Non sono noti casi di vaiolo delle scimmie nella salute interna

In tutta la contea, ci sono stati 61 casi confermati, la stragrande maggioranza dei quali si trova a Vancouver Coastal Health

Nessun caso di vaiolo delle scimmie è stato ancora segnalato tramite Interior Health poiché la contea ha annunciato che stava fornendo un vaccino per il virus.

Secondo il Dipartimento della Salute, al 27 luglio c’erano 61 casi in tutta la Columbia Britannica: tre a Fraser Health, 54 a Vancouver Coastal Health e quattro a Island Health. Al momento non ci sono casi noti di IH o Northern Health.

Le cliniche per i vaccini sono servite a Vancouver Coastal Health, Fraser Health, Island Health e Interior Health, con i vaccini prioritari nella terraferma inferiore, dove si è verificata la maggior parte delle infezioni.

Il 23 luglio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale per l’epidemia globale di vaiolo delle scimmie, assicurando che i paesi lavorino insieme per gestire e fermare l’epidemia.

CHI Q&A SU MONKEYPOX

Nell’ambito di pratiche consolidate per la gestione delle malattie infettive, le autorità sanitarie pubbliche locali della Columbia Britannica stanno tracciando i contatti con le persone che sono state esposte alla malattia.

Il virus del vaiolo delle scimmie non si diffonde facilmente da persona a persona. Tutti i casi di trasmissione locale identificati hanno comportato un contatto pelle a pelle prolungato, che si sospetta sia la modalità principale di diffusione del virus.

Health Canada mantiene uno stock limitato del vaccino contro il vaiolo, efficace anche contro il vaiolo delle scimmie (Imvamune), fornito attraverso il BC Center for Disease Control. Il National Immunization Advisory Committee ha pubblicato raccomandazioni per l’uso di Imvamune.

READ  L'evento SpaceX Starship di Elon Musk lascia molte domande sul grande razzo dell'azienda: TechCrunch

Finora, la Columbia Britannica ha ricevuto 14.480 dosi di vaccino per controllare l’epidemia, inclusa la profilassi post-esposizione. I vaccini vengono ordinati settimanalmente e tutte le dosi vengono distribuite alle autorità sanitarie per la somministrazione. Al 25 luglio, sono state somministrate 7.200 dosi a persone ad alto rischio.

I sintomi dell’infezione da vaiolo delle scimmie di solito compaiono da una a due settimane dopo l’esposizione, ma possono richiedere da cinque a 21 giorni per comparire. La malattia può manifestarsi in due fasi, prima con sintomi simil-influenzali, seguiti da un’eruzione cutanea, di solito con piaghe o vesciche. Tuttavia, molte persone sviluppano solo un’eruzione cutanea. Le persone sono considerate contagiose dal momento in cui compaiono i primi sintomi fino a quando le ulcere non si risolvono, la pelle diventa secca e appare una nuova pelle. La maggior parte delle persone con vaiolo delle scimmie nella Columbia Britannica ha sintomi lievi e non necessita di interventi specifici.

Per ulteriori informazioni su chi è idoneo per un vaccino e come prenotare un appuntamento, fare riferimento all’autorità sanitaria locale o visitare http://www.bccdc.ca/health-info/diseases-conditions/monkeypox.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x