Production Bridge a Venezia evidenzia come i cinema italiani stiano diventando verdi

Il 7 settembre lo Spazio Incontri dell’Hotel Excelsior ha ospitato la sesta edizione di schermi sostenibili Conferenza nell’ambito di quest’anno Ponte di produzione di Venezia. L’evento si è concentrato sulle migliori pratiche verdi nel cinema, dalla produzione alla distribuzione nelle sale. Moderato dal giornalista Marco Gisotti, le prime due parti della conferenza hanno affrontato le problematiche ambientali affrontate dai team creativi durante la pre-produzione e la produzione, mentre la terza parte si è concentrata sulle attività espositive.

Uno dei momenti salienti delle prime due parti dell’evento è stata la discussione di Green Film, un sistema di rating lanciato come progetto pilota dal Trentino Film Committee nel 2017. Nel dettaglio Green Film valuta il risparmio energetico, i trasporti e l’alloggio, la ristorazione , selezione dei materiali, gestione dei rifiuti e comunicazione durante la produzione. Negli ultimi cinque anni, 45 delle 80 produzioni hanno ricevuto la certificazione Green Film, la maggior parte delle quali sono lungometraggi (61,3%) e documentari (18,8%). Il sistema di rating è un esempio da seguire in Italia e in Europa e ha ottenuto il sostegno di partner rinomati come Wallimage, Catalunya Film Commission, Vision Denmark e Icelandic Film Center.

Ingegnere ed esperto di energia Marcello Salvio, di ENEAL’Agenzia italiana per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile si è unita alla seconda sessione per fornire un’analisi approfondita dello stato attuale dei cinema italiani e di come stanno cercando di diventare più efficienti dal punto di vista energetico riducendo il loro impatto ambientale.

Sustainable Screens 2022: The Cinema Environmental Observatory è stata la sesta edizione dell’evento Venice Bridge Productions durante la Mostra del Cinema di Venezia il 7 settembre 2022. (Foto: Davide-Abbatescianni)

Secondo la legge italiana, tutte le grandi imprese (con un fatturato di almeno 50 milioni di euro) e le aziende le cui attività dipendono da un elevato consumo energetico devono essere regolarmente controllate. Negli ultimi tre anni l’ENEA ha condotto 14 audit su 81 siti, che di per sé hanno consumato un totale di 17.052 TEP, acronimo di Petroleum Equivalent Tones (1 TEP = 5.000 kWh). Ogni anno, il settore fieristico in Italia necessita in media di 20.000 TEP, ovvero il consumo energetico annuo di circa 40.000-50.000 famiglie. Nello specifico, le sale italiane consumano il 65-70% della loro energia in condizionamento contro il 65-70%, il 10-15% in sistemi di proiezione e il 10-15% in illuminazione.

READ  Il principe Andréj, Jeffrey Epstein Duke vende in Italia

Gli interventi di efficientamento più comuni comprendono la produzione di energia da fonti rinnovabili (44,1%), in particolare attraverso l’energia eolica, nonché gli impianti di condizionamento (27,2%) e l’involucro edilizio (19,2%). La maggior parte di queste iniziative viene promossa e perseguita grazie al massiccio stimolo fiscale garantito dal governo attraverso il PNRR, il Piano nazionale per la ripresa e la resilienza dell’Italia, approvato in risposta alla crisi causata dalla pandemia nel 2021». di queste iniziative vengono promosse e perseguite, ha osservato Salvio. Il tempo di ritorno degli interventi “non supera i tre anni, il che li rende particolarmente utili”.

Secondo i dati ufficiali diffusi da Cinetel nel 2021, l’Italia ha un totale di 1.221 sale e 3.482 schermi di proiezione. “È necessario concentrarsi sui teatri più piccoli, dove il potenziale di risparmio è elevato, ma a causa di vincoli tecnologici o economici non è stato pienamente sfruttato”, ha affermato Salvio, aggiungendo che anche la maggior parte dei teatri a conduzione familiare ha difficoltà ad accedere ai finanziamenti. risorse di cui hanno bisogno per perseguire questi interventi. Per facilitare i loro bisogni, Salvio ha spiegato che l’ENEA sta lavorando a un “Piano di Sensibilizzazione” (letteralmente tradotto come Piano di sensibilizzazione), che è impostato per aprire la strada alla sostenibilità in termini di produzione di energia verde e operazioni per teatri e altre medie imprese (PMI).

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x