Panoramica del pannello dei trigger nutrizionali, migliori pratiche per la gestione della dermatologia

I fattori scatenanti del cibo possono svolgere un ruolo di mediazione nel carico dei sintomi di molte condizioni della pelle, ma astenersi completamente da determinati alimenti può portare a un aumento del rischio di anafilassi e a scarsi risultati per la salute in generale, hanno osservato i membri del panel durante la sessione di sabato all’American Academy of Dermatology 2022 (AAD) Riunione annuale.

Quando si consigliano i pazienti Malattia della pelle (AD), la cui malattia è caratterizzata da un alto tasso di morbilità, ha affermato Peter A. Lio, MD, FAAD, professore associato di dermatologia e pediatria presso la Northwestern University School of Medicine e direttore dell’Eczema Care and Education Center della Northwestern University, ha affermato che di solito il tema del cibo e della pelle viene fuori durante gli appuntamenti, il che può suscitare opinioni emotive che sono probabilmente radicate nella disinformazione.

“Molte famiglie e pazienti entrano con il cibo travestito come causa del problema della pelle… ma il fatto è che quando guardiamo ai pazienti non scelti, cioè persone che non hanno un’allergia alimentare specifica nota, i dati suggeriscono davvero che escludere semplicemente il Cibo non aiuta davvero”.

Liu ha evidenziato che la prevalenza osservata di allergie e intolleranze alimentari è più di 10 volte maggiore della vera definizione di entrambe le scale, causando disconnessione o iperinflazione di come il cibo influenzi il carico di Alzheimer.

Utilizzando il gold standard per i test alimentari controllati con placebo, ha affermato, consiglia di misurare i pazienti in due o tre settimane per esaminare le possibilità relative alla dieta dei pazienti.

Per quelli con reazioni di immunoglobuline E (IgE) (orticaria, angioedema, anafilassi, sindrome da allergia orale), sono disponibili test sierologici per testare e confermare alcune allergie alimentari. Inoltre, la presenza di comorbidità come la celiachia, che è più comune nei malati di Alzheimer, potrebbe anche spiegare la sensibilità al glutine.

READ  Confermata la peste delle pulci in Colorado

Ma per altre incertezze, la possibilità di un’associazione diretta con un’esacerbazione della malattia di Alzheimer è rara. La rimozione di cibi inizialmente tolleranti, come il glutine o le arachidi, può portare allo sviluppo di questa allergia alterando il microbioma intestinale dei pazienti.

“Parte del problema è che si investe molta energia, tempo e denaro [restrictive diets] Penso che potrebbe compromettere la capacità di curare adeguatamente il morbo di Alzheimer”, ha detto Liu.

Per quanto riguarda gli alimenti noti per provocare allergie nei bambini e nei pazienti con malattia di Alzheimer, il latte vaccino e le uova di gallina sono le due cause più comuni.

Una dieta generalmente sana, in particolare la dieta paleo, più olio di semi di canapa, tè oolong e probiotici nei bambini erano tra le molte raccomandazioni dietetiche che Lio ha notato per avere un impatto potenzialmente positivo sul carico dei sintomi dell’Alzheimer.

“Continuiamo a dire quale cibo rende la tua pelle cattiva, ma forse quello che dobbiamo dire è che la tua pelle ti rende sensibile a tutti questi alimenti: dobbiamo guarire la tua pelle, perché ora capiamo che molti pazienti probabilmente sono sensibilizzati. lontano, o alla barriera cutanea. rotti, o attraverso la pelle, penetrano nella pelle, il che è davvero importante.

Il rapporto tra dieta e psoriasiun’altra malattia immunitaria, affrontata da April W. Gravità della malattia, considerazioni sulla perdita di peso e se alcuni particolari alimenti o nutrienti possono essere utili per i pazienti.

La celiachia compare due volte più spesso nei pazienti con psoriasi, che sono anche a maggior rischio di risultare positivi agli anticorpi che indicano sensibilità al glutine. Per i pazienti con psoriasi con malattia celiaca confermata, una dieta priva di glutine è altamente raccomandata ed è stata indicata per alleviare i sintomi gastrointestinali e ridurre la gravità della malattia.

READ  Gli scienziati hanno identificato nuovi meccanismi di paura nel cervello

Potenziali benefici sono stati mostrati anche per coloro che hanno mostrato segni di sensibilità al glutine, con una prova di 3 mesi della dieta priva di glutine raccomandata in aggiunta ai trattamenti medici standard. L’astensione dal glutine non è raccomandata per i pazienti con psoriasi che hanno una sensibilità incerta.

“Potreste avere pazienti che direbbero: ‘Beh, penso che dovrei fare un test di sensibilità al glutine casuale. Quindi in realtà abbiamo una raccomandazione negativa dalla National Psoriasis Foundation’ [NPF] Afferma che lo screening completo per i segni sierologici della sensibilità al glutine non è raccomandato, perché nei pazienti senza una storia familiare e sintomi gastrointestinali, possono esserci molti falsi positivi”, ha affermato Armstrong.

Quando si valutano altre potenziali strategie per ridurre il carico di malattia, l’NPF raccomanda vivamente ai pazienti in sovrappeso e obesi con psoriasi di impegnarsi in una dieta a bassa focale come intervento aggiuntivo insieme a tutti i tipi di trattamenti standard.

L’obesità è stata associata a una maggiore gravità della malattia e a una ridotta risposta ai trattamenti, per cui periodi dietetici da 4 a 6 mesi possono migliorare la qualità della vita e ridurre il carico dei sintomi dell’artrite psoriasica (PsA), che Sviluppare In circa un terzo dei pazienti con psoriasi.

“La perdita di peso può avere un effetto meccanico sulle nostre articolazioni”, ha detto Armstrong. “Sebbene pensiamo all’artrite reumatoide principalmente come una malattia infiammatoria delle articolazioni, le proprietà infiammatorie possono peggiorare con lo stress meccanico”.

Prove di bassa qualità hanno indicato che l’adesione alla dieta mediterranea, in particolare il consumo di olio extra vergine di oliva e il consumo di acidi grassi omega-3 possono migliorare la gravità della psoriasi, ha aggiunto Armstrong. Al contrario, la dieta occidentale può portare a un aumento del carico di malattie a causa del contenuto di saccarosio/zucchero, mentre la dieta chetogenica ha mostrato alcune promesse ma richiede ulteriori indagini a causa di alcuni risultati contrastanti.

READ  Cattura il verme della luna piena di marzo domenica

I membri del comitato hanno anche notato fattori scatenanti nutrizionali per le condizioni dermatologiche di dermatite da contatto, acne e disturbi infiammatori dei capelli:

  • Fattori scatenanti della gravità della dermatite da contatto: metalli negli alimenti (nichel, cromo, cobalto), profumo di balsamo del Perù e acido benzoico/benzoato
  • Fattori scatenanti della gravità dell’acne: dieta occidentale, alimenti ad alto indice glicemico/alto indice glicemico, latticini (in particolare latte scremato), integratore di proteine ​​del siero di latte
  • Cause scatenanti dei disturbi infiammatori dei capelli: marcata riduzione calorica, telogen effluvium, carenze vitaminiche/minerali

“Per quelli con vere allergie, ovviamente dobbiamo prenderlo molto sul serio”, ha concluso Liu. “Ma per coloro che non sono allergici, può essere pericoloso iniziare a evitare gli alimenti. Voglio solo trasmettere che tengo davvero al paziente. Vogliamo che migliori. Non vogliamo perdere tempo, energia o causare danno. Nel frattempo, è una buona idea consigliare seguendo una dieta sana”.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x