“Non ci sono piccoli incidenti in questa arena” – in ricordo di Ayrton Senna, 27 anni dopo il suo sfortunato incidente a Imola

“Non ci sono piccoli incidenti in questo circuito” – in questo giorno, nel 1994, Ayrton Senna ha avuto un incidente mortale a Imola.

“Non ho idoli. Ammiro il lavoro, la dedizione e la competenza”.

Questo è Ayrton Senna per te, il tre volte campione del mondo di F1 e probabilmente il più grande giocatore di sempre in questo sport.

Nato a San Paolo dal ricco proprietario terriero Milton da Silva e sua moglie Ned Sina da Silva, il suo nome era Ayrton Sina da Silva. Ha sviluppato un vivo interesse per il motorsport quando ha compiuto quattro anni. Da allora, ha continuato a competere e vincere diversi tornei di kart, tra cui il campionato sudamericano di kart nel 1977.

Nel 1983, Cena ha vinto il campionato britannico di Formula 3, che ha portato al suo debutto in Formula 1 nel 1984 con Toleman Hart. La stagione successiva si è trasferito alla Lotus, dove ha gareggiato abilmente con loro in tre stagioni, ma non è riuscito a vincere un titolo mondiale.

Il 1988 ha visto Senna passare alla McLaren, per collaborare con Alain Prost, campione del mondo. Ciò che è seguito nelle prossime cinque stagioni è una sorta di leggenda: l’iconica rivalità tra i due che ha preso d’assalto la Formula 1. Cena ha continuato a vincere tre titoli mondiali, con Prost che si è trasferito alla Ferrari durante questa fase dominante per il brasiliano.

Il 1994 è stato l’anno fatidico che ha visto Senna passare alla Williams Renault, dopo aver realizzato che la McLaren non aveva soddisfatto le sue ambizioni di vincere la gara. Il Gran Premio di San Marino di Imola era la terza gara di quella stagione ed era piena di incidenti.

Rubens Barrichello è caduto durante l’allenamento e ha dovuto visitare l’ospedale per le cure. Poi sono arrivati ​​i playoff di sabato, che hanno spazzato via la vita di Roland Ratzenberger. Il popolarissimo austriaco morì a causa di un’ala anteriore guasta. Si è scontrato direttamente ad Angle Villeneuve ad una velocità di oltre 300 km / h. È morto con un cranio fratturato, ma la sua morte ha in gran parte oscurato ciò che è accaduto il giorno successivo.

Il triplo campione Ayrton ha consigliato a Cena di non partecipare alla gara ma ha scelto di farlo, sapendo che avrebbe perso. Il brasiliano era partito primo davanti a Michael Schumacher alla Benetton e stava scappando via con la gara. Ma quando si è avvicinato all’ormai famigerata curva Tamborello ad alta velocità, è scivolato fuori dalla linea di gara a più di 300 chilometri orari e si è schiantato contro il muro di cemento.

Quelle che seguono sono alcune delle scene più iconiche della Formula 1, una scena che ricorderà l’attuale generazione del terrificante incidente con la palla di fuoco di Roman Grogan in Bahrain la scorsa stagione. Grogan è sopravvissuto e Cena no.

La morte di Senna e Ratzenberger ha scatenato la richiesta di una revisione completa della sicurezza dello sport, che ha portato a nessuna morte registrata per due decenni, prima che Jules Bianchi si schiantasse a Suzuka.

Il defunto trio campione Niki Lauda ha riassunto l’eredità di Cena: “Dio ha avuto la sua mano sulla Formula 1 per molto tempo. Questo fine settimana lo porterà via”.

Leggi anche Piloti di F1 più veloci: Ayrton Senna è il più veloce in Formula 1 e i 10 migliori piloti di F1 di AWS

READ  Sci alpino: Schwartz batte Bentorrault per la medaglia d'oro maschile

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x