Notizie UE: il futuro del blocco è in pericolo mentre l’Italia pianifica un ‘attacco’ per rimuovere la base chiave che tiene l’euro | mondo | Notizia

Il governo di Mario Draghi vuole eliminare il “prestito moderato” in modo che paesi colpiti dal debito come l’Italia possano ancora una volta mettere le mani su contanti esorbitanti “sotto forma di zecca”. Il cosiddetto accordo di stabilità limita i deficit di bilancio dei paesi della zona euro al tre per cento della produzione economica e il debito totale al 60 per cento.

È stato introdotto per controllare la spesa pubblica, specialmente in paesi con una storia di finanze pubbliche maldestre.

Per affrontare al meglio le conseguenze della pandemia, queste regole sono state sospese fino alla fine del prossimo anno.

Tuttavia, Bruxelles prevede di reintrodurlo completamente dal 2023.

L’Italia e molti paesi dell’UE hanno esercitato pressioni contro le regole per anni, sostenendo che prendono di mira ingiustamente le economie più piccole del blocco che cercano di svilupparsi rapidamente.

LEGGI DI PI: I talebani hanno brutalmente giustiziato il comico afgano Tik Tok che ha deriso i militanti

La rivista italiana Repubblica ha affermato che la coppia è attualmente in attesa di conoscere l’esito delle elezioni federali tedesche di questo mese.

Una volta nominato il successore di Angela Merkel, si dice che vogliano sollevare l’argomento, che molti paesi dell’UE inclini al debito hanno a lungo lamentato essere troppo ristretto.

Il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire ha dichiarato al quotidiano che l’obiettivo dell’Italia è mantenere le regole dell’epidemia.

Si presume che Roma voglia minare a lungo termine gli standard rigorosi.

Tuttavia, ciò farebbe sembrare i governi dei paesi del nord dell’UE come se ci fossero regole allentate non necessarie per i loro affascinanti vicini meridionali.

READ  Come fare il ragù di cinghiale da "Bobby e Giada in Italia"

Questo fa il gioco dei populisti e alimenta la retorica anti-UE, rendendo improbabile una simile prospettiva.

Gentiloni crede però che ci sia un “trucco tecnico” che farà felici tutte le parti.

Vuole cancellare le regole per i paesi dell’UE che hanno ridotto almeno un ventesimo del debito pubblico ogni anno fino a raggiungere l’ostacolo del 60 per cento del PIL.

In questo modo è possibile eludere norme rigorose senza dover affrontare direttamente il cambiamento delle norme dell’UE.

Si afferma inoltre che consentirà ai paesi del nord dell’UE di salvare la faccia osservando che rimarrà il significativo ostacolo del 60 percento.

In realtà, però, allenterebbe la continua pressione di Bruxelles su paesi come Italia, Grecia, Spagna e Portogallo – che usano tutti l’euro – per ridurre costantemente il loro debito.

Segnalazione aggiuntiva di Monica Ballenberg

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x