Pentagono: Un drone lanciato dall'Iran ha bombardato una petroliera nell'Oceano Indiano

Pentagono: Un drone lanciato dall'Iran ha bombardato una petroliera nell'Oceano Indiano

Un drone lanciato dall'Iran ha colpito una petroliera chimica nell'Oceano Indiano sabato mattina presto, in quello che sembrava essere il primo attacco contro una nave commerciale al di fuori del Mar Rosso dalla recente ondata nella regione.

annuncio

Il Pentagono ha dichiarato: “La nave cisterna chimica battente bandiera della Liberia, di proprietà del Giappone e gestita dai Paesi Bassi, è stata attaccata intorno alle 6 del mattino GMT nell'Oceano Indiano, a 200 miglia nautiche dalla costa dell'India, da un drone d'attacco unidirezionale lanciato dall'Iran.” . Il portavoce ha detto.

Questo attacco è il primo del suo genere così lontano dal Mar Rosso dall'inizio della guerra tra Israele e Hamas.

Nelle ultime settimane si sono verificati una serie di attacchi nel Mar Rosso contro navi commerciali.

I ribelli Houthi dello Yemen, sostenuti dall’Iran, stanno prendendo di mira le navi occidentali che navigano al largo delle coste dello Yemen con collegamenti con Israele, in risposta alla guerra tra Israele e il gruppo islamico palestinese Hamas nella Striscia di Gaza. In risposta, le navi da guerra statunitensi e francesi che pattugliavano l’area hanno abbattuto diversi missili e droni.

Teheran nega il suo coinvolgimento

Hossein Amir Abdollahian, ministro degli Esteri iraniano, ha negato il coinvolgimento nell'attacco dei droni sabato, affermando che il suo paese non ha gruppi per procura nella regione. Ha anche negato il suo coinvolgimento negli attacchi contro le navi Il Mar Rosso Dagli Houthi nello Yemen.

“Le azioni intraprese da altri non dovrebbero essere attribuite a gruppi per procura iraniani”, ha detto Amir Abdullahian, “Non abbiamo gruppi per procura nella regione”.

READ  Regno Unito: gli alleati devono "raddoppiare i loro sforzi" e inviare carri armati e jet in Ucraina

Ha fatto queste dichiarazioni sabato dopo la conferenza internazionale di Teheran sulla Palestina.

Il che porta a ritardi e prezzi più alti

Gli attacchi dei ribelli Houthi dello Yemen alle navi commerciali nel Mar Rosso hanno reindirizzato gran parte del commercio globale lontano dalla regione, un cambiamento che dovrebbe portare a ritardi e prezzi più alti.

Petrolio, gas naturale, cereali e tutto, dai giocattoli all’elettronica, viaggiano tipicamente attraverso il corso d’acqua che divide l’Africa e la penisola arabica nel loro percorso verso il Canale di Suez, attraverso il quale passa il 12% del commercio globale.

Gli Houthi sono ribelli sostenuti dall’Iran che hanno conquistato la capitale yemenita, Sanaa, nel 2014, intraprendendo una guerra dura contro la coalizione guidata dai sauditi che cercava di restaurare il governo.

IL Gli Houthi Sporadicamente ha preso di mira le navi presenti nella zona, ma gli attacchi sono aumentati dall'inizio della guerra tra Israele e Hamas.

Hanno usato droni e missili antinave per attaccare le navi, e in un caso hanno utilizzato un elicottero per abbordare e sequestrare una nave di proprietà israeliana e il suo equipaggio.

La settimana scorsa, gli Stati Uniti – insieme ad un gruppo di altri paesi – hanno annunciato che avrebbero collaborato per proteggere le navi attaccate durante l’attraversamento del Mar Rosso.

Amir Abdullahian ha detto che non c’è bisogno di formare un’alleanza per proteggere la via navigabile.

“Non c’è bisogno di una coalizione, lo è [the US] Deve smettere di sostenere il criminale [Israel] Il ministro degli Esteri iraniano ha dichiarato alla conferenza tenutasi a Teheran: “Vedranno una regione più sicura e ci saranno condizioni migliori per il trasferimento di energia nella regione”.

READ  L'ex presidente Karzai afferma che gli Stati Uniti hanno fallito in Afghanistan | Notizie di conflitto

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x