Onorare la Mano di Dio a Los Angeles con cene italiane fatte in casa

Il regista Paolo Sorrentino e sua moglie, Daniela D’Antonio, sanno come celebrare il film premio Oscar Hand of God.

Facendo feste.

Di recente hanno ospitato due cene per amici all’Airbnb di Los Angeles. E non è solo affitto. Netflix ha messo la coppia, insieme alla giovane star del cinema Filippo Scotti e altri membri del cast di “Hand of God”, nella casa di sei camere da letto che un tempo apparteneva a Elizabeth Taylor, che visse lì negli anni ’50 con l’allora marito Michael Wilding.

D’Antonio prepara i pasti a bordo piscina per gli ospiti utilizzando le antiche ricette di famiglia per pasta e patate con provolone, bachiri ragù e parmigiana di melanzane, pasta con melanzane, pasta e ceci. I dolci comprendevano pandoro ripieno, zebule fritte e sphogliatelle.

Tra gli ospiti c’era David O. Russell, Craig Gillespie, Julian Nicholson, Rich Klobeck, Agente UTA a Sorrentino, e Silvia Schiaf, Console Generale d’Italia a Los Angeles.

Il regalo di addio per i partecipanti è stato un libretto patinato di 25 pagine (sopra) con immagini fisse della “Mano di Dio” e cinque ricette di D’Antonio. Le mamme napoletane non chiedono ai figli: come state? Ma invece, “Hai mangiato?” D’Antonio scriveva nella prefazione. “Se i bambini rispondono ingenuamente (o per attirare l’attenzione), ‘Niente’, inizia una discussione strettamente legata al dramma. È una dinamica inclusiva che non conosce barriere sociali o culturali e non ha nulla a che fare con stereotipi culturali che ancora ritrarre gli italiani come le persone raggiunte negli anni 50. Dal secolo scorso è un modo educativo che dimostra che il cibo è l’essenza della cultura napoletana”.

READ  Wade van Niekerk riposa in Italia con la moglie e il figlio

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x