Quartararo vince il primo titolo MotoGP dopo l’incidente di Bagnaia

Misano Adriatico: Fabio Quartararo ha vinto domenica 24 ottobre il suo primo titolo mondiale MotoGP, dopo l’eliminazione dal Gran Premio dell’Emilia Romagna del suo rivale più diretto Francesco Bagnaia.

Bagnaia, che si trovava a 52 punti da Quartararo a tre gare dalla fine compresa questa, era comodamente in testa quando è caduto appena quattro giri prima di regalare al francese il suo primo campionato MotoGP.

Il 22enne pilota Yamaha Quartararo ora precede Bagnaia di 65 punti, il che significa che il francese non può più essere raggiunto dalla rivale Ducati e si assicura il primo titolo fantino della sua squadra dal 2015 e il primo in assoluto per la sua terra d’origine.

“Non è come avrei sperato di vincere questo campionato, ma non è l’unica gara che abbiamo vinto”, ha detto a Sky Sport Italia.

“E’ stato incredibile e penso di aver fatto davvero bene quest’anno grazie a Pecco (Bagnaia) che mi ha spinto molto… sono davvero felice”.

Quartararo è scoppiato in lacrime quando la sua famiglia ha cantato durante l’intervista, che è stata condotta in italiano, coprendosi il viso per impedirsi di piangere così forte sulla televisione nazionale.

La sua vittoria arriva alla sua terza stagione in MotoGP, la prima con il team Factory Yamaha dopo due anni con la squadra spaziale SRT.

In 16 gare che ha corso in questa stagione, ha scalato 10 volte, di cui cinque vittorie.

Quartaro è scattato dalla quindicesima posizione sulla griglia di partenza per finire quarto domenica dietro al vincitore della gara Marc Marquez, che aveva inseguito Bagnaia per quasi tutta la gara.

READ  Calcio: Le campagne di Juventus e Milan rischiano il collasso

Il compagno di squadra di Marquez in Honda, Paul Espargaro, è arrivato secondo e il pilota italiano della Ducati Ena Bastianini è arrivato terzo.

“Quando (Bajnaya) è caduto, mi ero già arreso, pensavo di essere secondo, ma la fortuna è stata dalla nostra parte”, ha detto Marquez, che ha anche vinto il Gran Premio delle Americhe in passato. il giro.

Marquez, 28 anni, è stato lento a tornare al suo meglio dopo aver quasi saltato la scorsa stagione e le prime due gare di questa stagione dopo la frattura al braccio destro, che è riuscito a recuperare quando ha tagliato il traguardo.

– Russo saluta con la mano –

“Questa vittoria è più importante di quella di Austin”, ha aggiunto.

“Beh, è ​​stata una vittoria, ma questo è un percorso in cui ho avuto problemi in passato e volevo un podio da qualche parte con molte curve a destra”.

Il lavoro dell’italiano Bagnaia si è fatto ancora più difficile dopo appena tre giri di gara quando il compagno di squadra Jack Miller, partito dalla seconda posizione in griglia, è scivolato fuori pista.

L’australiano stava proteggendo Bagnaia dagli attacchi del sei volte campione MotoGP Marquez.

Tuttavia, dopo essere partito dalla pole position e la vittoria di cui aveva bisogno ai suoi occhi, è uscito di pista per consegnare il titolo a Quartararo e la terza vittoria stagionale per Marquez.

La gara di domenica è stata anche l’ultima gara MotoGP di Valentino Rossi in Italia prima del ritiro a fine stagione, finendo decimo nel suo arco finale sulla pista di casa a Misano.

READ  Benevento, ci sarà una rimonta con l'Atalanta

L’icona italiana è stata salutata dai suoi fan adoranti che hanno alzato uno striscione con la scritta “È stato fantastico” mentre il sette volte campione della MotoGP ha ricevuto un trofeo in riconoscimento dei suoi successi in questo sport.

“Grazie per tutto il supporto in tutti questi anni – ha detto Rossi ai tifosi -. È passato molto tempo ed è stato fantastico”.

Ha scherzato sul fatto che la sua gara è andata così bene dopo una recente brutta stagione che potrebbe non andare nemmeno alle ultime due gare della sua carriera, e ha esortato i suoi fan a sostenere i “giovani e bravi piloti italiani che corrono in MotoGP”.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x