Quasi il 30% delle 138.000 specie valutate rischia l’estinzione, avverte il gruppo di conservazione

Un’agenzia di conservazione internazionale di alto profilo ha avvertito che il 28% delle 138.374 specie identificate nella “Survival Watch List” come minacciate sono state ora spostate nella “lista rossa” più critica, il che significa che sono a rischio di estinzione.

L’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) ha riferito durante il suo aggiornamento annuale della Lista Rossa sabato a Marsiglia, in Francia, che nonostante il miglioramento globale a livello di specie, il numero di specie a rischio di estinzione continua a crescere.

La FAO ha affermato che molti stock regionali di tonno rimangono gravemente impoveriti. Ad esempio, il tonno pinna gialla è ancora sovrasfruttato nell’Oceano Indiano.

Il loro aggiornamento includeva anche una rivalutazione delle specie di squali e razze del mondo, mostrando che il 37% di queste specie è ora in via di estinzione. L’Unione internazionale per la conservazione della natura riporta che tutte le specie di squali e razze minacciate sono sovrasfruttate, con il 31% colpito dalla perdita e dal degrado dell’habitat e il 10% anche colpito dai cambiamenti climatici.

“Noi notiamo sorprendenti somiglianze tra le statistiche sugli squali e le razze e le recenti stime delle piante: circa 2 su 5 sono minacciate di estinzione e la perdita e il degrado dell’habitat sono minacce più immediate del cambiamento climatico”, ha affermato lo scienziato della conservazione Dr. Ai Giardini Botanici Reali, Kew.

Inoltre, il drago di Komodo, la lucertola più grande del mondo, è ora considerato in pericolo a causa della massiccia perdita di habitat dovuta alle attività umane in corso e ai cambiamenti climatici, secondo l’IUCN.

“L’idea che questi animali preistorici possano essere un passo avanti verso l’estinzione a causa in parte del cambiamento climatico è terrificante – e un’altra illustrazione richiede che la natura sia messa al centro di tutte le decisioni alla vigilia della COP26 a Glasgow”, ha affermato il dott. Andrew ha detto Terry, direttore della conservazione presso la Zoological Society di Londra.

READ  Batteria di backup ridotta dopo le interruzioni di corrente in Field, BC

A novembre si svolgerà la COP26, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Alok Sharma, il capo della COP26, ha affermato in precedenza che vuole che i colloqui sul clima quest’anno raggiungano un accordo su una serie di obiettivi chiave, tra cui la fissazione di una scadenza per l’uso del carbone e l’impegno a rendere tutte le nuove vendite di auto a zero emissioni entro 14 giorni. 19 anni In arrivo, arresto della deforestazione entro la fine del decennio e maggiori riduzioni delle emissioni di metano.

C’è motivo di speranza per le specie a rischio: delle sette specie di tonno più catturate commercialmente che sono state rivalutate, quattro mostrano segni che stanno iniziando a riprendersi dopo che i paesi hanno imposto quote di pesca più sostenibili e hanno combattuto con successo la pesca illegale, ha affermato.

Le quattro specie di tonno includono il tonno rosso dell’Atlantico, che è passato da “in pericolo critico” a “meno preoccupante”, il tonno rosso del sud, che è passato da “in pericolo critico” a “in pericolo critico”, e il tonno bianco e albacora, entrambi Passa da “quasi minacciato” a “meno ansioso”.

Bruce B. ha detto: SSC Tonno e Billfish Specialist Group.

“Le specie di tonno migrano per migliaia di chilometri, quindi anche coordinare la loro gestione a livello globale è fondamentale”, ha affermato Collette.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x