Non ho mai sognato di avere questa possibilità: Brock Sculion non vede l’ora di battere la bandiera irlandese all’Eurovision

Brooke Scullion ha dovuto semplicemente indossare uno splendido rosa per iniziare la festa, anche se le centinaia di persone che si sono presentate nel suo villaggio natale di Pelagia per salutarla in Italia per l’Eurovision Song Contest non avevano bisogno di una scusa per festeggiare ieri pomeriggio.

Il cantante era al centro della scena nell’affollato Taphouse Bar mentre la famiglia, gli amici e i sostenitori hanno partecipato a una festa di addio prima che il 23enne si recasse oggi a Torino per alzare la bandiera dell’Irlanda.

Il grande appuntamento di Brock è il 12 maggio, quando canterà nella seconda semifinale del concorso, eseguendo la canzone “The Three”, che ha scritto lei stessa.

Ha ammesso che è stato un grande passo, anche rispetto agli spettacoli che l’hanno resa una finalista di The Voice di ITV l’anno scorso.

“Tutti sono usciti mostrando il loro orgoglio e la loro eccitazione, e questo mi ha reso ancora più eccitato”, ha detto Brooke mentre si prendeva una pausa dal firmare autografi e scattare foto con i bambini.

“È così bella. Mi dispiace, ma abbraccio tutti.”

“Ero così nervoso quando stavo preparando la valigia. Una volta che me ne vado, basta, sono via.

“Mia madre mi ha dato una carta Wei così posso aprirla quando arrivo. So che questo sarà un altro strappalacrime e c’erano già molte lacrime. “

Da quando ha vinto il voto per rappresentare l’Irlanda, Brooke ha intrapreso un tour in Europa, esibendosi davanti a migliaia di persone.

“Sono stata a Londra, Tel Aviv, Amsterdam, Barcellona e Madrid, cantando davanti a migliaia di persone”, ha detto al Belfast Telegraph.

READ  Ron Unesti condivide consigli di lavoro con gli studenti di Notre Dame Prep

“Non ho mai sognato di avere un’opportunità come questa. Sono state settimane pazze”.

Brooke ha detto che l’esperienza dell’Eurovision è arrivata al momento giusto mentre si chiedeva quali fossero i prossimi passi dopo il suo successo in The Voice.

“Dopo sono tornata a casa e ho pensato che il telefono non si sarebbe mai spento, ma il telefono non ha squillato”, ha aggiunto.

“Non avevo idea di cosa avrei fatto di me stesso.

“Lavoravo dalle nove alle cinque, quattro giorni alla settimana con un agente immobiliare. Mi prendevo una pausa ogni mercoledì e passavo il tempo a scrivere musica, da qui questa canzone.

“Ho molta musica pronta, ma questa è la prima canzone ad essere pubblicata lì. È così perfetta per l’Eurovision. È divertente. Sono tre minuti in cui puoi dimenticare tutto il resto, divertirti e ballare un po’”.

Con Brock che canta nella seconda semifinale, i 10 si qualificano per la finale.

“Spero solo che tutti in Irlanda, del nord e del sud, rispondano al telefono e votino”, ha detto.

Ha ammesso che era strano essere famosa alla sua porta per un giorno.

Tutti i bambini qui sono andati alla mia vecchia scuola elementare a St. Mary’s. Vengono tutti da me come se fossi il loro eroe, il che è così strano”.

Una delle persone più orgogliose della festa è stata la nonna di Brooke, Peggy McClarnon (87), che insieme alla co-protagonista Sheila Scullion si è fatta un nome come la più grande fan di sua nipote.

“È fantastica. Siamo così orgogliosi di lei”, ha detto Brooke.

Suo nonno ha giocato per Derry nella finale irlandese contro il Dublino nel 1958.

READ  Popolari porta i classici italiani preferiti a Bloomfield

“La sua prestazione è sempre stata migliore davanti al pubblico. Penso che sia da lì che l’ho preso”.

Le due nonne si recheranno a Torino per sostenere Brooke il 12 maggio, e nella finale vera e propria il 14 maggio, se il voto lo permetterà.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x