Parade-Olimpiadi-Atletica – Record incredibili, colpi di sprint, ma la tecnologia delle scarpe rovina la gloria

3 agosto 2021; Tokyo, Giappone; Carsten Warholm (NOR) sconfigge Ray Benjamin (USA) per vincere i 400m ostacoli in un record mondiale da 45,94 a 46,17 durante le Olimpiadi estive di Tokyo 2020 allo Stadio Olimpico. Credito obbligatorio: Kirby Lee-USA TODAY Sports

TOKYO (Reuters) – I ricordi indelebili dell’atletica delle Olimpiadi di Tokyo saranno due grandi gare nei 400 m ostacoli, uno sprint femminile, uno straordinario shock dei 100 m e un’indelebile medaglia d’oro nel salto in alto delle Olimpiadi di Tokyo, come lo sport ha dimostrato che c’è vita dopo Usain. Bullone.

Tuttavia, in bilico sopra i display stellari c’era una doppia ombra di “stivali che migliorano le prestazioni” e una pista super veloce, che ha lasciato i fan senza sapere come giudicare ciò che hanno visto contro alcuni dei grandi del passato.

La battaglia di Karsten Warholm con l’americano Ray Benjamin ha visto il norvegese battere il suo record mondiale di 0,76 secondi – un margine enorme per un singolo giro – con anche Ray che ha lasciato il segno.

Lo scenario si è poi ripetuto nella gara femminile quando Sidney McLaughlin ha battuto il proprio record mondiale davanti alla connazionale Dalilah Muhammad anche lei all’interno del vecchio segno.

Warholm ha poi parlato criticando le scarpe dalla suola spessa del suo avversario, nonostante indossasse anche punte placcate in carbonio che senza dubbio migliorano le prestazioni.

Con un progettista di piste di Tokyo che afferma che la sua tecnologia potrebbe produrre un vantaggio in termini di prestazioni del 2%, diventa comprensibile il motivo per cui l’esperto di biomeccanica Jeff Burns ha affermato: “Dobbiamo solo smettere di essere entusiasti dei tempi veloci”.

READ  Benevento, ci sarà una rimonta con l'Atalanta

Il presidente della World Athletics Sebastian Coe ha ribadito la sua convinzione che la sua organizzazione “non dovrebbe soffocare l’innovazione”.

“E’ una questione importante e non la sto sottovalutando, ma non credo che ce ne andremo perché quello che abbiamo visto in pista non è altro che credibilità”, ha detto.

I tempi migliorati sono stati anche filtrati per gli sprint, dove Elaine Thompson-Herrah ha completato un’impressionante doppia di 100m/200m prima di completare piazza pulita mentre la Giamaica ha vinto la staffetta 4x100m.

I suoi tempi l’hanno resa la donna più veloce in vita su entrambe le distanze, arrivando seconda in tutte le classifiche dopo la defunta americana Florence Griffith Joyner.

Se c’era da aspettarsi la brillante iterazione di Thompson-Hera del suo duo di Rio, i 100 metri maschili, i primi dopo la tripla di Bolt, erano esattamente l’opposto poiché Lamont Marcel Jacobs ha vinto una gara in cui l’Italia non aveva mai vinto una medaglia.

Il salto in lungo convertito, che non era stato rotto 10 secondi prima di questa stagione, ha ottenuto una splendida vittoria in un record europeo di 9,80 secondi.

Ha anche preso parte a una straordinaria vittoria della staffetta 4 x 100 metri in cui l’Italia ha vinto cinque medaglie d’oro, il suo miglior risultato in questo sport ai Giochi Olimpici.

C’è stato un terzo record mondiale, che è anche enorme, per Yulimar Rojas, che è diventata la prima donna campionessa olimpica venezuelana, mentre l’oro del giavellotto di Neeraj Chopra è stato il primo nello sport per l’India.

Il Burkina Fasa è diventato il centesimo paese a vincere una medaglia di atletica leggera – Hughes Fabrice Zango bronzo nel salto triplo – e il Consiglio di amministrazione dello sport ha pubblicato una serie di statistiche domenica per sottolineare la sua vera portata globale.

READ  Scherma - La Corea del Sud vince l'oro nella finale di sciabola maschile

83 paesi hanno raggiunto la finale, c’erano 43 squadre sul podio e 23 squadre che hanno vinto la medaglia d’oro. C’erano tre record mondiali, 12 record olimpici, 28 record di area e 151 record nazionali.

Gli Stati Uniti sono in testa al medagliere con 26 medaglie, tra cui sette ori, ma è stato un brutto momento per la squadra maschile sempre al completo, con solo la staffetta 4x400m che ha vinto l’oro in pista.

Era un caso diverso per le donne, e per di più c’era l’impareggiabile Alison Felix. Il 35enne è diventato l’atleta di atletica leggera più decorato nella storia delle Olimpiadi con 11 medaglie, dopo aver vinto l’oro nella staffetta 4x400m e il bronzo nei 400m individuali.

Ma se un momento riassume lo spirito dell’intero movimento olimpico, è probabilmente nel salto in alto maschile.

Mutaz Barshim del Qatar e Gianmarco Tampere dell’Italia, entrambi di ritorno dallo stesso infortunio in pericolo di carriera, hanno deciso di condividere l’oro ed è esploso di gioia quando gli ufficiali hanno concordato.

(Segnalazione di Mitch Phillips; Montaggio di Peter Rutherford)

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x