― Advertisement ―

spot_img
HomeTechPerché Microsoft ha chiesto ai suoi dipendenti in Cina di smettere di...

Perché Microsoft ha chiesto ai suoi dipendenti in Cina di smettere di usare i telefoni Android e di usare solo gli iPhone in ufficio?

Microsoft È previsto un grande progetto Sicurezza informatica Una misura in Cina impone a tutti i dipendenti di utilizzare gli iPhone per attività lavorative e di smettere di utilizzare gli smartphone. Androide dispositivi, secondo una nota interna vista da Bloomberg News.
A partire da settembre, il colosso della tecnologia limiterà l’accesso aziendale dai dispositivi Android in Cina, colpendo centinaia di lavoratori in tutto il continente. La decisione fa parte della Secure Future Initiative (SFI) globale di Microsoft, che mira a standardizzare le pratiche di sicurezza informatica dei dipendenti.

Solo iPhone, nessun telefono Android nel settore

La nota, come riportato da Bloomberg, afferma che presto i dipendenti con sede in Cina dovranno utilizzare solo dispositivi Apple per la verifica dell'identità quando accedono ai computer o ai telefoni di lavoro. Ciò evidenzia la crescente divergenza tra le piattaforme mobili cinesi e quelle straniere, soprattutto nel panorama frammentato degli app store Android in Cina.
A differenza dell'iOS Store di Apple, Google Apps Google Play non è disponibile in Cina, spingendo i produttori di smartphone locali come Huawei e Xiaomi a gestire le proprie piattaforme. La decisione di Microsoft di bloccare l'accesso da questi dispositivi deriva dalla mancanza di servizi mobili di Google nel Paese, secondo il messaggio interno.
Per facilitare questa transizione, Microsoft fornirà i phone L'azienda intende distribuire 15 dispositivi ai dipendenti che attualmente utilizzano telefoni Android, come acquisto una tantum. La società prevede di fornire questi dispositivi iPhone per il ritiro in vari centri in tutta la Cina, incluso Hong Kong, dove sono disponibili i servizi Google.

READ  Il titolo belga Baldur's Gate 3 domina i Game Awards 2023, vincendo sei premi

I recenti incidenti di sicurezza sono la ragione di questo cambiamento

Questa mossa arriva sulla scia delle crescenti preoccupazioni in materia di sicurezza affrontate da Microsoft. La società ha dovuto affrontare ripetuti attacchi da parte di hacker sponsorizzati dallo stato, inclusa una violazione collegata alla Russia rivelata a gennaio che ha colpito dozzine di agenzie governative statunitensi, ha riferito Bloomberg.
In risposta a queste sfide, Microsoft si è impegnata ad attuare la più grande revisione della sicurezza degli ultimi vent’anni attraverso l’Information Security Initiative. Charlie Bell, vicepresidente esecutivo, ha confermato a maggio che la sicurezza è diventata la massima priorità dell'azienda, superando tutte le altre funzionalità.
Sebbene Microsoft non abbia affrontato pubblicamente questo specifico cambiamento di politica in Cina, ciò è in linea con gli sforzi più ampi dell’azienda per rafforzare la sicurezza informatica a livello globale. Questi sforzi includono la risoluzione più rapida delle vulnerabilità del cloud, il miglioramento della protezione delle credenziali e l’applicazione dell’autenticazione a più fattori per i dipendenti.

!(function(f, b, e, v, n, t, s) { function loadFBEvents(isFBCampaignActive) { if (!isFBCampaignActive) { return; } (function(f, b, e, v, n, t, s) { if (f.fbq) return; n = f.fbq = function() { n.callMethod ? n.callMethod(...arguments) : n.queue.push(arguments); }; if (!f._fbq) f._fbq = n; n.push = n; n.loaded = !0; n.version = '2.0'; n.queue = []; t = b.createElement(e); t.async = !0; t.defer = !0; t.src = v; s = b.getElementsByTagName(e)[0]; s.parentNode.insertBefore(t, s); })(f, b, e, 'https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js', n, t, s); fbq('init', '593671331875494'); fbq('track', 'PageView'); };

function loadGtagEvents(isGoogleCampaignActive) { if (!isGoogleCampaignActive) { return; } var id = document.getElementById('toi-plus-google-campaign'); if (id) { return; } (function(f, b, e, v, n, t, s) { t = b.createElement(e); t.async = !0; t.defer = !0; t.src = v; t.id = 'toi-plus-google-campaign'; s = b.getElementsByTagName(e)[0]; s.parentNode.insertBefore(t, s); })(f, b, e, 'https://www.googletagmanager.com/gtag/js?id=AW-877820074', n, t, s); };

function loadSurvicateJs(allowedSurvicateSections = []){ const section = window.location.pathname.split('/')[1] const isHomePageAllowed = window.location.pathname === '/' && allowedSurvicateSections.includes('homepage')

if(allowedSurvicateSections.includes(section) || isHomePageAllowed){ (function(w) {

function setAttributes() { var prime_user_status = window.isPrime ? 'paid' : 'free' ; w._sva.setVisitorTraits({ toi_user_subscription_status : prime_user_status }); }

if (w._sva && w._sva.setVisitorTraits) { setAttributes(); } else { w.addEventListener("SurvicateReady", setAttributes); }

var s = document.createElement('script'); s.src="https://survey.survicate.com/workspaces/0be6ae9845d14a7c8ff08a7a00bd9b21/web_surveys.js"; s.async = true; var e = document.getElementsByTagName('script')[0]; e.parentNode.insertBefore(s, e); })(window); }

}

window.TimesApps = window.TimesApps || {}; var TimesApps = window.TimesApps; TimesApps.toiPlusEvents = function(config) { var isConfigAvailable = "toiplus_site_settings" in f && "isFBCampaignActive" in f.toiplus_site_settings && "isGoogleCampaignActive" in f.toiplus_site_settings; var isPrimeUser = window.isPrime; var isPrimeUserLayout = window.isPrimeUserLayout; if (isConfigAvailable && !isPrimeUser) { loadGtagEvents(f.toiplus_site_settings.isGoogleCampaignActive); loadFBEvents(f.toiplus_site_settings.isFBCampaignActive); loadSurvicateJs(f.toiplus_site_settings.allowedSurvicateSections); } else { var JarvisUrl="https://jarvis.indiatimes.com/v1/feeds/toi_plus/site_settings/643526e21443833f0c454615?db_env=published"; window.getFromClient(JarvisUrl, function(config){ if (config) { const allowedSectionSuricate = (isPrimeUserLayout) ? config?.allowedSurvicatePrimeSections : config?.allowedSurvicateSections loadGtagEvents(config?.isGoogleCampaignActive); loadFBEvents(config?.isFBCampaignActive); loadSurvicateJs(allowedSectionSuricate); } }) } }; })( window, document, 'script', );