“Progressi” nei colloqui di tregua a Gaza, ma Israele continua ancora il suo attacco di terra a Rafah Notizie della guerra israeliana a Gaza

“Progressi” nei colloqui di tregua a Gaza, ma Israele continua ancora il suo attacco di terra a Rafah  Notizie della guerra israeliana a Gaza

Fonti hanno detto ad Al Jazeera che i colloqui hanno raggiunto una fase critica, poiché un team tecnico sta lavorando per sviluppare i dettagli del potenziale accordo.

Una delegazione del Movimento di Resistenza Islamica (Hamas) si trova nella capitale egiziana per negoziare una tregua e liberare i prigionieri, e fonti affermano che sono stati compiuti alcuni progressi.

Rimangono tuttavia dei punti critici, inclusa l’insistenza di Israele nel lanciare un’invasione di terra nella città più meridionale di Rafah nella Striscia di Gaza.

La squadra di Hamas è arrivata sabato al Cairo per incontrare i mediatori del Qatar, dell’Egitto e degli Stati Uniti su una proposta di fermare la guerra israeliana a Gaza per 40 giorni e di scambiare prigionieri con prigionieri palestinesi, secondo i dettagli pubblicati dal Regno Unito.

Fonti hanno riferito ad Al Jazeera che i negoziati hanno raggiunto una fase critica, poiché un team tecnico del Qatar sta lavorando per sviluppare i dettagli di un possibile accordo con gli egiziani.

“I team tecnici di solito servono come indicatori del fatto che stiamo passando alla parte operativa dell’accordo. Ci sono delle fasi in questo accordo, e cercheranno di determinare i dettagli di quelle fasi”, ha detto Hashem Ahlbara di Al Jazeera in un rapporto da Doha. .

“È chiaro che stiamo andando avanti”, ha detto ad Al Jazeera Osama Hamdan, portavoce di Hamas. Ci sono alcuni punti positivi.

Ma fino ad ora stiamo ancora parlando della questione fondamentale, ovvero un cessate il fuoco completo e il ritiro completo da Gaza. Speriamo di trovare alcune risposte valide e positive oggi.

Hamdan ha detto che uno degli “elementi chiave” discussi è stato l’obiettivo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di inviare l’esercito a Rafah.

READ  Una donna ricoverata in un istituto psichiatrico a causa di un'aggressione di Slender Man chiede di essere rilasciata

Da parte sua, Israele ha più volte affermato che, indipendentemente da un possibile accordo con Hamas, continuerà a invadere Rafah. Le agenzie delle Nazioni Unite e le organizzazioni umanitarie avvertono da tempo che l’operazione di terra significherebbe un disastro per oltre 1,5 milioni di persone che vi si rifugiano.

“Sfortunatamente, Netanyahu ha affermato chiaramente che, indipendentemente da ciò che potrebbe accadere, che ci sia o meno un cessate il fuoco, continuerà l’attacco”, ha detto Hamdan. Ha aggiunto: “Ciò significa che non ci sarà alcun cessate il fuoco, e questo significa che l’attacco continuerà, il che contraddice ciò di cui stiamo discutendo”.

“Almeno vogliamo sapere esattamente cosa significa, la sua dichiarazione e la reazione dei moderatori. Ha aggiunto: “Abbiamo capito che qualsiasi raggiungimento del cessate il fuoco significa che non ci saranno più attacchi contro Gaza e Rafah”.

Ahlbara di Al Jazeera ha detto che i negoziati si sono concentrati sul convincere Hamas della necessità di rinunciare a chiedere un cessate il fuoco permanente a Israele nella prima fase dell’accordo perché è improbabile che ciò accada.


“Agire con calma”

Più di 240 persone furono catturate il 7 ottobre quando i militanti di Hamas lanciarono un attacco nel sud di Israele, uccidendo più di 1.100 persone.

Poi Israele ha lanciato la sua guerra contro Gaza, che ha provocato la morte di oltre 34.600 palestinesi, trasformando più del 70% dei territori palestinesi in macerie e spingendo gruppi della popolazione alla carestia.

Il primo ciclo di negoziati tra Israele e Hamas a novembre ha portato al rilascio di circa 100 prigionieri in cambio del rilascio dei palestinesi detenuti nelle carceri israeliane. Ma da allora i colloqui si sono in gran parte bloccati.

READ  Il Pakistan attende notizie di aver perso il campione nazionale di arrampicata sul K2 | Pakistan

Nelle ultime settimane i mediatori hanno rinnovato gli sforzi per raggiungere un accordo. Ora aspettano la risposta di Hamas alla proposta.

Nonostante i discorsi di “progressi” nei negoziati di sabato, il ministro israeliano Benny Gantz ha invitato alla cautela riguardo a tali notizie.

“Una risposta alle grandi linee dell’accordo non è ancora stata ricevuta. Quando sarà ricevuta, il gabinetto di guerra si incontrerà e ne discuterà”, ha detto Gantz in una nota.

Ha aggiunto: “Fino ad allora, suggerisco a tutti gli “elementi politici” e a tutti i decisori di attendere aggiornamenti ufficiali, agire con calma e non entrare nell’isteria per ragioni politiche”.

Nelle sue dichiarazioni ad Al Jazeera, Hamdan, il leader di Hamas, ha affermato che la guerra potrebbe finire immediatamente se gli Stati Uniti decidessero di farlo.

Ha detto: “Dobbiamo parlare della reale posizione degli Stati Uniti perché questa è la questione fondamentale che influenzerà la posizione degli israeliani, principalmente Netanyahu”.

“Se l’amministrazione americana avesse detto chiaramente a Netanyahu, basta… vi assicuro che ciò accadrà”.


Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x