Opere d’arte del valore di 46 milioni di dollari appartenenti alla Russia sequestrate dalle dogane finlandesi

Abby Baggini, CNN

La dogana finlandese ha confiscato opere d’arte per un valore di 46 milioni di dollari al suo ritorno in Russia, secondo una dichiarazione rilasciata dall’agenzia governativa mercoledì.

Lo diceva la dogana, a causa dell’Unione Europea Sanzioni, aveva sequestrato tre carichi di dipinti e sculture russe durante il fine settimana a Valima, un valico di frontiera nel sud-est del paese. L’opera d’arte stava tornando in Russia attraverso la Finlandia dopo aver partecipato a mostre internazionali in Italia e Giappone.

“È importante che le sanzioni vengano applicate in modo efficace”, ha affermato in una nota Sami Rakshit, direttore del dipartimento delle forze dell’ordine finlandesi.

“L’applicazione delle sanzioni fa parte delle nostre normali operazioni e dirigiamo sempre i nostri controlli in base al rischio. Le spedizioni che ora sono oggetto di indagine penale sono state divulgate come parte del nostro lavoro delle forze dell’ordine”.

La confisca è stata giustificata dal fatto che l’opera d’arte era considerata “beni di lusso” coperti dalle sanzioni dell’UE contro la Russia. Secondo le dogane finlandesi, il ministero degli Affari esteri finlandese ha confermato che l’elenco delle sanzioni dell’UE contiene un paragrafo sulle opere d’arte.

Il senatore russo Sergei Tsikov, membro della commissione per gli affari esteri del Consiglio della Federazione, ha dichiarato mercoledì ai media statali russi RIA Novosti che “l’appropriazione extragiudiziale” dell’opera d’arte da parte della Finlandia è stata un “furto”.

“Sembra che l’intera Europa, non solo l’UE e la NATO, sia impazzita”, ha detto Tsikov. “Ora le opere d’arte appartenenti alla Russia non possono tornare in patria, nei musei russi”.

READ  L'attrice Yvette Mimio muore a 80 anni

RIA Novosti, citando il Ministero della Cultura russo, ha affermato che l’opera d’arte faceva parte di due progetti espositivi in ​​Italia: uno in una mostra in Piazza Scala a Milano e l’altro al Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Udine. Sono in prestito dalla Galleria Statale Tretyakov e dal Museo Statale di Arte Orientale.

Altri pezzi del Museo statale di belle arti Pushkin di Mosca sono tornati dal Giappone, dove erano esposti al Chiba City Museum di Tokyo.

La dogana finlandese ha affermato nella dichiarazione che “le opere d’arte vengono archiviate tenendo conto del loro valore, caratteristiche e sicurezza” e che è in corso un’indagine.

I leader europei hanno implementato una serie di sanzioni contro la Russia, con misure che sono aumentate negli ultimi giorni Le atrocità viste a Bucha vicino a Kiev.

Sebbene le sanzioni siano in gran parte progettate per colpire l’economia russa, anche l’impatto culturale del paese è ridotto.

Da quando Mosca ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, il mondo dell’arte ha cancellato le mostre e ha esercitato pressioni sulle istituzioni artistiche russe.

Filo della CNN
™ & © 2022 Cable News Network, Inc. , una società WarnerMedia. Tutti i diritti riservati.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x