Quanto sale è considerato troppo?

Quanto sale è considerato troppo?

1. Mangiare cibi che contengono un'alta percentuale di potassio

“È utile capire cosa fare, piuttosto che soffermarsi su cosa non fare”, afferma il dottor Peña. “Aggiungere più alimenti ricchi di potassio alla tua dieta, come noci, fagioli, spinaci, avocado, patate dolci e pomodori, può aiutare a contrastare gli effetti del sodio.”

2. Cerca prodotti a basso contenuto di sodio

La dottoressa Peña consiglia inoltre di cercare versioni a basso contenuto di sodio dei prodotti che ami e di leggere le etichette mentre navighi al supermercato.

“Se è progettato per rimanere su uno scaffale per lungo tempo, è probabile che sia ricco di sodio. Uno degli usi originali del sale era quello di conservare la carne e mantenere stabile il cibo”, spiega.

In generale, circa 140 milligrammi di sodio per porzione sono considerati un'opzione a basso contenuto di sodio.

3. Fai acquisti al supermercato

“Di solito dico ai pazienti di fare acquisti il ​​più possibile al supermercato, perché è lì che troverai gli alimenti più naturali e non trasformati”, afferma Gabrielle.

E al centro del negozio, nella sezione non refrigerata, troverai la maggior parte degli alimenti confezionati, in scatola e preconfezionati. Questi alimenti tendono a contenere più conservanti e sodio. Non è necessario eliminare completamente il cibo in scatola, ma se si sciacqua il contenuto prima di mangiarlo, è possibile eliminare fino al 40% del sodio, afferma Gabrielle.

4. Aromatizzare il cibo con erbe e spezie

Gabrielle consiglia di aromatizzare i cibi con erbe e spezie invece del sale. Per la carne di manzo, condire con aglio, aneto, curry o anche cipolla in polvere; Per il pesce, prova il pepe nero, il succo di limone o la curcuma.

READ  Il telescopio spaziale Hubble può ora fare affidamento su un computer che non è stato acceso dal 2009 • The Record

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x