Noi in lista d’attesa. A Berlino ce ne sono altri 30 milioni

Il Germania Già Vaccinare Più del doppio del numero di personeItalia. Secondo la tabella pubblicata sul sito del Robert Koch Institute (l’ente ufficiale che si occupa di malattie infettive in Germania) sono già 21.566, nel nostro Paese siamo 9750. Qualcosa non va. “È noto che la Germania ha emesso un ordine per 30 milioni di dosi, bilateralmente, con BioNTech”, dice un portavoce del ministero della Salute tedesco. Basta questa frase per gettare ancora benzina sul fuoco della polemica iniziata il giorno prima, in occasione del Pollen Day, quando furono inviate 9.750 dosi in Italia e 150.000 in Germania. La Commissione Europea interviene e dice: “Tutti gli stati membri riceveranno le dosi Vaccino Contro il Covid-19 Prodotto da Pfizer e BionTech a dicembre, sulla base della stessa allocazione delle quote, determinata utilizzando una chiave di allocazione basata sulla popolazione “.

Pertanto, il 13,4 per cento delle dosi acquistate dalla Commissione Europea deve arrivare in Italia, sulla base della popolazione specifica. In teoria questo metodo funziona, non dovrebbero esserci eccezioni, e la sentenza del Ministero della Salute tedesco in merito a “30 milioni di dosi” sembra indicarne di più. Certo, BioNTech è la Germania, con il sostegno del governo Merkel e ha annunciato altri investimenti: a febbraio inizierà la produzione di un vaccino per Covid, realizzato con Pfizer, anche in un nuovo stabilimento a Magdeburgo. Questa corsia preferenziale con il governo tedesco non è sorprendente. Tuttavia, se confermato, violerebbe quanto scritto il 18 giugno in un documento della Commissione europea (“Accordo degli Stati membri per l’acquisto di vaccino contro il Covid-19”). Quindi si è deciso di lavorare congiuntamente tra i 27 paesi, al fine di ottenere un maggiore potere negoziale. Articolo 7 scritto chiaramente: “Obbligo di non negoziare separatamente”. Se la Germania firma un accordo bilaterale con BioNTech, tale accordo non sarà rispettato, a meno che il contratto non fosse stato precedentemente con la società tedesca. L’Italia, con i vaccini promessi per Pfizer-BioNTech (l’unico autorizzato finora da Ema, l’agenzia europea) e Moderna (il via libera dovrebbe arrivare il 4 gennaio), non ha scorte sufficienti di vaccinazioni tempestive per il 70% della popolazione a digiuno.

READ  Batteria di backup ridotta dopo le interruzioni di corrente in Field, BC

Rischia di monitorare altri paesi, come la Germania e il Regno Unito, che possono vaccinare i loro cittadini più rapidamente e uscire presto dalla morsa della crisi pandemica ed economica. Il governo italiano sostiene i negoziati, ancora una volta a livello di Commissione Europea, per aumentare del 50% l’offerta di Pfizer-BioNTech. Nuovo richiamo: l’11 novembre la Commissione Europea ha firmato un contratto con le due società per 200 milioni di dosi (27 milioni per l’Italia), ma c’era un’opzione per altri 100 milioni (e se si riuscisse a ottenerla, l’importo aumenterebbe di 13 milioni per il nostro Paese). Le stesse trattative sono in corso con Moderna. Ma se la Germania si ignora, approfittando del rapporto privilegiato con BioNTech, allora tutto si complica. Moderna, fortemente finanziata dall’amministrazione Trump, ha un rapporto privilegiato con gli Stati Uniti e non sarà facile aumentare l’offerta già prevista di 10,8 milioni di dosi per l’Italia.

Il percorso verso un labirinto è di più AstraZeneca, Un colosso anglo-svedese con cui l’Italia ha avuto un rapporto privilegiato, visto che il vaccino è stato sviluppato dall’Università di Oxford in collaborazione con un’azienda del nostro Paese, Irbem. Il 13 giugno, Italia, Paesi Bassi, Francia e Germania hanno annunciato un accordo con AstraZeneca per 400 milioni di dosi.

Successivamente (ed ecco il documento della Commissione europea per la settimana successiva), tuttavia, è stata stabilita una linea di condotta comune per tutti i paesi dell’UE. Oggi AstraZeneca, dopo qualche singhiozzo nei processi, non ha ancora il permesso. Nel Regno Unito, ritengono che per il momento arriverà il via libera dell’autorità di regolamentazione britannica. I media parlano di 10.000 lavoratori pronti per iniziare la campagna di vaccinazione con AstraZeneca (100 milioni di dosi) a partire dal 4 gennaio, parallelamente alle fiale Pfizer-BioNTech. Insomma: Stati Uniti e Regno Unito stanno lavorando, la Germania sta mettendo in magazzino, e l’Italia davvero non sa quante dosi avranno nei prossimi mesi. Molto dipende da quanto dicono i documenti sull’esito dell’esperimento, ma se Ema consentirà AstraZeneca, entro fine gennaio verranno consegnate almeno 5 milioni di dosi preparate nello stabilimento di Anagni. L’importo totale stanziato, sulla carta, all’Italia è di 40 milioni.

READ  Evacuazioni ordinate mentre gli incendi infuriano sulla costa occidentale del Canada | notizia

Ultimo aggiornamento: 00:45


© Riproduzione riservata

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x