Palestinesi manifestano contro Mahmoud Abbas dopo la morte di un attivista | Notizie della Cisgiordania occupata

Dimostranti arrabbiati si sono scontrati con le forze di sicurezza palestinesi durante il terzo giorno di proteste nella Cisgiordania occupata per l’uccisione di un critico esplicito dell’Autorità Palestinese, morto mentre era in custodia dell’Autorità Palestinese.

In centinaia si sono radunati nella città di Ramallah – sede dell’Autorità Palestinese – per scandire slogan contro il presidente Mahmoud Abbas, due giorni dopo che le forze di Abbas hanno arrestato l’attivista Nizar Banat.

Secondo la famiglia di Banat, 24 agenti lo hanno colpito alla testa con manganelli e sbarre di metallo. La sua morte è stata confermata poche ore dopo il suo arresto.

I manifestanti portavano bandiere palestinesi e poster di ragazze e chiedevano le dimissioni dell’85enne Abbas. “La gente vuole la caduta del regime”, hanno scandito, insieme a “Abbas, dimettiti!”

“Vogliamo una riforma politica completa che rifletta veramente gli interessi della gente”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters il manifestante Esmat Mansour.

Quando i manifestanti hanno iniziato a marciare verso il complesso degli uffici di Abbas, un gruppo di sostenitori del presidente ha fermato la marcia, che ha portato a uno scambio di lanci di pietre tra le due parti. Le forze di sicurezza palestinesi in tenuta antisommossa hanno sparato gas lacrimogeni e granate stordenti contro i manifestanti, costringendo molti a fuggire per ripararsi.

Più tardi, i sostenitori di Abbas si sono radunati in una contro-manifestazione, dove dozzine hanno scandito: “La gente vuole Abbas come presidente”.

READ  I ricercatori hanno scoperto un dinosauro conservato seduto su un nido d'uovo con embrioni fossilizzati

Almeno cinque giornalisti, quattro dei quali donne, sono rimasti feriti nelle proteste, tra cui la giornalista di Middle East Eye Shatha Hammad, che è stata colpita al volto con un lacrimogeno.

Hammad ha affermato che le forze dell’AP hanno “deliberatamente preso di mira” i giornalisti e hanno usato la polizia in borghese per attaccare e arrestare i manifestanti.

Secondo fonti mediche, almeno 20 persone sono rimaste ferite negli scontri.

Il portavoce di Hamas Hazem Qassem ha dichiarato in una dichiarazione che l’Autorità palestinese si sta comportando con “comportamento criminale”.

“La brutale repressione da parte dei servizi di sicurezza dell’Autorità palestinese nella Cisgiordania occupata contro i manifestanti è un comportamento criminale e una flagrante violazione di tutte le leggi e le norme umane”, ha affermato, aggiungendo che l’Autorità palestinese agisce “contro la politica nazionale e morale”. considerazioni.”

Giovedì, i manifestanti hanno appiccato incendi, bloccato le strade del centro e si sono scontrati con la polizia antisommossa a Ramallah.

I palestinesi hanno anche cantato contro l’Autorità Palestinese venerdì al funerale di una ragazza a Hebron e uomini armati mascherati hanno sparato in aria.

In centinaia si sono anche radunati contro Abbas dopo la preghiera del venerdì nella moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme.

‘Subappaltatore per Israele’

La repressione arriva mentre l’Autorità Palestinese, sostenuta a livello internazionale, affronta una crescente reazione da parte dei palestinesi che la vedono come sempre più corrotta e autoritaria, una manifestazione del processo di pace trentennale che non è affatto vicino al raggiungimento dell’indipendenza palestinese.

I manifestanti palestinesi hanno accusato l’Autorità palestinese di essere un subappaltatore dell’occupazione israeliana.

L’Autorità Palestinese ha controllato parti della Cisgiordania occupata da Israele, mentre il rivale Hamas controlla la Striscia di Gaza dal 2007, dopo aver sconfitto i tentativi di Fatah – il partito che domina l’Autorità Palestinese – di rimuoverli dal potere dopo la loro elezione nel 2006.

I critici di Abbas, che è stato eletto per un mandato di quattro anni nel 2005, affermano che ha poco da mostrare dopo più di un decennio di stretto coordinamento della sicurezza con Israele.

L’Unione Europea ha fornito centinaia di milioni di dollari in aiuti all’Autorità Palestinese nel corso degli anni, e gli Stati Uniti e altri Paesi hanno addestrato e attrezzato le proprie forze di sicurezza. L’Autorità Palestinese è vista a livello internazionale come un partner chiave negli sforzi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente, che è in stallo da più di un decennio.

Uomini della sicurezza palestinesi in abiti civili arrestano un manifestante nella città di Ramallah, nella Cisgiordania occupataضف [Abbas Momani/ AFP]

I gruppi per i diritti umani affermano che Abbas arresta regolarmente i suoi critici. Un funzionario di Human Rights Watch ha affermato che la detenzione delle ragazze “non era un’anomalia”.

In una serie di post e video in diretta sulla sua pagina Facebook, Banat, 43 anni, ha parlato dello stretto coordinamento della sicurezza dell’Autorità palestinese con Israele, che molti palestinesi vedono come un tradimento e una sua corruzione.

Ad aprile ha criticato Abbas per aver annullato quelle che sarebbero state le prime elezioni palestinesi in 15 anni. Banat era un candidato legislativo in una lista di accademici e oppositori dell’Autorità Palestinese.

L’Autorità Palestinese ha affermato di aver formato un comitato di alto livello per indagare sulla morte di Banat. L’esame forense iniziale ha concluso che la causa della morte era “innaturale”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x