Putin: dietro la “provocazione” del Mar Nero ci sono Stati Uniti e Gran Bretagna

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti non ha rilasciato commenti immediati mercoledì sulle accuse di Putin secondo cui uno dei suoi aerei era a bordo della nave britannica la scorsa settimana.

Alla domanda se gli eventi abbiano innescato la terza guerra mondiale, Putin ha risposto che l’Occidente non rischierebbe un conflitto su larga scala.

“Anche se affonderemo quella nave, non metterà il mondo sull’orlo della terza guerra mondiale perché coloro che lo fanno sanno che non possono emergere come vincitori in quella guerra, e questo è molto importante”, ha detto Putin durante il suo discorso. Uno spettacolo dal vivo annuale in cui i russi gli fanno domande.

Funzionari russi hanno avvertito che se una nave da guerra occidentale fosse entrata di nuovo nelle acque, i militari avrebbero potuto sparare per colpirla. Da quando ha annesso la Crimea, la Russia è stata irritata dalle navi da guerra della NATO che visitano la regione come destabilizzanti.

La Gran Bretagna ha insistito sul fatto che il Defender effettuasse un volo di routine attraverso un corridoio di viaggio riconosciuto a livello internazionale e rimanesse nelle acque ucraine. Il Regno Unito, come la maggior parte dei paesi del mondo, riconosce la Crimea come parte dell’Ucraina nonostante l’annessione della penisola da parte della Russia.

Putin ha accusato l’apparente missione dell’aereo americano di monitorare la risposta dell’esercito russo al cacciatorpediniere britannico.

“Era chiaramente una provocazione, una provocazione complessa che ha coinvolto non solo gli inglesi, ma anche gli americani”, ha detto, aggiungendo che Mosca era a conoscenza delle intenzioni degli Stati Uniti e ha risposto di conseguenza per evitare di rivelare dati sensibili.

READ  Trump rimane furioso con McConnell, invitando il nuovo leader repubblicano Donald Trump News

Il presidente russo ha espresso il suo rammarico per il fatto che la mossa sia arrivata dopo il suo vertice con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a Ginevra all’inizio di questo mese. “Perché fanno queste provocazioni?” Egli ha detto.

Putin ha insistito sul fatto che la Russia avrebbe difeso con forza il suo territorio.

“Stiamo combattendo per noi stessi e il nostro futuro sulle nostre terre”, ha detto. “Non siamo noi che abbiamo percorso migliaia di chilometri per raggiungerli, sono loro che hanno raggiunto i nostri confini e violato le nostre acque territoriali”.

Putin ha sottolineato che Mosca è preoccupata per le forze della NATO che vengono in Ucraina per l’addestramento, sottolineando che una presenza militare occidentale permanente sul territorio ucraino sfiderebbe gli interessi vitali della Russia e rappresenterebbe una linea rossa.

Ha anche sottolineato, come spesso fa, che c’era uno stretto legame tra i popoli russo e ucraino, ma ha accusato la leadership ucraina di ostilità nei confronti della Russia. Putin ha espresso dubbi sul valore dell’incontro con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, definendolo una pedina occidentale.

“Perché incontrare Zelensky se ha posto il suo paese sotto il completo controllo straniero e i principali problemi dell’Ucraina sono stati determinati non a Kiev ma a Washington, e in una certa misura a Parigi e Berlino?” ha chiesto Putin.

All’inizio di quest’anno, la Russia ha rafforzato le sue forze vicino all’Ucraina e ha avvertito Kiev che avrebbe potuto intervenire se avesse cercato di usare la forza per riconquistare le aree a est controllate dai separatisti sostenuti dalla Russia da quando è scoppiato il conflitto nel 2014. forze armate, ma le autorità ucraine hanno affermato che la maggior parte è rimasta vicino al confine.

READ  La NATO sta testando la sua capacità di sostenere l'Europa in crisi con un'ampia operazione attraverso l'Atlantico

Il presidente russo ha trascorso la maggior parte della maratona telefonica di quattro ore parlando di questioni domestiche, come è consuetudine nei rituali annuali strettamente progettati che aiutano Putin a lucidare l’immagine di un leader forte che si preoccupa dei bisogni delle persone. Non conteneva domande sull’opposizione russa assediata e sul più importante avversario politico di Putin, Alexei Navalny, che è in prigione.

Ha espresso la speranza che il paese possa evitare un blocco nazionale Tra un’ondata di nuovi contagi. I decessi per coronavirus in Russia hanno stabilito un nuovo record giornaliero mercoledì, con le autorità che hanno segnalato 669 decessi, ma Putin ha sostenuto che le decisioni delle autorità locali in un certo numero di regioni che hanno reso obbligatoria la vaccinazione per alcuni lavoratori dovrebbero aiutare a contenere la nuova ondata.

La Russia ha registrato più di 20.000 casi del nuovo coronavirus e quasi 600 decessi ogni giorno da giovedì scorso.

I funzionari russi hanno incolpato l’ondata, iniziata all’inizio di giugno, dell’atteggiamento lassista dei russi verso l’adozione delle precauzioni necessarie, la diffusione di varianti più infettive e un tasso inferiore di utilizzo del vaccino, che gli esperti attribuiscono alla frequenza diffusa del vaccino e alla capacità di produzione limitata. Sebbene la Russia sia stata tra i primi paesi ad annunciare e distribuire un vaccino contro il coronavirus, poco più del 15% della popolazione ha ricevuto almeno un’iniezione.

In mezzo a questa riluttanza, Putin ha rivelato di aver scelto lo Sputnik V sviluppato a livello nazionale per la sua vaccinazione. Putin ha ottenuto il suo primo vaccino contro il coronavirus alla fine di marzo fuori dagli occhi del pubblico ed è rimasto in silenzio su uno dei tre vaccini sviluppati in Russia che erano disponibili in un momento a sua scelta.

READ  Il diario di Linda Tripp dice che Monica Lewinsky era interessata a una relazione sessuale con Bill Clinton

In mezzo all’ondata, circa 20 regioni russe – da Mosca e San Pietroburgo alla remota regione orientale di Sakhalin – hanno reso obbligatorie le vaccinazioni questo mese per i dipendenti in determinati settori.

Passando ad altre questioni, Putin ha affermato che le autorità russe non avevano intenzione di vietare le piattaforme di social media occidentali, ma ha sottolineato che il governo voleva solo che rispettassero le leggi russe, rimuovessero immediatamente i contenuti inappropriati e aprissero uffici in Russia.

All’inizio di quest’anno, i funzionari hanno imposto pesanti multe alle piattaforme di social media per la loro presunta mancata rimozione di contenuti proibiti come pornografia infantile, informazioni sulla droga e richieste di protesta mentre cercavano di fare pressione su di loro per rispondere alle richieste.

Diciamo loro: ‘Stai pubblicando materiale pedopornografico, o istruzioni su[come suicidarsi]o su come preparare le molotov. Dovresti rimuoverlo, ha detto Putin, “e semplicemente non ascoltano, non vogliono ascoltare ciò che diciamo loro”. “Ma questo è un errore.”

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x