Nigel Mansell “estremamente colpito” dal suo ritorno in Formula 1 dopo la morte di Ayrton Senna: PlanetF1

Nigel Mansell ha pensato alla volta in cui Bernie Ecclestone lo ha attirato indietro dall’America per riempire parte dell’enorme vuoto lasciato dalla morte di Ayrton Senna.

Nel 1994 Senna ha iniziato la stagione come unico campione del mondo di Formula 1. Ha vinto il titolo tre volte ma non dal 1991, con Mansell (1992) ora in IndyCar e il ritiro del campione in carica Alain Prost.

Tragicamente, Cena perse la vita in un incidente durante il Gran Premio di San Marino 1994 a Imola, all’inizio della stagione, quando Michael Schumacher e il collega brasiliano Williams, Damon Hill, si batterono per il titolo.

Tuttavia, all’epoca, Schumacher e Hill non erano nomi familiari, quindi Ecclestone sentiva chiaramente che lo sport aveva bisogno di un passaggio e un’iniezione di carattere, fece di tutto per riportare Mansell.

Il britannico ha fatto un’apparizione come ospite per la Williams, al posto di David Coulthard, al Gran Premio di Francia due mesi dopo la morte di Senna e poi è tornato per le ultime tre gare della stagione.

Ha anche ottenuto l’ultima vittoria in Formula 1 della sua carriera al Gran Premio d’Australia, forse più ricordato per la controversa collisione tra Schumacher e Hill che ha deciso il titolo a favore del tedesco.

parlando dentro Intervista ad Adrian FluxMansell ha ricordato il ruolo svolto da Ecclestone nel persuaderlo a lasciare le corse IndyCar ea rimettersi nell’ovile della F1.

“Non entrerò nei dettagli, ma ho quattro o cinque contratti in America e sono stato davvero felice in America e ho difeso il titolo, o almeno ci ho provato”, ha detto il 69enne.

READ  RTL Today - Sport invernali: l'italiana Parigi travolge con la sesta vittoria in discesa di Bormio

“E poi due piloti sono morti in quel fatidico weekend di Imola: Roland Ratzenberger è morto sabato, Ayrton è morto domenica. È stato orribile.

“E ovviamente all’epoca non c’era nessun campione del mondo di Formula 1 che corresse in Formula 1, quindi Bernie Ecclestone decise che doveva fare qualcosa al riguardo.

Ha avuto delle trattative miracolose a porte chiuse, cosa che non riesco nemmeno a immaginare come abbia fatto. Ha comprato tutti i miei contratti in America e ovviamente mi ha riportato in Formula 1.

“È stato il più sorprendente psicologicamente. Ayrton era un personaggio enorme: guidare l’auto di un uomo morto non è stato molto divertente e ha avuto un enorme impatto su di me”.

Ha anche detto a Mansell di un’audizione privata a cui ha preso parte Williams Il che, quando si è sparsa la voce che stava accadendo, all’improvviso non era più un segreto.

“Abbiamo eseguito i test a Brands Hatch quando non c’era nessuno e nel giro di un’ora circa c’erano decine di migliaia di persone”, ricorda.

“Era insolito e mi piaceva guidare, non guidavo da circa due anni.

“La mia prima gara (il Gran Premio di Francia a Magny-Cours) l’ho messo in prima fila in griglia, quindi è ancora meglio”.

classico Si terrà a Silverstone Nel weekend dal 26 al 28 agosto Conterrà una serie di attrazioni, tra cui il trentenne campione del mondo di Formula 1 di Mansell che faceva parte di uno schermo interattivo.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x