo tempo ed è stato tradotto in più di 40 lingue diverse.

READ  Rebecca Yerger, Memory Lane: Dave Kavagnaro, 'The Mayor of East Napa' | Rebecca Yerger

Altri punti salienti dell’elenco di nuove serie italiane di Netflix includono un adattamento italiano della serie britannica “Gold Digger”, prodotta per la prima volta in Gran Bretagna per ITV. La riprogettazione italiana si chiama “Inganno” ed è realizzata da Cattleya, di proprietà di ITV, con sede a Roma, il pannello dietro “Gomorra”. Lo spettacolo rappresenterà la relazione emotiva e turbolenta tra una donna anziana e un uomo con la metà dei suoi anni, sullo sfondo di come questa relazione sconvolge le norme sociali e familiari italiane.

Ecco alcuni altri momenti salienti della nuova serie originale italiana Netflix:

– “Lotto Gang” (titolo provvisorio / BIM Produzione e Feltrinelli Originals): Basato sulla storia vera della più grande truffa della lotteria della storia italiana, “Lotto Gang” segue un gruppo di antieroi in una rapina alla periferia di Milano a la metà degli anni ’90. Lo spettacolo unisce film d’azione e commedia italiani.

– nSerie animata del romanziere italiano Zerocalcare (Movimenti Production e Bao Publishing). Il nuovo spettacolo senza titolo segue “Tear Along The Dotted Line” di Zerocalcare, che è stato un successo nazionale.

– “Odio il Natale” (Freemantle Luxe Fide). Impressionato dal dramma medico della RAI “Cuori”, Pilar Fogliati recita nella prima serie natalizia italiana di Netflix, una commedia su una giovane donna in cerca di amore.

Ecco gli highlights dei nuovi film originali Netflix italiani:

Rapinare Mussolini (Bibi): un film di rapina ambientato a Milano nel 1945, include uno scrigno del tesoro che Benito Mussolini ha seppellito da qualche parte nel centro della città prima di essere assassinato. foto Diretto da Renato Di Maria (“Vita oltraggiosa”), con Pietro Castellitto (“Freaks Out”), Matilda de Angelis (“The Undoing”) e Isabella Ferrari.

READ  Jared Leto ha 50 anni! Sbarazzati delle regole! Basta non offrirgli pane alla banana o chiedere consigli per i capelli

My Name is Vendetta (Colorado): un thriller d’azione, sopravvivenza e vendetta dal ritmo frenetico ambientato nel nord Italia. Scritto e diretto da Cosimo Gómez (“Evil Ugly People”) e caratterizzato da “Though I Hate” di Alessandro Gasman.

-“Love & Gelato” (film HT): Le avventure e le disavventure di Lina, una giovane donna americana che cerca l’anima, le sue radici nella frizzante Roma e, naturalmente, tanto gelato. Scritto e diretto dal regista americano Brandon Camp che ha diretto il reboot del 2018 del film Benji Prodotto da Blumhouse.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x