Protesta in Italia perché il governo vieta le attività sciistiche

Roma

Il Ministero della Salute italiano ha impedito inaspettatamente la riapertura dei suoi comprensori sciistici, con una mossa dell’ultimo minuto a causa dei timori del Coronavirus, che ha scatenato la rabbia tra gli operatori locali a fronte di perdite economiche.

La decisione impopolare è arrivata domenica tarda appena un giorno prima che fosse consentito sciare per la prima volta durante la turbolenta stagione invernale colpita duramente dalla pandemia.

La mossa ha scatenato la rabbia tra gli albergatori e gli operatori delle piste da sci, soprattutto nelle regioni settentrionali, la cui economia dipende fortemente dal turismo sciistico.

In segno di protesta, lunedì alcune piccole stazioni sciistiche hanno aperto rampe e servizi a dispetto di una decisione del governo, che secondo loro avrebbe causato enormi danni economici, poiché i visitatori dovevano annullare tutte le prenotazioni.

Il ministero ha esteso il divieto di sci ricreativo nelle località di tutto il paese fino al 5 marzo, affermando che la mossa era basata su nuovi dati inquietanti pubblicati dalla principale agenzia sanitaria del paese.

Esperti dell’Institute of Higher Health (ISS) hanno avvertito le autorità che l’alternativa britannica al coronavirus rischia di colpire duramente l’Italia, raddoppiando il numero di infezioni e portando a un nuovo focolaio.

La chiusura delle piste da sci è stata però il primo grattacapo per il nuovo governo guidato dal premier Mario Draghi, che sabato ha prestato giuramento tra grandi aspettative.

Il governo ha già promesso che inizierà a risarcire gli operatori sciistici e il turismo locale il prima possibile, ma molti ritengono che non sarà sufficiente per salvare molti dalla bancarotta.

READ  Il Pakistan ha subito un'interruzione di corrente a livello nazionale

Draghi, sostenuto da una vasta e instabile maggioranza di vari partiti, affronta la difficile sfida di tirare fuori l’Italia dalla peggiore recessione economica degli ultimi decenni, tirando anche il Paese fuori da una tragica emergenza sanitaria.

Il sito web dell’Agenzia Anadolu contiene solo una parte delle notizie inviate agli abbonati all’AA News Broadcasting System (HAS), in sintesi. Contattaci per le opzioni di abbonamento.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x