Pence contraddice Trump il 6 gennaio, chiama il piano per annullare l’annuncio delle elezioni del 2020 “non americano”

Pence ha anche detto che sarebbe “sempre orgoglioso” del suo ruolo nella conferma dei risultati elettorali il 6 gennaio successivo rivolte mortali Un sostenitore di Trump al Campidoglio degli Stati Uniti.

Le osservazioni dell’ex vicepresidente alla Ronald Reagan Presidential Library a Simi Valley, in California, si sono concentrate principalmente sulla creazione di una piattaforma pro-Trump per una potenziale amministrazione della Casa Bianca per conto suo.

Ma Pence ha anche offerto una dura valutazione delle accuse dell’ex presidente, nei giorni e nelle settimane precedenti al 6 gennaio, secondo cui i risultati elettorali erano stati modificati durante il conteggio ufficiale dei voti elettorali al Congresso.

“La Costituzione non conferisce al vicepresidente alcun potere di rifiutare o restituire i voti elettorali presentati al Congresso dagli stati”, ha detto Pence, contraddicendo l’affermazione di Trump al raduno del 6 gennaio secondo cui il suo vicepresidente può “fare la cosa giusta” e rifiutarsi di votazione. Numero.

Senza menzionare Trump per nome, Pence ha detto che ci sono “membri del nostro partito” che credono che “chiunque” possa scegliere il presidente.

“La verità è che non c’è quasi idea più antiamericana dell’idea che chiunque possa scegliere il presidente americano”, ha detto.

Trump continua a insistere sul fatto che le elezioni siano state rubate e ha detto ad A assi che “non ha mai ammesso la sconfitta” ed “è rimasto molto deluso dal fatto che[Pence]non l’abbia inviato alle legislature”.

In cambio, Pence ha ammesso la “delusione” della sconfitta nel 2020.

“Ora, capisco la delusione che molti provano per le ultime elezioni”, ha detto. “Posso parlare. Ero in ballottaggio. Ma come sapete, c’è di più in gioco nel nostro partito e nelle nostre fortune politiche in questo momento. Se perdiamo fiducia nella costituzione, non perderemo solo le elezioni, ma perderemo perdere il nostro paese».

READ  Meteo, possibile nuovo record mondiale per l'alta pressione: il tifone russo-siberiano porta in Mongolia 1094.3hPa

È stata l’unica netta separazione che Pence ha fatto dal presidente che ha fedelmente servito per quattro anni – e che vorrebbe prendere lui stesso il suo mantello nella corsa presidenziale del 2024. Questo obiettivo è complicato dalla possibilità aperta che Trump possa candidarsi di nuovo, e la colpa attribuitagli anche dai più accesi sostenitori di Trump, fedeltà a Pence per non aver ribaltato le elezioni.

Il compito di Pence è distinguersi da Trump quando necessario, pur allineandosi ai risultati dell’amministrazione Trump, che è più popolare tra la base repubblicana. Questo sforzo è iniziato in Discorso in Carolina del Sud Ad aprile, è stata la sua prima dichiarazione pubblica da quando ha lasciato la vicepresidenza. Pence non è l’unico potenziale sfidante nel 2024 a navigare nell’eredità di Trump. Nikki Haley che ha criticato Trump dopo il 6 gennaio, Si è rivolto ai fedeli alla festa in Iowa Giovedì sera, ha ripetutamente condiviso storie affettuose su come ha collaborato con lui come ambasciatrice presso le Nazioni Unite.

Mentre Pence ha in gran parte evitato di parlare del 6 gennaio ad aprile, le sue osservazioni giovedì sera hanno tentato di affrontare, sebbene con attenzione, le false accuse fatte da Trump. Ma sopra ogni altra cosa, Pence sembra aderire strettamente a Trump e al Partito Repubblicano che ha ottenuto di più nell’immagine del 45esimo presidente.

Durante il suo discorso di 45 minuti, il repubblicano dell’Indiana si è presentato all’agenda di Trump su questioni come l’immigrazione, la sicurezza delle frontiere, il commercio, la Cina e la sicurezza pubblica. Ha parlato con orgoglio dei risultati dell'”amministrazione Trump-Pence” in carica, invitando i repubblicani a combinare le loro “priorità conservatrici tradizionali” con i “nuovi pilastri” dell’agenda Trump.

READ  La Guardia Costiera americana spara colpi di avvertimento contro una nave iraniana: il Pentagono | Donald Trump News

Ha anche cercato di riconciliare Trump con Ronald Reagan, l’ex presidente repubblicano e conservatore a cui Pence attribuisce il merito di averlo convinto a disertare dal Partito Democratico in gioventù.

“Anche il presidente Donald Trump è unico”, ha detto Pence. “Ha anche sconvolto lo status quo. Ha sfidato l’establishment. Ha rivitalizzato il nostro movimento e ha tracciato un nuovo corso audace per l’America nel ventunesimo secolo. Ora, come allora, non si può tornare indietro”.

Altrove nelle sue osservazioni, Pence ha attirato molte critiche ai Democratici, incluso il record del presidente Joe Biden sull’immigrazione e le sue proposte di spesa. Segue i “miti della sinistra”, criticando l’abolizione della cultura e gli sforzi per “espropriare la polizia”. Ha anche continuato a utilizzare la teoria critica della razza nei programmi scolastici, un obiettivo comune dei governatori e dei legislatori repubblicani in tutto il paese.

“Il nostro partito deve garantire che la teoria razziale critica sia espulsa dalle nostre scuole, dalle istituzioni militari e pubbliche”, ha affermato Pence.

Ma oltre a licenziare i democratici per aver “insultato” l’establishment americano, Pence ha offerto un sottile avvertimento ai repubblicani di rimanere su quella che ha definito “l’ultima linea di difesa” della Costituzione.

“Dobbiamo chiarire che il Partito Repubblicano difenderà sempre i principi alla base della nostra repubblica”, ha detto Pence, prima di entrare nel difendere le sue azioni il 6 gennaio, che ha definito “un giorno oscuro nella storia della Repubblica Araba”. d’Egitto». Il Campidoglio degli Stati Uniti.

David Wright della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x