Nuovi dati rivelano che i fattori molecolari che causano la malattia della tiroide oculare (TED) possono rimanere attivi nei pazienti con attività clinicamente ridotta (CAS)

Dublino – () – Horizon Therapeutics plc (Nasdaq: HZNP) ha annunciato oggi la presentazione di nuovi dati che identificano i modelli molecolari in TED e implicano il ruolo del fattore di crescita simile all’insulina-1 (IGF-1) nei pazienti con CAS ridotto. Questi dati sono stati presentati durante il meeting annuale dell’American Academy of Ophthalmology (AA 2022), 30 settembre – 3 ottobre a Chicago.

TED è una malattia autoimmune rara e potenzialmente pericolosa per la vista che è stata storicamente descritta come bifasica: acuta, che è tradizionalmente considerata come pazienti con CAS elevato e all’inizio del viaggio TED; e cronici, sono tradizionalmente considerati pazienti con ridotta aprassia del linguaggio nei bambini e successivamente durante la loro malattia.1 Questa analisi rivela che nell’aprassia del linguaggio ipertensiva e ipotensiva vi è una pronunciata attivazione dell’IGF-1 e dei relativi percorsi, nonché l’organizzazione della matrice extracellulare (ECM), una rete strutturale che supporta i processi cellulari.2

Dimostrando che l’attività della malattia persiste nei pazienti con CAS ridotto, questa analisi può aiutare a spiegare perché molti pazienti che hanno avuto una malattia dell’occhio della tiroide per diversi anni continuano a manifestare sintomi difficili e potenzialmente debilitanti”. Stein Eye Institute presso l’Università della California, Los Angeles (UCLA).”È importante che i medici siano consapevoli della continua attivazione dell’IGF-1 durante il decorso della malattia e del suo potenziale impatto sulle decisioni terapeutiche”.

Lo studio ha analizzato il genoma dell’RNA. Analisi della sequenza e del percorso nei tessuti orbitali di pazienti con CAS ≤ 3 e pazienti con CAS ≤ 2, più cinque controlli. Sebbene i pazienti con AAS siano spesso caratterizzati dall’attivazione delle vie del sistema immunitario, che rimangono in gran parte inalterate nei pazienti con LCA, è stato riscontrato che il fattore di crescita simile all’X 1 e le vie correlate sono sovraregolati In entrambi gli stadi della malattia. Ulteriori analisi indicano che l’attività dell’IGF-1 svolge un ruolo chiave nel collegare le vie immunitarie e la via ECM nelle persone con TED.2

READ  Le cellule cerebrali umane coltivate nei topi offrono una "opzione più etica" per lo studio delle malattie neurologiche

La sovraregolazione dell’IGF-1 riscontrata nei pazienti con CAS basso con malattia estesa è supportata da un numero crescente di prove che delineano l’effetto di TED sulle persone che hanno convissuto con esso per diversi anni.3 Una recensione pubblicata sulla rivista Oftalmologia Nel 2021 è stato riscontrato che il carico della malattia continua nella fase cronica, influenzando la vita quotidiana con l’aspetto e cambiamenti visivi persistenti, aumentando il rischio di ansia e depressione.4

Jeffrey W. Sherman, MD, FACP, Executive Vice President, Chief Medical Officer, Horizon, ha dichiarato: “Ci impegniamo in ricerche innovative come questa per comprendere meglio i fattori trainanti dello sviluppo di questa malattia al fine di supportare meglio i pazienti con malattie dell’occhio della tiroide nel corso della loro vita. ”

Informazioni sulla malattia dell’occhio della tiroide (TED)

La TED è una malattia autoimmune rara, grave, progressiva e potenzialmente pericolosa per la vista.1 TED si verifica più spesso nelle persone che vivono con la malattia di Graves, ma è una malattia distinta causata da autoanticorpi che attivano il complesso di segnalazione mediato dall’IGF-1R sulle cellule all’interno dello spazio retro-orbitale.5,6 Ciò porta a una serie di effetti negativi, che possono causare danni a lungo termine e irreversibili, inclusa la cecità. I primi segni e sintomi di TED possono includere secchezza degli occhi e malessere. Eccessivo arrossamento, gonfiore e lacrimazione. Esoftalmo palpebrale retratto. pressione e/o dolore dietro gli occhi; e diplomazia.7,8

intorno all’orizzonte

Horizon è un’azienda biotecnologica globale focalizzata sulla scoperta, lo sviluppo e la commercializzazione di farmaci che rispondono ai bisogni critici delle persone affette da malattie infiammatorie rare, autoimmuni e gravi. La nostra pipeline è mirata: applichiamo competenza scientifica e coraggio per fornire trattamenti clinicamente benefici ai pazienti. Crediamo che scienza e compassione debbano lavorare insieme per cambiare le vite. Per ulteriori informazioni su come facciamo di tutto per avere un impatto sulla vita, visita il sito www.horizontherapeutics.com e seguici TwitterE il LinkedInE il Instagram E il Facebook.

READ  Perché questa luna blu è anche una "luna di storione"

Riferimenti

  1. Barrio-Barrio J, et al. Oftalmopatia di Graves: classificazione, valutazione e gestione Visa vs EUGOGO. Giornale di oftalmologia. 2015; 2015: 249125.

  2. Ogradar S e altri. Confronto del trascrittoma dell’intero genoma della malattia tiroidea acuta e cronica: comparsa di una firma molecolare. Presentazione orale presso: American Academy of Ophthalmology (AAO); 30 settembre 2022 – 1 ottobre; Chicago, IL.

  3. Wang Wei et al. Malattia oculare infiammatoria e non infiammatoria della tiroide: un confronto tra segni e sintomi di malattia e qualità della vita nei pazienti americani. Pratica endoscopica. 2022; 28 (9): 842-846.

  4. Cockerham KP, et al. Qualità della vita per i pazienti con malattia tiroidea cronica negli Stati Uniti. C’è l’oftalmologia. 2021; 10 (4): 975-987.

  5. Whitman DR, et al. Anticorpi contro i siti di legame dell’IGF-1 nell’oftalmopatia associata alla tiroide. Autoimmune. 1993; 16 (4): 251–257.

  6. Pritchard G et al. L’attivazione dell’immunoglobulina dell’espressione chemiotattica delle cellule T nei fibroblasti di pazienti con malattia di Graves è mediata attraverso la via del recettore 1 del fattore di crescita simile all’insulina. J Immunol. 2003; 170: 6348-6354.

  7. Bartalena L, Kahaly GJ, Baldeschi L, et al. 2021 European Group Clinical Practice Guidelines for Graves’ Tropical Disease (EUGOGO) per la gestione medica dell’orbitopatia di Graves. Eur J Endocrinolo. 2021; 185: G43-G67.

  8. McCaig D et al. Caratteristiche cliniche della neuropatia ottica tireotossica: l’indagine EUGOGO (European Group on Graves’ orbitopathy). Fr. J Oftalmolo. 2007; 91: 455-458.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x