Proteste in Francia perché l’uomo che ha ucciso una donna ebrea ha evitato il processo | Francia

Migliaia di manifestanti si sono riuniti a Parigi e altrove Francia Dopo che l’assassino di una donna ebrea è stato dichiarato non idoneo a comparire in tribunale perché è stato dichiarato che aveva subito un episodio psicotico causato dall’uso di hashish.

Copili Traore è accusata di aver picchiato la 65enne Lucy Atal – conosciuta come Sarah Halimi – e di averla lanciata dal balcone del suo appartamento di Parigi nel 2017.

I tribunali francesi hanno riconosciuto l’omicidio come un crimine antisemita, ma hanno dichiarato che Traore, 32 anni, attualmente ricoverato in un ospedale psichiatrico, non poteva essere perseguito perché era in preda a un “attacco delirante” causato dalla droga e non aveva il controllo delle sue azioni.

La decisione della Corte Suprema di Cassazione francese 12 giorni fa di confermare la sentenza ha fatto arrabbiare la famiglia Halimi e la comunità in generale.

La famiglia ha descritto la decisione come “ingiusta”. Sua sorella Esther Lickover ha annunciato dopo la sentenza del tribunale che avrebbe presentato un caso separato in Israele, dove vive.

Manifestazioni si sono svolte a Parigi, Bordeaux, Marsiglia, Lione, Strasburgo e Nizza, nonché a Roma, Tel Aviv, Londra, Los Angeles, Miami e New York.

Frank Tabiro, l’esperto di comunicazioni politiche che ha organizzato la marcia di Parigi, ha detto che i manifestanti volevano giustizia. Vogliamo un processo, qualunque sia l’esito. [Traoré] Ha scelto di fumare erba. Gli esperti hanno presentato le loro relazioni, ma i giudici non sono obbligati ad accettarle. “Questo problema colpisce tutti i francesi, non solo la comunità ebraica”, ha detto Tabiro a BFM.

Traore è entrato nell’appartamento di Halimi alle 4 del mattino del 4 aprile 2017 mentre lei dormiva. È stato affermato che l’ha picchiata mentre lei gridava “Dio è grande” e recitava versi coranici, prima di gettarla sul balcone del suo appartamento al terzo piano nell’undicesimo distretto di Parigi, dove ha vissuto per 30 anni.

READ  Il cimitero della Louisiana cambia la regola dei "solo bianchi" dopo che il procuratore nero si è rifiutato di seppellirli

I vicini hanno detto alla polizia di aver sentito Traore urlare: “Sono stato ucciso sheitan ” – La parola araba “Satana” – dal balcone di Halimi.

Traore in seguito ha detto agli investigatori che sapeva che Halimi era ebreo, ma ha negato che le sue azioni fossero antisemite, dicendo di aver agito durante un episodio psicotico causato dalla cannabis.

Ci sono voluti dieci mesi e una protesta di organizzazioni ebraiche contro le autorità francesi per accettare un elemento antisemita nell’uccisione del medico in pensione e del direttore dell’asilo.

Francois Molin, procuratore capo presso la Corte di cassazione, ha negato che il sistema giudiziario fosse troppo indulgente nel caso Halimi.

“Ovviamente il sistema legale non concede a nessuno il permesso di uccidere”, ha detto Mullins a Le Monde.

La Corte di Cassazione ha affermato la natura antisemita del crimine, ma ha confermato precedenti sentenze del tribunale secondo cui era impossibile perseguire Traore per omicidio perché il suo uso eccessivo di cannabis significava che non era in buona forma in quel momento. Secondo cinque su sette esperti di psichiatria che lo hanno esaminato, Traore era in preda a un “attacco delirante” quando Halimi è stato ucciso.

Emmanuel Macron ha chiesto un cambiamento di legge. Domenica, il ministro della Giustizia Eric Dupond-Moretti ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che la nuova legislazione che consente ai tribunali di valutare se gli accusati abbiano “ingerito volontariamente sostanze tossiche … con conseguente perdita di responsabilità” sarà presentata al Parlamento alla fine di maggio. .

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x