Paul Workman: Un viaggio in treno a Kiev nel mezzo della guerra

Kiev – L’orario di partenza era alle 11:26, 2a corsia. Sei auto. Alcune centinaia di persone aspettavano sulla piattaforma. Il treno era in ritardo e tutti sapevano che sarebbe stato. Molti sembravano famiglie che tornavano a casa. Bambini, gatti e cani.

Settimane prima, quando le forze russe hanno lanciato la loro offensiva, la stazione di Leopoli era in uno stato di schiacciamento a causa dei rifugiati appena creati che erano fuggiti dalla guerra. Andavano tutti nella stessa direzione: Ovest.

Il treno delle 11.26 si stava dirigendo a est verso il combattimento. a Kiev, dove le forze ucraine hanno respinto i russi in uno straordinario capovolgimento militare, appena fuori città.

Ogni villaggio liberato ha rivelato la tragedia, la perdita e la sofferenza causate dall’ossessione personale del presidente russo Vladimir Putin per un paese a cui aspirava da tempo. Ora gli ucraini vengono puniti per essersi rifiutati di diventare russi.

Non cercare oltre le linee di sacchi per cadaveri Irbin per la conferma di ciò che è accaduto in Ucraina nell’ultimo mese. Un sobborgo lontano dalla capitale del paese.

Questo non è stato un viaggio veloce ed elegante a Kiev. Passò un’ora e mezza prima che il treno iniziasse finalmente a lasciare la stazione. Abbiamo usato un’app per misurare la velocità. Velocità registrata di 50 km/h. La campagna bruna e opaca passava molto lentamente in un lieve e stridulo dosso all’interno della capanna.

Puoi guidare fino a Kiev e la gente lo fa sempre, ma il viaggio in treno sembrava più sicuro e anche più veloce. O almeno così ci è stato consigliato.

La conduttrice, una donna bionda sulla cinquantina, ha portato delle tazze di tè e non parla inglese. Ma ha trovato qualcuno che l’ha fatto e ci ha detto che il treno non sarebbe arrivato a Kiev prima delle 22:00

READ  Ucraina: Trudeau condanna l'attacco russo a Bucha

Ciò significa arrivare dopo l’inizio del coprifuoco notturno.

L’Ucraina ha mantenuto i suoi treni in funzione giorno e notte, a una velocità e una capacità che non riteneva necessarie o possibili. Sarà raccontato come uno dei pochi grandi successi che sono risultati dalla guerra di aggressione di Putin. Con i dipendenti delle ferrovie sono debitamente onorati per il loro eccezionale lavoro in tempi pericolosi.

Kiev è stata attaccata, la torre della televisione e i condomini sono stati colpiti da proiettili e i treni hanno continuato ad andare e venire, terribilmente sovraffollati e con un ritardo estenuante.

Il nostro treno inizialmente è andato a nord-est fino a Rivene, quindi si è diretto a sud oltre quello che sembrava essere un deposito di carburante in fiamme. Sembrava che un altro missile fosse caduto, con il suo fuoco infuriato, mentre avanzavamo lentamente.

Ad un certo punto abbiamo svoltato di nuovo a nord-est, forse quando abbiamo visto un’alta colonna di carri armati ucraini caricati su vagoni ferroviari e parcheggiati su un lato.

Verso il tramonto, la luce si è attenuata, abbiamo fatto un altro asse, ora in direzione est, per gli ultimi 100 chilometri a Kiev. In questo modo l’ingegnere aveva scelto con cura i potenziali punti problematici. Ad un certo punto, siamo arrivati ​​a una distanza di circa 60 chilometri da una città russa occupata.

Quando all’improvviso si accesero le luci della cabina, il capotreno ci fece cenno di abbassare le tapparelle e di pagare le tre tazze di tè. Circa 10 centesimi ciascuno.

Quando siamo arrivati, Kiev era nell’oscurità quasi completa e nella riserva. Dopo la corsa più sicura e più lenta verso il fronte orientale.

READ  Un incendio spento in una petroliera al largo della Siria | Notizie sulla guerra siriana

Ho superato due canadesi che sembravano paramedici con zaini fuori misura

“dove stai andando?” Ho chiesto. Hanno risposto: “Ovunque ci mandi l’ospedale”.

E salirono, per i gradini bui, attraverso due file di posti di blocco armati, e nella notte.

rimaniamo in contatto

Hai domande sull’attacco all’Ucraina? e-mail dotcom@bellmedia.ca.

  • Per favore includi il tuo nome, posizione e informazioni di contatto se sei disposto a parlare con un giornalista con CTV News.

  • I tuoi commenti possono essere utilizzati nella storia di CTVNews.ca.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x