Perché lo è sempre? La gioia e il dolore di Mario Balotelli e perché i tifosi del Manchester City lo amano ancora – Dominic Farrell

Dopo aver colpito la casa con uno sbalorditivo calcio da 25 yard, dirige la linea diretta degli informatori per schernire il manager avversario.

Nel recupero, la sua mossa dall’angolo sinistro ha pareggiato Adana Demirspor, che era stata sotto 3-0 per pareggiare 3-3 a Besiktas.

A tempo pieno, seguì il caos mentre si avvicinava di nuovo al sedile dell’avversario per prendere nota. Scrum lo seguì mentre camminava con un sorriso.

Solo un’altra tranquilla passeggiata nella vita di Mario Balotelli.

Dieci anni dopo il suo momento più bello nel calcio per club, quando il talentuoso attaccante italiano era ingiocabile nella sconfitta per 6-1 del Manchester City contro il Manchester United, Balotelli si sta allontanando dalle luci della ribalta – a parte urla virali, esultanze per il gol e buffonate generali – in la Super League turca.

È molto diverso dal giovane attaccante Robert Mancini che ha detto “possiamo mettere i primi cinque al mondo” in termini di abilità dopo che il compito di abbattere l’Old Trafford rimane una realizzazione completa ed effimera del maestro dei sogni e apprendista ribelle che ha condiviso durante la loro tempo insieme a Manchester.

Mancini mette in guardia contro questa calda raccomandazione riconoscendo che Balotelli, all’epoca 21enne, era ancora giovane e “potrebbe fare qualche errore”. L’ultimo errore nella domanda è stato quello di bruciare la sua villa nel Cheshire alla vigilia del derby perché Mario e i suoi amici stavano accendendo i fuochi d’artificio dal bagno.

Angeli e Demoni

Ogni volta che torna sui titoli dei giornali o su un ricordo storico come quello di sabato, la storia dei fuochi d’artificio e di tutte le altre curiosità gli gira intorno, come quando sua madre lo mandava da John Lewis a comprare un ferro da stiro e lui tornava con un quad e un trampolino (corretto) o quando era vestito da Babbo Natale e distribuiva banconote del valore di £ 50 ai senzatetto di Manchester (sbagliato) – scartate allegramente.

READ  Ore 12 del Golfo: Valentino Rossi con la Ferrari terzo nella categoria ProAm | notizia

Al City e nel calcio inglese in generale, è ricordato con un sorriso che gli brilla negli occhi. Quando venerdì è stato chiesto a Pep Guardiola se gli sarebbe piaciuto allenare Balotelli, ha guardato la scrivania della conferenza stampa e ha riso.

Ma quest’ultima avventura in Turchia lascia intendere anche qualcos’altro, come non fosse sempre facile essere Mario Balotelli.

Mancini Balotelli mostra la sua strada all’Old Trafford nel 2011

L’allenatore del Besiktas Sergey Yalcin è stato l’obiettivo del disprezzo del giocatore per i commenti che ha fatto come analista, dicendo che Balotelli “non ha cervello”. I commenti sono arrivati ​​dopo che l’ex numero 45 del City stava comicamente dondolando in un’amichevole pre-campionato contro i LA Galaxy. Mancini lo sostituì subito con vigore. Yalcin ha detto che l’allenatore “ha preso a calci” il suo giocatore.

Quella partita è stata nel 2011 e ha avuto poche o nessuna conseguenza sportiva. Tuttavia, ha ricordato Balotelli, 10 anni dopo ha fatto in modo di dimostrare a Leyalcin che non era un idiota distratto.

Ha fatto un pezzo del palco in campo per divertirsi insieme alla sua iconica maglia “Why Always Me”, ma se Balotelli portasse questi commenti da un amico più di dieci anni fa, ti chiederesti quanto pesasse di più rispetto a quando lo dicevano gli altri molto peggio..

Talento non realizzato

“Il talento di Balotelli era pazzesco, ma non l’ha raggiunto per vari motivi”, ha detto Nima Taflay dell’Italian Football Podcast. La città è nostra. “In parte era colpa sua e in parte riguardava le circostanze, essendo cresciuto in questo modo. Non c’era nessuno intorno a lui che potesse aiutarlo ad affrontare quei problemi, sentimenti e frustrazioni.

READ  Coppa America: Luna Rossa fa il passo successivo

“E’ stato il primo calciatore nero in Italia a questo livello. Ha dovuto fare i conti con tante cazzate e razzismo. È arrivato a Mario e gli ha fatto male. È un peccato”.

Dall’orribile spettacolo dei canti delle scimmie e degli abusi dei fan, Balotelli è stato anche preso di mira da coloro che ricoprivano le posizioni più alte nel paese. L’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi ha detto nel 2016 che Mario è “anche italiano, anche se ha preso molto sole”.

Nel 2017, dopo aver brevemente ricordato l’Italia sotto Mancini, Balotelli ha discusso di quanto fosse difficile per lui, figlio di immigrati, diventare cittadino italiano fino all’età di 18 anni.

Poi il vicepremier Matteo Salvini ha pubblicamente sminuito Balotelli in risposta, come ha fatto quando il giocatore è stato oggetto di abusi razzisti al suo ritorno in Serie A con la sua città natale, il Brescia due anni fa.

“Le cose vanno meglio ora, anche se non sembra così. Non è perfetto, ma il progresso continua. ” Mario è stata una delle prime aziende ad aprire molte porte, permettendo a molte persone di capire che i comportamenti che ha dovuto Affrontarlo è del tutto inaccettabile.”

Shay Given, Mario Balotelli e Micah Richards del Manchester City festeggiano il trofeo durante la FA Cup
Shay Given, Mario Balotelli e Micah Richards del Manchester City festeggiano il trofeo durante la FA Cup

Una storia d’amore a Manchester

Guardando a questo contesto più ampio, possiamo essere orgogliosi che Manchester fosse un luogo in cui Mario era amato. La città ha sentito il suo assurdo campo di gioco per due anni e mezzo. Il calcio nella sua forma più forte è un luogo di fuga e di sogno, che ha reso Balotelli il perfetto giocatore di poster per quel punteggio all’Old Trafford che è esistito ben oltre l’immaginazione più sfrenata dei tifosi del City.

READ  Non ci sono preoccupazioni per l'Inghilterra mentre aumentano le speculazioni su Harry Kane

L’amore di Balotelli continua, non solo per i due gol segnati quel giorno, ma per l’esatto momento in cui è entrato nell’orbita del Manchester City.

Proprio come te, non ne abbiamo mai abbastanza del Manchester City! Ecco perché abbiamo deciso di completare la nostra ampia copertura della città su Notiziario della sera di Manchester Con una piattaforma più orientata ai fan che si rivolge specificamente ai fan della città – La città è nostra.

Scrittori ed emittenti che condividono la tua passione per il lato blu di Manchester produrranno contenuti scritti, visivi e audio per riflettere l’umore sugli spalti e sulla piazza della stampa.

Segui il nostro team su Twitter (Tweet incorporato e Tweet incorporato)!

Due anni dopo essere stato acquisito dall’Abu Dhabi United Group, il club era nel bel mezzo di un cambiamento senza precedenti. I decenni precedenti di caotica imprevedibilità – sintomi di quella che Joe Royle chiamava “infiammazione della città” – stavano spazzando via per far posto allo spietato club super efficiente di oggi.

È chiaro che Balotelli non è stato tagliato dallo stesso tessuto dei giocatori Blues che hanno girato le divisioni dell’Inghilterra alla fine degli anni ’90, ma la sensazione pervasiva che tutto (non solo i fuochi d’artificio in bagno) potrebbe esplodere e andare sorprendentemente storto in qualsiasi momento significa che inavvertitamente aveva qualcosa di innegabile. Condiviso con la città vecchia.

Era incoerente, frustrante, amabile e davvero divertente – una star ultraterrena che si sentiva immediatamente riconoscibile come se lo conoscessimo da sempre.

Questo è sempre il motivo.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x