Perché amiamo il Giro d’Italia: Il caos, la bellezza e l’impareggiabile emozione del ciclismo

Perché amiamo il Giro d’Italia: Il caos, la bellezza e l’impareggiabile emozione del ciclismo

],”filter”:{“nextExceptions”:”img,blockquote,div”,”nextContainsExceptions”:”img,blockquote,a.btn,ao-button”}}”>

fuori dalla porta? Leggi questo articolo sulla nuova app Outside+ ora disponibile sui dispositivi iOS dei membri!
> “,” name “:” in-content-cta “,” type “:” link “}}”> Scarica l’app.

Il Giro d’Italia è diverso da qualsiasi gara in calendario e rimane particolarmente popolare all’interno del gruppo.

I corridori e lo staff parlano di un affetto genuino per il Giro. C’è qualcosa nelle origini italiane, però del tifoe un dramma che si svolge nell’arco di tre settimane e lascia un segno indelebile in tutti coloro che sopravvivono.

Giro può essere incredibilmente generoso e spietato. Un ciclista può essere in cima al mondo un momento, il momento necessario per aprire il tappo di una bottiglia di champagne, o andare alla deriva così vicino a un manto nevoso, e quei sogni vengono ridotti in cenere.

Il Giro è speciale per dove e quando è stato disputato. L’Italia evoca la bellezza di un’altra epoca, ma è progressivamente moderna come ovunque in Europa. Potrebbe essere un momento strano per correre per tre settimane. Mentre la primavera si scioglie in estate, l’incantesimo invernale può tornare anche nel cuore della fine di maggio.

Leggi anche:

Sono gli italiani famosi del tifoQuesto è ciò che contraddistingue il Giro. I fan italiani appassionati, leali e crudi adorano correre con le loro moto e hanno raccontato al gruppo tre settimane di applausi, grida, cenni e applausi.

La nostra redazione spiega perché ama il Giro:

Jim Cotton: follia e caos

Porta il caos. (Foto: Immagini Gruber/VeloNews)

L’obiezione di Ryder? certamente.

Tappe cancellate per neve? Perché no.

Polimica Tra i pretendenti al podio? naturalmente!

READ  Jürgen Klopp spera che Jordan Henderson possa giocare di nuovo in questa stagione

Il Giro d’Italia è una gara di polemiche, “WTF” e una bella svolta di caos. Ogni anno potrebbe vedere il Giro precipitare in un po’ di caos.

Di recente, c’è stato un pilota che ha protestato contro la tappa piovosa e il ritardo di ore in una gara. Qualche anno prima, Nairo Quintana e il suo attacco da far alzare le sopracciglia avevano abbattuto l’origine neutrale dello Stelvio. E quasi certamente ogni anno vedrà una tappa di montagna deviata dalla neve che viene scaricata sulle vette di 2.000 metri.

WorldTour sta diventando sempre più perfetto.

Dalla messa in scena di eventi senza pietre alle gare controllate dal misuratore di potenza, la classe superiore maschile è una macchina strettamente controllata.

Ma il Giro conserva un mod unico di imprevedibilità e caos della vecchia scuola. Per me, quella ribollente possibilità dell’ignoto lo rende il miglior Grand Tour dell’anno.

Sadhbh O’Shea: Bella Italia

Bella Italia è in mostra per tre settimane. (Foto: Immagini Gruber/VeloNews)

Una delle gioie delle corse del Grand Tour, a parte l’azione reale su strada, è la possibilità di viaggiare in un paese e vedere i suoi luoghi senza lasciare il comfort di casa propria.

Tutte le gare di tre settimane si accumulano in panorami mozzafiato, ma il Giro d’Italia ha lo scenario più straordinario e ti lascia sempre con una scia di idee per le vacanze.

Forse aiutato dal fatto di essere un po’ più piccolo della bestia che è il Tour de France, il Giro d’Italia si incunea attraverso alcuni graziosi centri cittadini prima di viaggiare nella splendida campagna.

READ  Dina Haden di New Bedford premiata con la Biennale di Firenze in Italia

Gli organizzatori sanno tutti che lo spettacolo è una grande attrazione per i telespettatori, ma il Giro d’Italia tende a farlo al meglio con i suoi dettagli sullo schermo.

Coprire il Giro d’Italia per la prima volta l’anno scorso è stata un’occasione per vedere alcuni di questi luoghi in azione, e sono stati sicuramente un successo.

Andrew Hood: il tour più puro del ciclismo

Località italiane, odori e sapori prendono vita. (Foto: Immagini Gruber/VeloNews)

Amo Jiro perché è reale nella tua faccia. In un mondo sempre più vissuto indirettamente attraverso app o altre app, il Giro e il caos dell’Italia sono un costante promemoria di tre settimane che la vita è fatta per essere vissuta.

Le strade potrebbero essere orribili, il tempo totalmente imprevedibile e l’organizzazione potrebbe mancare… beh, l’organizzazione. Tuttavia, è da questa miscela di colori, suoni e caos che ogni maggio nasce un nocciolo di magia.

Come gran turismo, è il ciclismo nella sua forma più pura. Non è eccessivamente commercializzato come il Tour de France, ma porta più grinta della Vuelta a España. Il Giro è a cavallo tra lo spettacolo e l’oltraggioso.

La gara si svolge come un film di Fellini di tre settimane, con scenografie sontuose, luci drammatiche e sfide sconvolgenti che possono ridurre anche gli stoici supereroi su ruote ai loro stati più oscuri e indifesi.

Il Giro è grande senza essere gigantesco, e la corsa è importante senza essere pretenziosa.

Aggiungi italia, cucina e caffè, e bella vita Dalla vita on the road per tre settimane, il Giro è unico nel mondo dello sport. Il Giro è più di una semplice celebrazione del ciclismo, riunisce tutto ciò che rende le corse in bicicletta così belle.

READ  Jennifer Lopez elogia Ben Affleck in 'The Tender Bar': Video – Hollywood Life

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x