Quattro famiglie sono state separate al confine tra Stati Uniti e Messico durante l’era Trump e saranno riunite questa settimana

“Le prime famiglie che si sono riunite questa settimana sono madri, e sono figli, e sono figlie, e sono bambini che avevano 3 anni al momento della separazione. Domenica.

Sebbene Mayuras si sia rifiutata di fornire dettagli specifici sulle famiglie per proteggere la loro privacy, ha descritto due casi: una madre honduregna che si è separata dai suoi figli alla fine del 2017 e un’altra dal Messico che si è separata dal figlio alla fine del 2017. Entrambe le madri si riuniranno con i loro figli nei prossimi due giorni.

Le famiglie riceveranno la libertà condizionale umanitaria per entrare negli Stati Uniti e riunire i loro figli nel paese, secondo Michael Barani, direttore esecutivo della Task Force per il ricongiungimento familiare.

Le famiglie sono tra le migliaia che si sono divise sotto la controversa politica di “tolleranza zero” dell’amministrazione Trump, che ha portato alla separazione di almeno 2.800 bambini dai genitori, secondo i dati del governo. I funzionari hanno poi scoperto che più di 1.000 bambini erano stati separati dalle loro famiglie prima che la politica di Trump entrasse in vigore nel 2018.

Brani ha detto che la task force ha identificato più di mille famiglie che rimangono separate o che si ritiene siano ancora disperse.

Nel frattempo, gli avvocati nel caso di separazione familiare in corso stanno ancora cercando di raggiungere i genitori di 445 bambini migranti fatti a pezzi al confine tra Stati Uniti e Messico tra il 2017 e il 2018.

“Siamo entusiasti del fatto che queste madri vedranno finalmente i loro figli anni dopo, ma (l’American Civil Liberties Union) non è decisamente pronta a festeggiare ancora viste le migliaia che devono ancora essere riunite e gli oltre 5.500 bambini che sono stati traumatizzati, “Mi ha detto un avvocato ACLU. Gilbert, avvocato principale nel caso di separazione familiare in corso.

READ  Guerra nucleare nel 2021? L'Iran sembra pronto

“Stiamo spingendo per uno status legale permanente, un risarcimento e servizi sociali. Questo è il minimo che queste famiglie meritano, dato che il nostro governo le ha intenzionalmente maltrattate”, ha aggiunto.

Mayuras ha promosso il lavoro della task force, vagliando migliaia di record e correggendo i problemi nei file esistenti.

Come parte di questo sforzo, il Dipartimento per la sicurezza interna sta stabilendo un processo per accettare le richieste di libertà condizionale, il Dipartimento della salute e dei servizi umani sta lavorando per facilitare i servizi a sostegno delle famiglie e il Dipartimento di Stato sta sviluppando un sistema semplificato per l’elaborazione dei viaggi richieste di documenti all’interno del paese. Il Dipartimento di giustizia è anche coinvolto nelle relative attività di negoziazione della risoluzione.

“Dalla firma dell’ordine esecutivo, la task force ha lavorato per identificare genitori e figli separati dalla precedente amministrazione, stabilire un sistema per il ricongiungimento sicuro e garantire che il supporto sia fornito loro dopo l’esperienza traumatica a cui sono stati sottoposti, “ha detto Mayuras.

I sostenitori degli immigrati, che avevano lottato per anni per trovare e collegare le famiglie, hanno esortato l’amministrazione Biden a concentrarsi sulla correzione dei danni arrecati alla precedente amministrazione. I gruppi di advocacy hanno anche chiesto responsabilità e trasparenza per tenere pienamente conto della politica di “tolleranza zero” e delle sue implicazioni, oltre a prendere in considerazione il contributo dei genitori che sono stati separati dai loro figli nel tentativo di ripristinare la fiducia con le famiglie colpite dal precedente amministrazione.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x