Perché Putin ha licenziato il suo alleato Sergei Shoigu dalla carica di ministro della Difesa russo?

Perché Putin ha licenziato il suo alleato Sergei Shoigu dalla carica di ministro della Difesa russo?
  • Scritto da Steve Rosenberg
  • Redattore della BBC Russia

Commenta la foto, Sergei Shoigu (a sinistra) è da molto tempo un lealista di Putin

Alcune riflessioni sul rimpasto russo.

Idea 1: chiunque sieda al tavolo del governo in Russia, c’è solo un uomo che prende le decisioni chiave nel paese: il presidente Putin.

Nella Russia moderna l’intero sistema politico è costruito attorno ad esso. Vale la pena tenerlo presente quando si discute all’interno e all’esterno del governo. È improbabile che la politica centrale cambi.

Ciò significa che il rimpasto nel governo russo non è interessante o importante?

Dopotutto – e questo ci porta alla seconda idea – i rimpasti di governo sono rari in Russia. Almeno per quanto riguarda gli attori politici più in vista.

Prendiamo Sergei Lavrov, il veterano ministro degli Esteri russo. Ha questo lavoro da 20 anni. Sergei Shoigu è stato Ministro della Difesa per 12 anni (in quel periodo, il Regno Unito aveva avuto sei Ministri della Difesa).

Shoigu è considerato uno stretto alleato del presidente Putin.

Suggerimento alla terza idea: essere vicino a Putin, andare a caccia con il presidente (sì, Sergei Shoigu lo ha fatto – sono anche andati, notoriamente, a raccogliere funghi insieme), niente di tutto questo è una garanzia che lo manterrai. Il tuo lavoro.

Commenta la foto, Vladimir Putin e Sergei Shoigu andavano a pescare insieme in tempi meno turbolenti

Ma non sembra un aggiornamento.

Allora perché un lealista di Putin è stato trasferito dal Ministero della Difesa? Perché un economista lo ha sostituito? Cosa ci dice questo su Vladimir Putin?

Non è una sorpresa completa. Abbondavano le voci sulla possibilità che Sergei Shoigu venisse messo da parte. Uno dei suoi vice, Timur Ivanov, è stato recentemente arrestato con l’accusa di corruzione.

Inoltre, sostituire Shoigu con un economista ha senso, se si considera l’enorme quantità di denaro che le autorità stanno investendo nella guerra della Russia in Ucraina.

La spesa per la difesa in Russia è salita a circa il 7% del PIL. Sembra sempre più che l’economia russa sia stata messa sull’orlo della guerra.

È logico avere un ministro della Difesa che comprenda la finanza, la pianificazione economica e la necessità di efficienza – e qualcuno che sia anche estraneo alle accuse di corruzione attualmente oggetto di indagine.

Commenta la foto, Il nuovo ministro della Difesa Andrei Belousov è considerato un tecnocrate

Ma ciò che è interessante è che Vladimir Putin ha scelto questo momento per compiere il cambiamento. Il presidente era rimasto al fianco di Shoigu nel 2022, quando la Russia stava subendo battute d’arresto militari in Ucraina.

Ha resistito di nuovo nel 2023 durante un battibecco pubblico tra il ministro e il defunto capo mercenario Wagner Yevgeny Prigozhin, che ha accusato Shoigu di corruzione e ha chiesto il suo licenziamento.

Ma c’è un’altra caratteristica del rimpasto nel governo russo. Ti lascia sempre a fare domande. C’è molto altro dopo questo.

Qual è il futuro di Sergei Shoigu? Riuscirà a creare una nuova base per il suo potere nel Consiglio di Sicurezza, o è inevitabile che i suoi poteri saranno notevolmente ridotti nella sua nuova posizione?

Quale futuro per l’uomo che lo sostituirà nel Consiglio di Sicurezza, Nikolai Patrushev? Patrushev è stato a lungo considerato uno degli uomini più potenti della Russia. Patrushev manterrà la sua influenza? In che aspetto?

La nomina di un nuovo ministro della Difesa significa che presto ci sarà un nuovo capo di stato maggiore al posto di Valery Gerasimov?

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x