Perché i lupi hanno ucciso questo viaggiatore nel 2009? Ora sappiamo »Explorersweb

Nel 2009, i coyote nel Cape Breton Highlands National Park, in Canada, Ha attaccato il 19enne Taylor Mitchell. L’incidente è stato il primo mortale attacco di coyote nella storia registrata del Nord America. Ha lasciato ricercatori, sostenitori della fauna selvatica e appassionati di outdoor in una situazione simile. Cosa potrebbe aver provocato un cambiamento così drammatico nelle relazioni coyote-umano nel parco?

Studiosi pubblicati in Giornale di ecologia applicata Pensiamo che abbiano una risposta. Il loro giornale si chiama Condizioni ambientali estreme creano conflitti estremi: un nuovo percorso ecologico per gravi attacchi di lupo agli esseri umani. In esso, l’autore principale Stan Gert sostiene che i lupi in quella regione si specializzano in un modo unico. Hanno iniziato a inseguire e uccidere alci.

Adattamento estremo

Gert, professore presso il College of Environment and Natural Resources dell’Ohio State, sostiene che questo cambiamento da piccoli tipi di prede (tariffa standard per i lupi) a tipi di prede grandi (altamente insoliti) porta direttamente a potenziali conflitti con gli umani.

Raccogliendo e analizzando campioni di capelli, capelli e pellicce, i ricercatori della fauna selvatica hanno scoperto che i coyote nel Cape Breton Highlands National Park si sono adattati per mostrare specie più grandi, come le alci, come prede. Immagine: shutterstock

“Descriviamo questi animali come un’estensione della loro nicchia per fare affidamento principalmente sulle alci. Facciamo anche un ulteriore passo avanti e diciamo che non solo stanno scavando, ma hanno effettivamente ucciso le alci quando potevano. È difficile per loro farlo , ma poiché ne hanno così pochi Se avevano qualcos’altro da mangiare, era la loro preda. CNET ha detto. “E questo porta a conflitti con persone che normalmente non vedresti.”

La piccola preda è scomparsa

Gehrt e i suoi colleghi indicano “condizioni ambientali estreme” come la ragione per cui le fonti di cibo tipiche del parco per i coyote sono scomparse.

Il team di Gehrt ha raccolto peli dai coyote coinvolti nell’attacco fatale e campioni da coyote coinvolti in altri attacchi non fatali. Hanno anche raccolto campioni di tipiche prede di coyote (lemming, lepri con le racchette da neve e altri piccoli mammiferi) e prede di coyote non tradizionali (alci, umani).

Studiando i modelli di carbonio e azoto, il team ha scoperto che le alci costituiscono tra la metà e i due terzi della dieta dei lupi. L’analisi della proiezione del lupo ha confermato i risultati.

Le interazioni negative tra coyote e uomo non sono insolite, ma è stato registrato un solo attacco mortale di coyote contro un adulto in Nord America. Immagine: shutterstock

Quindi cosa significa questo per il futuro delle relazioni uomo-lupo? In breve, gli scienziati ritengono che non sia cambiato molto. I lupi sono incredibilmente adattabili – che è uno dei loro tratti distintivi – ma le circostanze che hanno portato all’attacco fatale sono molto insolite.

“I nostri risultati indicano che i gravi attacchi predatori non provocati da parte dei coyote sulle persone sono probabilmente molto rari e associati a caratteristiche ambientali uniche”, afferma il documento di Gert.

READ  C'è una luna lupo stasera: come ululare alla prima luna piena nel 2021

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x